La furia di Dorian

| Potrebbe diventare uno degli uragani più potenti della storia: si muove lentamente e in modo imprevedibile, ma ha raggiunto categoria 5, la più devastante

+ Miei preferiti
Dorian, il mostro dal nome gentile, si muove lentamente e continua a crescere: ha raggiunto la potenza di categoria 5, la più alta possibile, quella che significa morte e distruzione. “È il più grande e il più forte che abbiamo visto in decenni”, ha commentato Trump in un tweet. Hli esperti gli danno ragione: Dorian è secondo solo allo spaventoso “Allen” dell’agosto del 1980, uno degli uragani più potenti della storia che seminò il panico ai fra i tropici e il golfo del Messico uccidendo 269 persone e lasciandosi alle spalle una scia di danni per 1,57 miliardi di dollari. E potrebbe superare il “Labor Day Hurricane” del 1935, un evento catastrofico che con una furia inaspettata rase al suolo le isole Keys mietendo 423 vittime.

In queste ore Dorian ha appena devastato la Great Abaco, arcipelago a nord di Miami, e picchia con forza su Grand Bahama, 90 km al largo della Florida, con venti che superano i 320 km/h e scoperchiano le case, e onde altissime che martellano con forza inaudita la costa, sollevando immense nuvole d’acqua per trasformare ogni strada in un fiume. “Pregate per noi”, ha scritto il premier dell’arcipelago Hobert Minnis in un tweet.

Ha deciso di sfiorare la Florida, scegliendo di puntare verso la Georgia e le due Caroline, dove il governatore Henry McMaster ha ordinato l’evacuazione forza un milione di abitanti dell’intera costa. Scuole, uffici e aeroporti chiusi anche a Miami e in tutta la Florida, mentre il “National Hurricane Center” continua a martellare la popolazione con un solo messaggio: “cercate immediatamente riparo”.

Articoli correlati
Galleria fotografica
La furia di Dorian - immagine 1
Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia