La guerra dell’impero Disney

| Abigail, la nipote di Walt, all’attacco contro la dirigenza del colosso dell’intrattenimento: licenziati in tronco 100mila dipendenti ma salvati bonus e dividendi dei manager, per centinaia di migliaia di dollari

+ Miei preferiti
L’ultima battaglia a cui il mondo poteva pensare di assistere è quella che sta andando in scena nel magico universo per eccellenza, la Disney. Eppure, ogni tanto si finisce per scordarsi che la fabbrica dei sogni di tutti i bambini del mondo non è solo abitata da paperi e topi, perché quelli sono soltanto la punta dell’iceberg di un colossale impero dalle regole spietate che macina miliardi di dollari ogni anno.

È contro tutto questo che da sempre fa sentire la sua voce Abigail Disney, nipote di Walt e Roy, i due fratelli partiti disegnando un topolino in un garage di Los Angeles e finiti sul tetto di Hollywood. Abigail, accompagnata da un cognome pesante, è sempre stata una spina nel fianco per i papaveri della Disney e dell’America intera. Per lei, il divario fra ricchi e poveri negli Stati Uniti e troppo marcato, evidente, discriminatorio, e senza timore di essere smentita, porta ad esempio l’azienda di famiglia, con centinaia di dipendenti sfruttati e pagati una miseria mentre i papaveri del consiglio di amministrazione si portano a casa appannaggi che da altre parti varrebbero un paio di punti di Pil.

Ma adesso, nel periodo della pandemia che ha costretto la Disney a chiudere i propri parchi a tema e imposto lo stop a Hollywood, Abigail è un fiume in piena che ha appena lanciato un attacco violentissimo verso l’azienda che porta il suo nome, ancora una volta accusata di proteggere bonus e dividendi trimestrali dei dirigenti licenziando in tronco 100mila dipendenti che si guadagnavano da vivere nei parchi e negli hotel, sorridendo ai bambini e tenendo i pavimenti puliti a specchio, perché tutto nell’universo Disney appaia sempre pulito, scintillante e festoso.

“Stiamo parlando di cifre con cui si sarebbero potuti pagare tre mesi di stipendio ai dipendenti, invece di abbandonarli al loro destino in un momento in cui lavoro non ce n’è e quasi sicuramente finiranno sotto i ponti, se non hanno una famiglia ad accoglierli”.

La compagnia, in forte imbarazzo, non ha rilasciato alcun commento, facendo circolare una voce secondo cui i dipendenti continueranno a ricevere la copertura sanitaria assicurativa, ma giocoforza sono andati ad aggiungersi ai milioni di persone che hanno presentato domanda di disoccupazione negli Stati Uniti.

“Il licenziamento di massa della più grande società di intrattenimento del mondo - che ha parchi negli Stati Uniti, in Francia, Cina, Hong Kong e Giappone - riguarda circa la metà della sua forza lavoro. E rappresentando questa il 45% delle spese di gestione e il 33% delle spese totali, significa un notevole risparmio”, ha dichiarato Alexia Quadrani di JPMorgan, stimando il risparmio mensile per le casse Disney di 500 milioni di dollari.

In segno di solidarietà con la situazione precaria in cui versa l’America, per quest’anno l’ex amministratore delegato Bob Iger ha rinunciato al resto del suo stipendio di 3 milioni di dollari, e il suo sostituto Bob Chapek ha scelto di ridursi della metà lo stipendio base di 2,5 milioni di dollari. Ma nessuno dei due ha accuratamente citato i bonus aziendali, che superano di gran lunga i loro stipendi. Secondo alcune stime, nel 2018 Iger ha ricevuto 65,6 milioni di dollari di incentivi e 46 milioni lo scorso anno, mentre il bonus di Chapek dovrebbe essere circa il 300% del suo stipendio, portando a casa “non meno di 15 milioni di dollari” in incentivi a lungo termine solo quest’anno, a cui aggiungere i 47,5 milioni dello scorso anno.

In compenso, i dipendenti Disney hanno lottato anni per un salario minimo di 15 dollari all’ora, che significa circa 31.200 dollari all’anno, a patto di avere lo stipendio. “Quindi, il compenso di Iger per quest’anno ammonterà a 1.500 volte la loro retribuzione - tuona Abigail Disney – è sbagliato: la nostra capacità di essere davvero un esempio per il mondo inizia con i membri del nostro cast, che creano la magia ogni giorno. Il nostro impegno nei loro confronti dev’essere la massima priorità. La Disney si trova di fronte ad un paio d’anni difficili, con sfide addirittura esistenziali, ma questo non costituisce un via libera per il saccheggio continuo della dirigenza”. Le fa eco l’analista Rich Greenfield, secondo cui “Avrebbero potuto tranquillamente permettersi non licenziare nessuno”.

Galleria fotografica
La guerra dell’impero Disney - immagine 1
La guerra dell’impero Disney - immagine 2
La guerra dell’impero Disney - immagine 3
La guerra dell’impero Disney - immagine 4
Stati Uniti
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica