La pizza al lassativo

| Lo scherzo di pessimo gusto di tre dipendenti di una catena di pizzeria americane. I tre sono stati denunciati e il locale chiuso dalle autorità sanitarie

+ Miei preferiti
Pare che ci pensassero da tempo, poi una sera, tre dipendenti di “Mr. Jim’s Pizza”, un locale di Sprintown, hanno deciso di agire: nelle pizze ordinate dai clienti hanno versato del lassativo liquido. Non contenti, hanno anche pensato di raccontare tutto su Facebook, dove il post è passato attraverso il profilo di un cliente, che ha pensato di avvisare la polizia scatenando il putiferio. I tre sono stati denunciati e gli ufficiali sanitari hanno messo i sigilli al locale in attesa di far luce sulla vicenda. Secondo quanto raccontato dai tre, una sola pizza sarebbe stata condita con il lassativo, fra l’altro neanche finita ad un cliente ma mangiata poco dopo da un loro collega, fra le risate.

“Mr. Jim’s Pizza” è una catena di pizzeria in franchising con sede a Farmers Branch, in Texas, nota soprattutto per la crosta alta e fra le specialità più amate dalla clientela c’è la formula “Natcho Stix”: cipolla, jalapenos, mozzarella e cheddar. Aperta da Jim Johnson a Detroit, in Michigan, nel 1975, la catena conta attualmente 42 locali diversi sparsi fra Texas, Louisiana, North Carolina, Nevada e Wyoming. È una delle cinque catene di pizzerie con sede nella periferia di Dallas: “Pizza Hut”, “Pizza Inn”, “Cicis” e “Pizza Patrón”.



La polizia di Springtown ha però scelto di dare una mano alla catena, pubblicando sulla propria pagina FB un post in cui un agente addenta la pizza: “Non lasciamo che la follia di qualcuno faccia del male ad una delle nostre imprese locali”.

Galleria fotografica
La pizza al lassativo - immagine 1
Stati Uniti
Trump e la guerra della doccia
Trump e la guerra della doccia
“Con la pressione dell’acqua attuale, non riesco a lavare bene i miei bellissimi capelli”. L’ultima idea di Trump, far aumentare il flusso d’acqua nelle abitazioni
Majorire Taylor Greene, la complottista candidata al Congresso
Majorire Taylor Greene, la complottista candidata al Congresso
Con molta probabilità, l’imprenditrice della Georgia sarà la prima sostenitrice della teoria QAnon a varcare la soglia di Capitol Hill. Razzista, anti abortista e in favore del muro, contro di lei si è schierato il Partito Repubblicano
Sparatoria alla Casa Bianca
Sparatoria alla Casa Bianca
La sicurezza avrebbe aperto il fuoco contro un uomo armato che si avvicinava ai cancelli ignorando gli avvisi. Trump portato la sicuro dai servizi segreti
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Uno scoop del NYT svela le manovre del presidente e della Casa Bianca per aggiungere il volto di Trump a quelli dei padri della patria
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Secondo uno studio demografico, un numero record di persone sta rinunciando alla cittadinanza statunitense. Fra i motivi le politiche di Trump e le tasse troppo elevate
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Dal 1984, Allan Lichtman non sbaglia un risultato elettorale. Tutto secondo lui si basa sulle 13 chiavi che bisogna conquistare per conquistare la Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti