La furia di Dorian

| Potrebbe diventare uno degli uragani più potenti della storia: si muove lentamente e in modo imprevedibile, ma ha raggiunto categoria 5, la più devastante

+ Miei preferiti
Dorian, il mostro dal nome gentile, si muove lentamente e continua a crescere: ha raggiunto la potenza di categoria 5, la più alta possibile, quella che significa morte e distruzione. “È il più grande e il più forte che abbiamo visto in decenni”, ha commentato Trump in un tweet. Hli esperti gli danno ragione: Dorian è secondo solo allo spaventoso “Allen” dell’agosto del 1980, uno degli uragani più potenti della storia che seminò il panico ai fra i tropici e il golfo del Messico uccidendo 269 persone e lasciandosi alle spalle una scia di danni per 1,57 miliardi di dollari. E potrebbe superare il “Labor Day Hurricane” del 1935, un evento catastrofico che con una furia inaspettata rase al suolo le isole Keys mietendo 423 vittime.

In queste ore Dorian ha appena devastato la Great Abaco, arcipelago a nord di Miami, e picchia con forza su Grand Bahama, 90 km al largo della Florida, con venti che superano i 320 km/h e scoperchiano le case, e onde altissime che martellano con forza inaudita la costa, sollevando immense nuvole d’acqua per trasformare ogni strada in un fiume. “Pregate per noi”, ha scritto il premier dell’arcipelago Hobert Minnis in un tweet.

Ha deciso di sfiorare la Florida, scegliendo di puntare verso la Georgia e le due Caroline, dove il governatore Henry McMaster ha ordinato l’evacuazione forza un milione di abitanti dell’intera costa. Scuole, uffici e aeroporti chiusi anche a Miami e in tutta la Florida, mentre il “National Hurricane Center” continua a martellare la popolazione con un solo messaggio: “cercate immediatamente riparo”.

Articoli correlati
Galleria fotografica
La furia di Dorian - immagine 1
Stati Uniti
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”