La lunga notte di Joe

| Una marcia trionfale del tutto inattesa dai pronostici, permette all’ex di Obama a dominare il Super Tuesday. Gli resiste solo Bernie Sanders, mentre il grande sconfitto è Mike Bloomberg, che pensa già al ritiro

+ Miei preferiti
Dato per spacciato, tagliato fuori dai giochi, finito in un angolo, Joe Biden, - l’ex vice di Barack Obama – con un colpo di reni degno delle migliori sceneggiature di Hollywood travolge il resto dei candidati Dem nel “Super Tuesday”, passaggio cardine delle primarie americane. È il tardo pomeriggio quando Joe compare sul palco del “Baldwin Hills Recreation Center” di Los Angeles per annunciare: “È una notte straordinaria, siamo più vivi che mai”.

Ha ragione: si è preso mezza America, anche se Texas e California – quest’ultimo il boccone più ambito per i 415 delegati – gli hanno preferito il vecchio saggio Bernie Sanders. Ma il conto finale è comunque dalla sua: 302 delegati contro i 239 di Bernie, seguiti dai miseri 17 che tagliano fuori anche Elizabeth Warren.

Il grande sconfitto è Michael Bloomberg, il miliardario ex sindaco di New York che ha preferito immolare milioni di dollari in pubblicità piuttosto che scendere fra la gente. A caldo, Mike ammette che sta facendo un pensiero su un eventuale ritiro, anche se dichiara di essere “pronto a tutto pur di vedere Trump sconfitto”.

Amy Klobucher, senatrice del Minnesota, spiega l’improvviso “tsunami  Biden” nel serrate le file del partito democratico verso un unico candidato, “Sleepy Joe”, come lo chiama Trump, il sonnacchioso Joe, che in realtà ha sempre temuto, lo dimostrano i tentativi di scatenare un’inchiesta dell’Ucraina sulla sua famiglia che gli è quasi costata la poltrona dello Studio Ovale.

A spingere Biden i numerosi endorsement delle ore precedenti: dagli ex candidati dem Amy Klobucher e Pete Puttigieg a Susan Rice, consigliere per la sicurezza nazionale, quindi l’attrice Alyssa Milano e la vedova di Ted Kennedy, solo per citarne alcuni: quanto basta per portarsi a casa 8 stati su 14. 

Stati Uniti
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti