La donna che ha beffato New York

| Anna Sorokin, pseudonimo di una ragazza di origine russa, ha conquistato l’upper class di Manhattan fingendosi un’ereditiera tedesca. La sua storia diventerà una serie televisiva

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
New York: 8,623 milioni di abitanti secondo l’ultimo censimento del 2017. Pensare di prenderli in giro tutti, uno per uno, può sembrare una storia degna di un film con la trama scritta da gente tosta. Ma la celeberrima teoria della realtà che di tanto in tanto mette la freccia e supera la fantasia questa volta si è materializzata nelle fattezze di Anna Sorokin, nome d’arte di Anna Delvey, 28enne figlia di un modesto camionista, nata in Russia e cresciuta in Germania ma finita a New York con l’idea di mangiarsi per intero la Grande Mela.

Anna Sorokin, il suo personaggio più riuscito, è sotto processo in questi giorni, rischia 15 anni di carcere per una serie di truffe architettate con una semplicità e un’abilità tali da meritarsi la decisione di trasformare la sua storia in un paio di serie che andranno in onda su “Netflix” e “HBO”. Sia chiaro, nessun morto e nessun ferito: Anna è soltanto la più recente interpretazione dei migliori truffatori della storia, la degna erede di gente come Frank Abagnale, il falsario americano raccontato in “Prova a prendermi” (Catch Me if You Can), film di Steven Spielberg del 2002 interpretato da Leo Di Caprio e Tom Hanks.

Di Anna Sorokin, l’upper class di Manhattan si era accorta in fretta: aveva preso alloggio all’11 Howard, uno dei migliori alberghi della penisola, roba da 400 dollari a notte. Dalle sue borse firmatissime uscivano rotoli di dollari che elargiva come coriandoli ai camerieri dei ristoranti più in voga e agli autisti delle limousine che chiamava quando decideva di andare in scena. Inizia a frequentare i posti giusti, i locali che contano e le gallerie d’arte: racconta a tutti di essere l’unica figlia un po’ annoiata di un petroliere tedesco e per ingannare il tempo, quando ne ha voglia, scrive sulle colonne di “Purple”, esclusiva rivista patinata francese diretta dal fotografo Olivier Zahm. Favoleggia amicizie di famiglia con artisti come Christo e Damien Hirts, racconta di qualche problema caratteriale con Peter W. Hennecke, inesistente e rigidissimo avvocato depositario dei 67 milioni di dollari che sono soltanto la minima parte delle fortune di famiglia. Fa amicizia con imprenditori, sportivi e stelle dello spettacolo, organizza cene nel suo ristorante preferito, il lussuoso “Le Coucou”, noleggia voli privati per weekend e pensa di affittare la “Church Mission House”, una delle più antiche prestigiose dimore patrizie, affacciata su Park Avenue. A garantire per lei, racconta a tutti, ci pensa Gabriel Calatrava, figlio dell’architetto Santiago e suo intimo amico.

In un amen, Anna Sorokin diventa una delle influencer e socialite più cool di tutta Manhattan: non c’è vernissage, anteprima o party che osino dimenticarsi di lei. La sua teoria non fa una piega: quando i ricchi riconoscono una di loro, il gioco è fatto. La vedono sborsare 400 dollari per una sistemata alle sopracciglia da Christian Zamora, una celebrità di cui diventa cliente abituale, come nel salone di Sally Hershberg se deve farsi una piega ai capelli. E nessuno si stupisce, quando dice di avere un problema con la risma di carte di credito che si porta appresso, e chiede ai conoscenti un prestito di 60mila dollari per saldare una vacanza esclusiva al “La Mamounia”, resort di Marrakech da 7mila dollari a notte dove arriva in compagnia di una videomaker che avrebbe dovuto realizzare un documentario su di lei. È la prima tranche dei 275mila dollari che Anna riesce a spillare da amici e conoscenti che si fidano di lei e della sua vita da favola. Anticipata da una fama che ormai sfiora la leggenda e dalle credenziali del miglior studio immobiliare di Manhattan, che assicura la solvibilità della ragazza, si presenta anche alla “City Bank” e chiede un prestito da 22 milioni di dollari, raccontando di avere in mente di aprire un club per gente come lei, che trasuda denaro. La banca gliene concede 100mila, scusandosi per l’inconveniente.

A far cadere il castello di carte è proprio la banca, che per essere certa di riavere i propri soldi invia in Svizzera degli ispettori per chiarire se veramente miss Sorokin fosse solvibile come raccontavano i suoi prestigiosi amici. A insospettirsi è anche l’hotel, che di fronte ad un conto che ormai sfiora i 30mila dollari chiede un anticipo: lo riceve tramite bonifico, ma non avendo nessuna carta di credito su cui appoggiarsi le vietano l’ingresso alla suite. Miss Sorokin se ne va sbattendo la porta e minacciando querele: si sposta all’hotel “Beekman”, quindi al “W Downtown” e al “Parker Méridien”, dove lascia sempre gli stessi buchi.

Nel luglio del 2017, il caso di Anna Sorokin debutta sulle colonne dei giornali: viene arrestata e rilasciata su cauzione, ma non perde il vizio. Due assegni scoperti le assicurano altri 8mila dollari con cui vola Malibu, in California. La arrestano il 3 ottobre per riportarla a New York, carcere di Rikers Island: sulla sua testa pendono accuse di furto, truffa aggravata e tentata truffa.

Quando inizia il processo, nel marzo del 2018, la verità è giù sotto gli occhi di tutti: nata il 23 gennaio del 1991 in Russia, nel 2007 si era trasferita a Eschweiler, in Germania, insieme alla famiglia. Nel 2007 vola a Londra per studiare moda al “Central St. Martin College”, ma non ha tempo da perdere. Si sposta a Berlino e poi Parigi, dove entra realmente – ma come semplice stagista stagionale - nella redazione di “Purple”. È il passepartout che le apre l’high society parigina, scalata consacrata da un account Instagram che racimola in fretta 40mila follower. 

Il 9 maggio il Tribunale Penale di New York si pronuncerà sulla condanna: Anna Sorokin, davanti alla legge tornata Anna Delvey, si è sempre dichiarata innocente. Su change.org è stata addirittura lanciata una petizione per chiedere la grazia: “È un’eroina che ha fatto la bella vita rubando ai ricchi”. Niente di che.

Galleria fotografica
La donna che ha beffato New York - immagine 1
La donna che ha beffato New York - immagine 2
La donna che ha beffato New York - immagine 3
La donna che ha beffato New York - immagine 4
La donna che ha beffato New York - immagine 5
La donna che ha beffato New York - immagine 6
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti