La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer

| Uno dei più potenti colossi fra i “Bigpharma”, messo sotto accusa per aver taciuto sulle conseguenze dell’OxyContin, ha raggiunto un accordo con provvisorio con diversi Stati e 2.000 fra città e contee americane. Ma qualcuno si oppone

+ Miei preferiti
Le pesanti accuse, le 2.000 azioni legali presentate da 24 Stati, più altrettante intentate fra città, contee e class action contro 22 “Bigpharma”, i colossi dell’industria farmaceutica accusati di aver causato deliberatamente un’epidemia di oppioidi che negli Stati Uniti è costata la vita a quasi 400mila persone tra il 1999 ed il 2017, hanno fatto un’altra vittima, piuttosto eccellente.

Il potente gruppo farmaceutico statunitense “Purdue Pharma”, ha presentato istanza di fallimento e chiesto la procedura di protezione del “Chapter 11”, norma prevista dalla legge fallimentare americana. Lo scopo è di raccogliere i 10 miliardi di dollari necessari per risolvere le migliaia di cause che si concentrano sull’OxyContin, l’antidolorifico con prescrizione medica ritenuto una delle principali cause di morte. Secondo l’accusa, l’antidolorifico oppioide sostituto della morfina fu commercializzato in modo aggressivo, ingannando medici e pazienti sui rischi di dipendenza e sovradosaggio.

In base all’accordo, l’attivazione del Chapter 11 - sostenuta da quasi tutti gli stati che hanno sporto denuncia contro la Purdue Pharma – prevede che la famiglia Sacklers consegni i beni aziendali ad un trust: il denaro sarà utilizzato per il trattamento farmacologico dei pazienti ancora a rischio. Un patteggiamento che vale meno dei 12 miliardi di dollari originariamente previsti, rivisto in base al bilancio presentato dall’azienda, in cui dimostra un giro d’affari di 10 miliardi e debiti per 1 miliardo.

Come parte dell’accordo, i Sacklers hanno accettato di contribuire personalmente con almeno 3 miliardi di dollari attraverso il denaro generato dalla vendita della filiale britannica “Mundipharma”, con sede nel Regno Unito. Il loro contributo era diventato un punto fermo durante le trattative.

Steve Miller, presidente del consiglio di amministrazione di Purdue Pharma, riunitosi per approvare la tanto attesa istanza di fallimento, ha detto: “L’accordo evita di sprecare centinaia di milioni di dollari e anni in contenziosi prolungati, invece fornirà miliardi di dollari e risorse alle comunità di tutto il paese che cercano di affrontare la crisi degli oppioidi. Continueremo a lavorare con i procuratori generali e i rappresentanti di tutti i querelanti per finalizzare questo accordo il più rapidamente possibile”.

Tuttavia, almeno due dozzine di Stati, tra cui Massachusetts, New York e Connecticut, rimangono contrari o non disposti a sottoscrivere l’accordo: oltre ad avere messo in discussione la veridicità delle cifre presentate dalla Purdue, pretendono dalla famiglia Sackler un contributo economico maggiore. Un'opposizione che potrebbe complicare e rallentare l’iter del fallimento.

In una dichiarazione, la famiglia Sackler ha affermato di sperare che coloro che si oppongono all’attuale offerta cambieranno idea: “È la nostra speranza che il processo fallimentare porrà fine alla nostra proprietà di Purdue e garantirà che i suoi beni siano dedicati al bene pubblico. Siamo fiduciosi che, col tempo, le parti non ancora solidali alla fine sposteranno la loro attenzione sulle risorse che l’accordo fornisce alle persone che hanno bisogno di aiuto. L’alternativa è di non risolvere il caso, riprendendo il contenzioso per tutto il tempo che sarà necessario, ma è chiaro che la ripresa della causa diminuirebbe rapidamente tutte le risorse dell’azienda”.

Galleria fotografica
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 1
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 2
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer - immagine 3
Stati Uniti
Il South Carolina ripristina la fucilazione
Il South Carolina ripristina la fucilazione
La carenza di farmaci letali ha portato al ritorno della pena capitale attraverso il plotone di esecuzione. Per le associazioni umanitarie “un passo indietro verso le barbarie medievali”
Trump lancia un nuovo canale social
Trump lancia un nuovo canale social
Non è ancora quello che aveva in mente, ma più un sito canale diretto fra l’ex presidente e i suoi sostenitori. Nelle stesse ore, Facebook si riunisce per decidere se togliere l’embargo
Bill e Melinda si dicono addio
Bill e Melinda si dicono addio
I Gates, la coppia di miliardari filantropi, si è rotta: l’ha annunciato Bill con poche parole su Twitter. Ignoti i motivi della rottura, anche se si mormora sia stata lei a volere la separazione
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
Affetto da disturbi mentali, per anni è stato costretto a lavorare senza paga, picchiato e maltrattato dal titolare di una caffetteria. Ora la giustizia impone che gli venga restituito più di quanto avrebbe guadagnato
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
L’improvvisa perquisizione da parte dell’FBI dell’appartamento e degli uffici di Rudy Giuliani ha messo in allarme la rete dei collaboratori dell’ex presidente. Secondo molti, è iniziata la resa dei conti
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
Diverse grandi aziende offrono premi in denaro per i propri dipendenti, mentre stati come il West Virginia regala buoni in denaro. L’obiettivo è convincere milioni di no-vax e recalcitranti
I primi 100 giorni di Joe
I primi 100 giorni di Joe
Il presidente Biden parla al Paese promettendo di risollevare gli americani “abbandonati e dimenticati”: getta le basi per un’ambiziosa agenda economica e chiede la riforma della polizia e più divieti sulle armi
Altre due vittime della polizia americana
Altre due vittime della polizia americana
Mario Gonzalez soffocato come George Floyd, Andrew Brown Jr crivellato di colpi mentre tentava di sfuggire all’arresto. Si temono nuove ondate di proteste
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
L’ex socialite britannica è apparsa in tribunale per una nuova accusa, mentre i suoi legali querelano la casa editrice che ha pubblicato un nuovo libro sulla vicenda, e i media riaccendono le luci sull’amicizia con Bill Clinton
Caitlyn Jenner si candida a governatore della California
Caitlyn Jenner si candida a governatore della California
Il transgender più famoso del mondo, padre delle sorelle Jenner e patrigno delle Kardashian, scende in campo come repubblicano moderato per restituire al “Golden State” quanto lei stessa ha avuto