La fine atroce di una giovane mamma

| Marlen Ochoa-Lopez, 19 anni, ha conosciuto sui social una donna che le aveva promesso di donarle quanto serviva per il bimbo in arrivo. L’ha uccisa, strappandole il bimbo dal grembo

+ Miei preferiti
La cercavano interrottamente dal 23 aprile scorso, quando Marlen Ochoa-Lopez, una ragazza di 19 anni incinta al nono mese, era scomparsa dalla sua casa alla periferia di Chicago: appelli, foto segnaletiche e invito a chiunque avesse notizie a farsi avanti.

L’ultima volta, Marlen era stata vista uscire dal liceo “Latino Youth High School”: doveva andare a prendere all’asilo il bimbo di tre anni. A mettere sulle traccia giusta la polizia è stato un amico della ragazza, che ha raccontato l’appello lanciato da Marlen sulla pagina “Help a sister out”, un gruppo di ragazze madri su Facebook: aveva raccontato di essere in difficoltà economiche e cercava qualcuno disposto a donarle o prestarle un passeggino doppio, per il bimbo in arrivo e l’altro. A risponderle era stata Clarisa Figueroa, una donna di 46 anni che l’aveva invitata a casa sua a Scottsdale, in Arizona, assicurando di avere abiti e accessori che non usava più, ed era pronta a donarle ogni cosa. Da quel momento, di Marlen si era persa ogni traccia e la famiglia aveva sporto denuncia per scomparsa.

Un caso che ha tenuto con il fiato sospeso l’America per settimane, concluso qualche ora fa nel peggiore dei modi: il corpo di Marlen Ochoa-Lopez è stato ritrovato in un bidone per la spazzatura nel giardino di casa della donna, a Scottsdale. La giovane è stata strangolata “con un cavo” e una volta morta le è stato strappato il bambino dal grembo. Indizi sufficienti alla polizia per collegare un’altra telefonata, giunta al 911 dalla zona di Scottsdale, dove la 46enne ha chiamato i soccorsi per chiedere aiuto dopo aver partorito in casa da sola. Qualche ora dopo, la donna ha addirittura creato una campagna di raccolta fondi per pagare le spese “del suo bambino”, gravemente malato e destinato a vivere solo pochi giorni. È bastato un’analisi del Dna per capire che quello era il figlio di Marlen Ochoa-Lopez e suo marito Yovani: il bimbo è ricoverato in condizioni gravissime, ha subito danni cerebrali molto gravi e i medici disperano di riuscire a salvarlo.

Insieme alla donna, sono state fermate almeno sette persone, ha svelato Anthony Guglielmi, portavoce della polizia di Chicago che non ha però voluto fornire ulteriori dettagli sulla vicenda. Fra le persone in stato di fermo, tutte accusate di aver preso in qualche modo parte all’omicidio, la figlia 24enne della donna, Desiree, che ha ammesso di aver preso parte al piano.

Galleria fotografica
La fine atroce di una giovane mamma - immagine 1
La fine atroce di una giovane mamma - immagine 2
La fine atroce di una giovane mamma - immagine 3
Stati Uniti
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti