La polveriera americana

| Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori

+ Miei preferiti
Sono gli otto minuti e 48 secondi che stanno costando all’America una delle peggiori situazioni di sempre. È il tempo in cui l’agente Derek Chauvin ha tenuto premuto il suo pesante ginocchio sul collo di George Floyd, fermato da una pattuglia della polizia di Minneapolis con l’accusa di aver tentato di pagare un pacchetto di sigarette con una banconota da 20 dollari falsa.

E l’America, il paese che non sa stare fermo, per la prima volta azzoppato dalla pandemia, è esplosa di rabbia. Bastava una scintilla, una qualsiasi, lo sapevano tutti: c’era sotto la cenere tutto il rancore possibile per assistere all’ennesima dimostrazione di evidente disparità fra le classi sociali della più grande superpotenza del mondo. Neanche il lockdown aveva saputo livellare tutto: ai primi morti per coronavirus, i ricchi erano volati nelle residenze in Florida o negli Hamptons, e i rimasti poveri in coda per gli ospedali e i “food stamps”, i buoni statali distribuiti per evitare che qualcuno muoia di fame.

“Rodney King, Brown, Floyd: i nomi cambiano, il colore no - commenta amaro Andrew Cuomo, governatore di New York - io sto sempre con chi protesta, ma dalla parte della violenza mai”. Non proprio lo stesso credo pacifista di Trump, che all’inizio delle proteste aveva twittato una perla degna di John Wayne dalla sella del suo cavallo stagliato contro il tramonto su una prateria: “Quando inizia il saccheggio, inizia la sparatoria”. Chissà se era contento quando ha scoperto che qualcuno gli ha dato retta tirando fuori un paio di pistole che hanno lasciato a terra un 19enne a Detroit e una guardia giurata a Oakland. O ancora quando ad Atlanta in tanti se la sono presa con il quartiere generale della “CNN”, o forse ancora di più nelle cinque ore in cui qualche centinaio di persone ha tenuto sotto scatto la Casa Bianca, dove in tanti non lo vogliono più vedere dopo una serie di disastri a cui si aggiunge anche questo.

Ma ormai è l’America intera ad essere un’immensa polveriera che schiuma rabbia e chiede vendetta: dopo mesi di silenzio irreale, la gente si è ripresa le strade e giura di voler andare fino in fondo, perché mentre quei due dalla Nasa volano nello spazio, si riesce e ancora a morire per il colore della pelle. E non sono bastati a placare le proteste neanche l’arresto del poliziotto con un passato da teppista in divisa, o il risultato dell’autopsia, secondo cui George Floyd non è morto per soffocamento o asfissia, ma per “preesistenti condizioni precarie di salute e potenziali sostanze tossiche”. Non ci crede nessuno, perché comunque senza quel ginocchio George sarebbe ancora qui.

A Minneapolis, dove tutto è cominciato e dove dal 1929 non si vedeva così tanta gente per strada, sono attesi 2.500 uomini della Guardia Nazionale. Non va meglio a Louisville, St. Louis, Cincinnati, Portland, Denver, Columbus, Philadelphia, New York e Houston, dove in 200 sono finiti in manette mentre in aria volavano molotov e spray al peperoncino. Solo una parte dei 1.500 arresti avvenuti in 25 città americane, alcune bloccate dal coprifuoco. 

Impossibile contare le auto date alle fiamme, le pompe di benzina, gli uffici postali, gli sportelli bancomat e i ristoranti presi d’assalto: ovunque ci fosse un muro o uno spazio lasciato livero sempre la stressa frase: “I can’t breathe”, non riesco a respirare. Le ultime parole di George Floyd, ma anche lo stesso urlo di dolore di un Paese intero.

Stati Uniti
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
Il quotatissimo Ted Cruz paparazzato con la famiglia mentre partiva per una vacanza in Messico. Travolto dalle critiche è rientrato di corsa, ma la sua carriera potrebbe finire qui
Il Texas in ginocchio
Il Texas in ginocchio
Milioni di persone bloccate senza luce e acqua, mentre si registrano le prime carenze di cibo. Il presidente Biden ha chiesto lo stato di emergenza
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Il più anziano e longevo ergastolano di tuta l’America è tornato ad essere un uomo libero. Aveva rifiutato per tre volte la libertà condizionata
Trump all’attacco dei repubblicani
Trump all’attacco dei repubblicani
L’ex presidente è tornato a far sentire la propria voce, dando di fatto il via alla resa dei conti in casa repubblicana. Nel mirino chi ha votato perché fosse condannato e il leader McConnell, “un cupo scribacchino”