La parabola di Michael Avenatti

| L’ex avvocato di Stormy Daniels, l'ex pornostar che ha accusato Trump di averle pagato il silenzio per una notte di sesso, è finito in disgrazia. Deve rispondere di così tante accuse e denunce da rischiare centinaia di anni di galera

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Era il 26 marzo del 2018, cinque mesi dopo il botto dello scandalo Weinstein, quando l’ex pornostar Stormy Daniels compare sulle televisioni di tutto il mondo per sputtanare Donald Trump: “Abbiamo avuto una notte di sesso, e sono stata pagata 130mila dollari per restare in silenzio”. Al suo fianco c’è un uomo dallo sguardo duro e un mezzo sorriso sornione: l’avvocato Michael Avenatti, colui che si è messo a studiare leggi e cavilli per riuscire a invalidare l’accordo di non divulgazione sottoscritto dai legali di quello che nel 2006, ai tempi della notte focosa, era il “Tycoon” più celebre del pianeta, ma adesso era diventato nientemeno The President, il presidente in persona.



Michael Avenatti, californiano di Sacramento con sangue italiano nelle vene, 48 anni, fisico palestrato, una passione per le gare sportive in auto, studi in legge all’università di St. Louis e della Pennsylvania, è l’incarnazione vivente dell’avvocato tante volte pennellato dai film di Hollywood. Pochi scrupoli, lingua tagliente, presenza ingombrante, dopo gli studi trova un posto presso lo studio “O’Melveny & Myers” di Los Angeles, dove si fa notare difendendo Christina Aguilera in una causa contro un produttore cinematografico e Don Henley e Glenn Frey, i due componenti degli “Eagles” citati dall’ex compagno di band Don Felder. Cambia passo entrando nelle file del “Greene Broillet & Wheeler”, dove gli assegnano la difesa di Paris Hilton in un caso di diffamazione e una causa per plagio del format televisivo “The Apprentice”, quello con Donald Trump protagonista. Nel 2007, il salto di qualità: inaugura lo studio “Eagan & Avenatti LLP” aprendo uffici a Newport Beach, Los Angeles e San Francisco. Ormai è un personaggio a tutto tondo, che più volte finisce come ospite in talk show televisivi in cui parla delle diverse class-action che porta avanti nei tribunali, quasi tutte finite positivamente per i suoi clienti.

Nel 2017, qualcosa inizia a incrinarsi: Avenatti viene denunciato da Gerald Tobin, un investigatore privato della Florida che da lui pretende 28.700 dollari per un’indagine commissionata anni prima e mai pagata. Un anno dopo, lo studio Eagan & Avenatti finisce davanti al tribunale fallimentare per inadempienza su imposte, tasse, sanzioni, interessi, truffe e frodi bancarie, a cui si aggiunge la causa di Michael Q. Eagan, l’ormai ex socio, che accampa diritti su 54 cause curate dallo studio. Un anno dopo, la stessa Stormy Daniels revoca il mandato all’avvocato, commentando di essere stata trattata “in modo estremamente disonesto”. Nel novembre dello scorso anno, Michael Avenatti viene arrestato a Los Angeles per sospetta violenza domestica ai danni di una donna, identificata in modo generico come “la fidanzata”, che malgrado ferite in volto e sul corpo preferisce non sporgere denuncia.

Incurante della tempesta che gli ruota intorno, negli stessi giorni Avenatti racconta in un’intervista che medita di candidarsi per la corsa alla Casa Bianca come indipendente, “A nome del partito della verità”.

Mentre attende di risolvere numerose questioni davanti ai tribunali californiani, lo scorso marzo viene arrestato a New York e rilasciato dietro il pagamento di una cauzione da 300mila dollari per aver tentato un’estorsione da 25 milioni di dollari alla “Nike”, il celebre marchio di abbigliamento sportivo, e un’altra ad un cliente paraplegico.

Ma qualche giorno fa, un’altra tegola ha colpito in pieno il cranio liscio di Avenatti: secondo un tribunale di Manhattan, l’avvocato avrebbe sottratto ben 295mila dollari a Stormy Daniels, la cliente che lo ha consacrato alla celebrità, facendo dirottare sul proprio conto una parte dei diritti del libro di memorie scritto dall’ex attrice porno. Mettendo insieme quanto rischia per ogni accusa e denuncia da cui deve difendersi, c’è chi ha calcolato la possibilità che le sbarre si chiudano dietro di lui per 300 anni.

Galleria fotografica
La parabola di Michael Avenatti - immagine 1
La parabola di Michael Avenatti - immagine 2
La parabola di Michael Avenatti - immagine 3
La parabola di Michael Avenatti - immagine 4
Stati Uniti
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
A Phoenix, Arizona, una pattuglia della polizia ha avuto una reazione spropositata di fronte al furto di un bambolina di una bimba di 4 anni. I genitori non si erano accorti di nulla
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Pamela, 24 anni, è stata colpita al petto ed è spirata qualche ora dopo: il fidanzato Andrew giura si sia trattato di un incidente. Ma la polizia non sembra credere alla sua versione
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Duro editoriale sul Guardian: "S'è prestata a nascondere la misoginia di Trump, chiunque la sostituirà non può fare peggio di lei". "Disprezza i giornalisti, da 90 giorni neanche una conferenza stampa".
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Brandon Webber, un giovane di colore di 20 anni, crivellato di colpi dalla polizia. La folla è scesa in piazza per protestare, ma la situazione è degenerata in scontri con le forze dell’ordine
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Il giovane ucciso lo scorso febbraio a Vallejo, in California, è stato crivellato con 55 colpi d’arma da fuoco. La famiglia chiede giustizia, mentre un consulente giustifica la polizia
Esorcismo per via orale
Esorcismo per via orale
Padre Bill, prete di una chiesa presbiteriana in New Jersey, avrebbe praticato sesso orale a tre uomini che gli avevano chiesto aiuto, spacciandolo per un esorcismo
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla
Alabama: la castrazione chimica è legge
Alabama: la castrazione chimica è legge
I condannati per reati sessuali saranno obbligati a sottoporsi al trattamento un mese prima della scarcerazione. Un provvedimento che fa esultare la governatrice Kay Ivey ma divide gli Stati Uniti, come la recente legge sull’aborto
L’ultima beffa di Mr. Untouchable
L’ultima beffa di Mr. Untouchable
Leroy Barnes, elegantissimo signore della droga newyorkese, è morto nel 2012, ma la notizia è stata rivelata soltanto a pochi giorni dalla scomparsa del suo rivale di sempre, Frank Lucas
Sgominata da banda degli iPhone
Sgominata da banda degli iPhone
In sette anni sono riusciti a rubare migliaia di smartphone Apple rivendendoli sul mercato nero: si parla di un bottino di circa 19 milioni di dollari