La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer

| Uno dei più potenti colossi fra i “Bigpharma”, messo sotto accusa per aver taciuto sulle conseguenze dell’OxyContin, ha raggiunto un accordo con provvisorio con diversi Stati e 2.000 fra città e contee americane. Ma qualcuno si oppone

+ Miei preferiti
Le pesanti accuse, le 2.000 azioni legali presentate da 24 Stati, più altrettante intentate fra città, contee e class action contro 22 “Bigpharma”, i colossi dell’industria farmaceutica accusati di aver causato deliberatamente un’epidemia di oppioidi che negli Stati Uniti è costata la vita a quasi 400mila persone tra il 1999 ed il 2017, hanno fatto un’altra vittima, piuttosto eccellente.

Il potente gruppo farmaceutico statunitense “Purdue Pharma”, ha presentato istanza di fallimento e chiesto la procedura di protezione del “Chapter 11”, norma prevista dalla legge fallimentare americana. Lo scopo è di raccogliere i 10 miliardi di dollari necessari per risolvere le migliaia di cause che si concentrano sull’OxyContin, l’antidolorifico con prescrizione medica ritenuto una delle principali cause di morte. Secondo l’accusa, l’antidolorifico oppioide sostituto della morfina fu commercializzato in modo aggressivo, ingannando medici e pazienti sui rischi di dipendenza e sovradosaggio.

In base all’accordo, l’attivazione del Chapter 11 - sostenuta da quasi tutti gli stati che hanno sporto denuncia contro la Purdue Pharma – prevede che la famiglia Sacklers consegni i beni aziendali ad un trust: il denaro sarà utilizzato per il trattamento farmacologico dei pazienti ancora a rischio. Un patteggiamento che vale meno dei 12 miliardi di dollari originariamente previsti, rivisto in base al bilancio presentato dall’azienda, in cui dimostra un giro d’affari di 10 miliardi e debiti per 1 miliardo.

Come parte dell’accordo, i Sacklers hanno accettato di contribuire personalmente con almeno 3 miliardi di dollari attraverso il denaro generato dalla vendita della filiale britannica “Mundipharma”, con sede nel Regno Unito. Il loro contributo era diventato un punto fermo durante le trattative.

Steve Miller, presidente del consiglio di amministrazione di Purdue Pharma, riunitosi per approvare la tanto attesa istanza di fallimento, ha detto: “L’accordo evita di sprecare centinaia di milioni di dollari e anni in contenziosi prolungati, invece fornirà miliardi di dollari e risorse alle comunità di tutto il paese che cercano di affrontare la crisi degli oppioidi. Continueremo a lavorare con i procuratori generali e i rappresentanti di tutti i querelanti per finalizzare questo accordo il più rapidamente possibile”.

Tuttavia, almeno due dozzine di Stati, tra cui Massachusetts, New York e Connecticut, rimangono contrari o non disposti a sottoscrivere l’accordo: oltre ad avere messo in discussione la veridicità delle cifre presentate dalla Purdue, pretendono dalla famiglia Sackler un contributo economico maggiore. Un'opposizione che potrebbe complicare e rallentare l’iter del fallimento.

In una dichiarazione, la famiglia Sackler ha affermato di sperare che coloro che si oppongono all’attuale offerta cambieranno idea: “È la nostra speranza che il processo fallimentare porrà fine alla nostra proprietà di Purdue e garantirà che i suoi beni siano dedicati al bene pubblico. Siamo fiduciosi che, col tempo, le parti non ancora solidali alla fine sposteranno la loro attenzione sulle risorse che l’accordo fornisce alle persone che hanno bisogno di aiuto. L’alternativa è di non risolvere il caso, riprendendo il contenzioso per tutto il tempo che sarà necessario, ma è chiaro che la ripresa della causa diminuirebbe rapidamente tutte le risorse dell’azienda”.

Galleria fotografica
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 1
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 2
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 3
Stati Uniti
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg
La discesa di Jared e Ivanka, che New York non vuole più
La discesa di Jared e Ivanka, che New York non vuole più
La scena sociale a cui erano abituati prima della parentesi politica ha già iniziato a prendere le distanze dalla “coppia reale”, in realtà mai troppo digerita