La fine atroce di una giovane mamma

| Marlen Ochoa-Lopez, 19 anni, ha conosciuto sui social una donna che le aveva promesso di donarle quanto serviva per il bimbo in arrivo. L’ha uccisa, strappandole il bimbo dal grembo

+ Miei preferiti
La cercavano interrottamente dal 23 aprile scorso, quando Marlen Ochoa-Lopez, una ragazza di 19 anni incinta al nono mese, era scomparsa dalla sua casa alla periferia di Chicago: appelli, foto segnaletiche e invito a chiunque avesse notizie a farsi avanti.

L’ultima volta, Marlen era stata vista uscire dal liceo “Latino Youth High School”: doveva andare a prendere all’asilo il bimbo di tre anni. A mettere sulle traccia giusta la polizia è stato un amico della ragazza, che ha raccontato l’appello lanciato da Marlen sulla pagina “Help a sister out”, un gruppo di ragazze madri su Facebook: aveva raccontato di essere in difficoltà economiche e cercava qualcuno disposto a donarle o prestarle un passeggino doppio, per il bimbo in arrivo e l’altro. A risponderle era stata Clarisa Figueroa, una donna di 46 anni che l’aveva invitata a casa sua a Scottsdale, in Arizona, assicurando di avere abiti e accessori che non usava più, ed era pronta a donarle ogni cosa. Da quel momento, di Marlen si era persa ogni traccia e la famiglia aveva sporto denuncia per scomparsa.

Un caso che ha tenuto con il fiato sospeso l’America per settimane, concluso qualche ora fa nel peggiore dei modi: il corpo di Marlen Ochoa-Lopez è stato ritrovato in un bidone per la spazzatura nel giardino di casa della donna, a Scottsdale. La giovane è stata strangolata “con un cavo” e una volta morta le è stato strappato il bambino dal grembo. Indizi sufficienti alla polizia per collegare un’altra telefonata, giunta al 911 dalla zona di Scottsdale, dove la 46enne ha chiamato i soccorsi per chiedere aiuto dopo aver partorito in casa da sola. Qualche ora dopo, la donna ha addirittura creato una campagna di raccolta fondi per pagare le spese “del suo bambino”, gravemente malato e destinato a vivere solo pochi giorni. È bastato un’analisi del Dna per capire che quello era il figlio di Marlen Ochoa-Lopez e suo marito Yovani: il bimbo è ricoverato in condizioni gravissime, ha subito danni cerebrali molto gravi e i medici disperano di riuscire a salvarlo.

Insieme alla donna, sono state fermate almeno sette persone, ha svelato Anthony Guglielmi, portavoce della polizia di Chicago che non ha però voluto fornire ulteriori dettagli sulla vicenda. Fra le persone in stato di fermo, tutte accusate di aver preso in qualche modo parte all’omicidio, la figlia 24enne della donna, Desiree, che ha ammesso di aver preso parte al piano.

Galleria fotografica
La fine atroce di una giovane mamma - immagine 1
La fine atroce di una giovane mamma - immagine 2
La fine atroce di una giovane mamma - immagine 3
Stati Uniti
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”