La reporter che accusa Trump

| Courtney Friel, ex reporter di “Fox News”, rivela nella sua autobiografia che Trump ha insistito perché si trovassero nel suo ufficio per baciarsi

+ Miei preferiti
Mentre Donald Trump gioca con i missili, rischiando di trascinare il mondo in una guerra dagli effetti catastrofici, in casa è costretto a fare i conti con una nuova accusa di molestie.

A lanciarla è Courtney Friel, giovane e bella giornalista televisiva, che si aggiunge alle due dozzine di donne che accusano il presidente di averci provato con avances sessuali indesiderate e imbarazzanti.

La Friel, ex giornalista di “Fox News”, ha appena pubblicato “Tonight At 10: Kicking Booze and Breaking News”un’autobiografia di cui il “New York Daily News” ha anticipato alcuni passaggi. Uno di questi riguarda proprio Donald Trump, che nel corso di una telefonata – mentre non era ancora in carica, si sottolinea – avrebbe proposto alla reporter di “raggiungerlo nel suo ufficio” per potersi baciare in santa pace. La telefonata, racconta la giornalista, arrivava dopo l’insistenza di Trump perché lei si presentasse al concorso di bellezza di “Miss USA”.

Courtney ricorda di essere rimasta senza parole alla proposta: “Donald – rispose lei - siamo entrambi sposati, non mi sembra il caso che tu dica queste cose. Poi ho chiuso la telefonata troncando le sue insistenze. La proposta mi ha reso difficile affrontare seriamente la successiva candidatura di Trump alla presidenza. Mi faceva infuriare il fatto che lui chiamasse bugiarde tutte le donne che condividevano le storie delle sue avance. Credo totalmente ad ognuna di loro, perché ci sono passata e so di cosa è capace”.

La Friel, che oggi lavora alla “KTLA” di Los Angeles, si unisce a una lunga serie di accusatrici che affermano di essere state molestate o aggredite sessualmente dal presidente in carica. Lo scorso novembre, Summer Zervos, ex concorrente del reality show televisivo “The Apprentice”, ha presentato in tribunale alcune prove a sostegno delle affermazioni secondo cui Trump l’avrebbe aggredita in una stanza d’albergo nel 2007. La Zevos ha sporto denuncia nel 2016, dopo che è diventato pubblico un documento audio registrato di nascosto e divulgato dal “Washington Post” in cui Trump si vantava di “poter afferrare le donne per i genitali, perché quando sei famoso nessuno ti dice di no”.

Le accuse di Courtney Friel e Summer Zevos non sono così note come quelle di Stormy Daniels e Karen McDougal, ma portano a 20 il numero totale di donne che si sono fatte avanti accusando Trump di cattiva condotta sessuale, secondo un conteggio fatto dal “Guardian”. Come da prassi, la Casa Bianca replica che le 20 donne mentono, mentre Trump ha bollato alcune di loro come “poco attraenti”: non ci avrebbe mai provato, ma solo perché non gli piacciono.

Galleria fotografica
La reporter che accusa Trump - immagine 1
La reporter che accusa Trump - immagine 2
La reporter che accusa Trump - immagine 3
Stati Uniti
Rimosso il comandante della Roosevelt
Rimosso il comandante della Roosevelt
Brett Crozier, al comando della portaerei il cui equipaggio era minacciato dalla pandemia, punito per aver lanciato l’allarme in modo che i media lo sapessero prima del Pentagono
Minacciato di morte il dottor Fauci
Minacciato di morte il dottor Fauci
Il massimo esperto americano a capo della task force contro la pandemia sarebbe finito sotto protezione perché minacciato da ambienti dell’estrema destra
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Dall’ottimo lavoro che starebbero facendo la Casa Bianca e la sanità al basso numero di morti, dai governatori esagerati alla fretta di ripartire. Tutte le incertezze del presidente americano
New York, il terzo mondo degli ospedali
New York, il terzo mondo degli ospedali
Letteralmente travolti dalla crescita di casi, gli ospedali della più grande metropoli del mondo sono dei veri campi di battaglia dove manca tutto
USA, record di richieste di disoccupazione
USA, record di richieste di disoccupazione
3,3, milioni in una sola settimana: il record assoluto dal 1967. L’incubo della pandemia ha costretto diverse aziende a chiudere e licenziare, avvicinando lo spettro della recessione
USA, in aumento la vendita delle armi
USA, in aumento la vendita delle armi
File ovunque, richieste di permessi raddoppiate nel giro di poche settimane, corsa ad accaparrarsi munizioni, fucili e pistole. Il ventre dell’America si arma temendo disordini sociali dovuti al coronavirus
Trump chiude l’America
Trump chiude l’America
Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Per 17 anni, Ashley e Latoya hanno condiviso tutta la loro vita, poi una foto ha fatto scattare i dubbi, confermati qualche mese dopo dall’esame del Dna
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"