La guerra dell段mpero Disney

| Abigail, la nipote di Walt, all誕ttacco contro la dirigenza del colosso dell段ntrattenimento: licenziati in tronco 100mila dipendenti ma salvati bonus e dividendi dei manager, per centinaia di migliaia di dollari

+ Miei preferiti
L’ultima battaglia a cui il mondo poteva pensare di assistere è quella che sta andando in scena nel magico universo per eccellenza, la Disney. Eppure, ogni tanto si finisce per scordarsi che la fabbrica dei sogni di tutti i bambini del mondo non è solo abitata da paperi e topi, perché quelli sono soltanto la punta dell’iceberg di un colossale impero dalle regole spietate che macina miliardi di dollari ogni anno.

È contro tutto questo che da sempre fa sentire la sua voce Abigail Disney, nipote di Walt e Roy, i due fratelli partiti disegnando un topolino in un garage di Los Angeles e finiti sul tetto di Hollywood. Abigail, accompagnata da un cognome pesante, è sempre stata una spina nel fianco per i papaveri della Disney e dell’America intera. Per lei, il divario fra ricchi e poveri negli Stati Uniti e troppo marcato, evidente, discriminatorio, e senza timore di essere smentita, porta ad esempio l’azienda di famiglia, con centinaia di dipendenti sfruttati e pagati una miseria mentre i papaveri del consiglio di amministrazione si portano a casa appannaggi che da altre parti varrebbero un paio di punti di Pil.

Ma adesso, nel periodo della pandemia che ha costretto la Disney a chiudere i propri parchi a tema e imposto lo stop a Hollywood, Abigail è un fiume in piena che ha appena lanciato un attacco violentissimo verso l’azienda che porta il suo nome, ancora una volta accusata di proteggere bonus e dividendi trimestrali dei dirigenti licenziando in tronco 100mila dipendenti che si guadagnavano da vivere nei parchi e negli hotel, sorridendo ai bambini e tenendo i pavimenti puliti a specchio, perché tutto nell’universo Disney appaia sempre pulito, scintillante e festoso.

“Stiamo parlando di cifre con cui si sarebbero potuti pagare tre mesi di stipendio ai dipendenti, invece di abbandonarli al loro destino in un momento in cui lavoro non ce n’è e quasi sicuramente finiranno sotto i ponti, se non hanno una famiglia ad accoglierli”.

La compagnia, in forte imbarazzo, non ha rilasciato alcun commento, facendo circolare una voce secondo cui i dipendenti continueranno a ricevere la copertura sanitaria assicurativa, ma giocoforza sono andati ad aggiungersi ai milioni di persone che hanno presentato domanda di disoccupazione negli Stati Uniti.

“Il licenziamento di massa della più grande società di intrattenimento del mondo - che ha parchi negli Stati Uniti, in Francia, Cina, Hong Kong e Giappone - riguarda circa la metà della sua forza lavoro. E rappresentando questa il 45% delle spese di gestione e il 33% delle spese totali, significa un notevole risparmio”, ha dichiarato Alexia Quadrani di JPMorgan, stimando il risparmio mensile per le casse Disney di 500 milioni di dollari.

In segno di solidarietà con la situazione precaria in cui versa l’America, per quest’anno l’ex amministratore delegato Bob Iger ha rinunciato al resto del suo stipendio di 3 milioni di dollari, e il suo sostituto Bob Chapek ha scelto di ridursi della metà lo stipendio base di 2,5 milioni di dollari. Ma nessuno dei due ha accuratamente citato i bonus aziendali, che superano di gran lunga i loro stipendi. Secondo alcune stime, nel 2018 Iger ha ricevuto 65,6 milioni di dollari di incentivi e 46 milioni lo scorso anno, mentre il bonus di Chapek dovrebbe essere circa il 300% del suo stipendio, portando a casa “non meno di 15 milioni di dollari” in incentivi a lungo termine solo quest’anno, a cui aggiungere i 47,5 milioni dello scorso anno.

In compenso, i dipendenti Disney hanno lottato anni per un salario minimo di 15 dollari all’ora, che significa circa 31.200 dollari all’anno, a patto di avere lo stipendio. “Quindi, il compenso di Iger per quest’anno ammonterà a 1.500 volte la loro retribuzione - tuona Abigail Disney – è sbagliato: la nostra capacità di essere davvero un esempio per il mondo inizia con i membri del nostro cast, che creano la magia ogni giorno. Il nostro impegno nei loro confronti dev’essere la massima priorità. La Disney si trova di fronte ad un paio d’anni difficili, con sfide addirittura esistenziali, ma questo non costituisce un via libera per il saccheggio continuo della dirigenza”. Le fa eco l’analista Rich Greenfield, secondo cui “Avrebbero potuto tranquillamente permettersi non licenziare nessuno”.

Galleria fotografica
La guerra dell段mpero Disney - immagine 1
La guerra dell段mpero Disney - immagine 2
La guerra dell段mpero Disney - immagine 3
La guerra dell段mpero Disney - immagine 4
Stati Uniti
Trump, spostato all8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l弾x presidente prende tempo sul suo futuro: 擢aremo qualcosa, ma non subito
L巽BI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L巽BI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: 溺olti non si rendono conto di essere vittime
Che ne sar di Donald?
Che ne sar di Donald?
L弛scuro futuro dell弾x presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l誕mministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni pi odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l誕genda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredit di Trump
La difficile eredit di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l但merica. La presidenza di Biden sar una delle pi difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che secondo il New York Times sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori pi stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: 鏑ui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni
Una parte dell但merica si sta radicalizzando
Una parte dell但merica si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l誕ttacco al Campidoglio sia solo l段nizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l棚nuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia