La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer

| Uno dei più potenti colossi fra i “Bigpharma”, messo sotto accusa per aver taciuto sulle conseguenze dell’OxyContin, ha raggiunto un accordo con provvisorio con diversi Stati e 2.000 fra città e contee americane. Ma qualcuno si oppone

+ Miei preferiti
Le pesanti accuse, le 2.000 azioni legali presentate da 24 Stati, più altrettante intentate fra città, contee e class action contro 22 “Bigpharma”, i colossi dell’industria farmaceutica accusati di aver causato deliberatamente un’epidemia di oppioidi che negli Stati Uniti è costata la vita a quasi 400mila persone tra il 1999 ed il 2017, hanno fatto un’altra vittima, piuttosto eccellente.

Il potente gruppo farmaceutico statunitense “Purdue Pharma”, ha presentato istanza di fallimento e chiesto la procedura di protezione del “Chapter 11”, norma prevista dalla legge fallimentare americana. Lo scopo è di raccogliere i 10 miliardi di dollari necessari per risolvere le migliaia di cause che si concentrano sull’OxyContin, l’antidolorifico con prescrizione medica ritenuto una delle principali cause di morte. Secondo l’accusa, l’antidolorifico oppioide sostituto della morfina fu commercializzato in modo aggressivo, ingannando medici e pazienti sui rischi di dipendenza e sovradosaggio.

In base all’accordo, l’attivazione del Chapter 11 - sostenuta da quasi tutti gli stati che hanno sporto denuncia contro la Purdue Pharma – prevede che la famiglia Sacklers consegni i beni aziendali ad un trust: il denaro sarà utilizzato per il trattamento farmacologico dei pazienti ancora a rischio. Un patteggiamento che vale meno dei 12 miliardi di dollari originariamente previsti, rivisto in base al bilancio presentato dall’azienda, in cui dimostra un giro d’affari di 10 miliardi e debiti per 1 miliardo.

Come parte dell’accordo, i Sacklers hanno accettato di contribuire personalmente con almeno 3 miliardi di dollari attraverso il denaro generato dalla vendita della filiale britannica “Mundipharma”, con sede nel Regno Unito. Il loro contributo era diventato un punto fermo durante le trattative.

Steve Miller, presidente del consiglio di amministrazione di Purdue Pharma, riunitosi per approvare la tanto attesa istanza di fallimento, ha detto: “L’accordo evita di sprecare centinaia di milioni di dollari e anni in contenziosi prolungati, invece fornirà miliardi di dollari e risorse alle comunità di tutto il paese che cercano di affrontare la crisi degli oppioidi. Continueremo a lavorare con i procuratori generali e i rappresentanti di tutti i querelanti per finalizzare questo accordo il più rapidamente possibile”.

Tuttavia, almeno due dozzine di Stati, tra cui Massachusetts, New York e Connecticut, rimangono contrari o non disposti a sottoscrivere l’accordo: oltre ad avere messo in discussione la veridicità delle cifre presentate dalla Purdue, pretendono dalla famiglia Sackler un contributo economico maggiore. Un'opposizione che potrebbe complicare e rallentare l’iter del fallimento.

In una dichiarazione, la famiglia Sackler ha affermato di sperare che coloro che si oppongono all’attuale offerta cambieranno idea: “È la nostra speranza che il processo fallimentare porrà fine alla nostra proprietà di Purdue e garantirà che i suoi beni siano dedicati al bene pubblico. Siamo fiduciosi che, col tempo, le parti non ancora solidali alla fine sposteranno la loro attenzione sulle risorse che l’accordo fornisce alle persone che hanno bisogno di aiuto. L’alternativa è di non risolvere il caso, riprendendo il contenzioso per tutto il tempo che sarà necessario, ma è chiaro che la ripresa della causa diminuirebbe rapidamente tutte le risorse dell’azienda”.

Galleria fotografica
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 1
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 2
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 3
Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore