La rivolta degli agenti di polizia

| Sono decine, in diverse part del Paese, gli ufficiali di polizia che hanno rassegnato le dimissioni da quando sono scoppiati i tafferugli per le morti recenti di afroamericani

+ Miei preferiti
Dalla morte di George Floyd, tre settimane fa, il ruolo del sistema di giustizia americano è diventato l’argomento su cui si sono accesi tutti i riflettori, con migliaia di richieste di un cambiamento radicale all’interno del sistema di polizia del Paese. Forse per la prima volta nella storia, la leggendaria figura del poliziotto americano, esaltata da migliaia di film e telefilm, ha perso tutto il suo smalto, mostrando i limiti di una violenza che quasi mai il cinema mostra. Un fenomeno che in alcune parti del paese, dove la rabbia continua a rasentare l’ebollizione, si è trasformato in una crisi inattesa, con decine e decine di dimissioni da parte di agenti in numerosi dipartimenti di polizia.

A Minneapolis, almeno sette agenti si sono dimessi da quando le proteste scatenate dalla morte di Floyd hanno invaso le strade della città. Il numero di ufficiali che non fanno più parte del dipartimento non comprende i quattro uomini che sono stati coinvolti nella morte di Floyd.

“Al momento non c’è nulla che ci porti a credere che il fenomeno assumerà numeri preoccupanti - ha commentato il portavoce della polizia John Elder – in America è abbastanza normale: la gente lascia il lavoro per una miriade di motivi, e la polizia non fa eccezione”.

In una dichiarazione pubblica indirizzata alla comunità di Minneapolis, il dipartimento ha condannato con fermezza Derek Chauvin, l’agente che ha premuto il ginocchio sul collo di Floyd per quasi nove minuti: “Ha fallito come essere umano, togliendo a George Floyd la dignità e la vita. Questo non è ciò che siamo”.

Dopo Minneapolis, Atlanta è diventata l’epicentro delle proteste per l’ennesima morte violenta di un afroamericano per la mano della polizia: quella di Rayshard Brooks, freddato con tre colpi di pistola alla schiena da due agenti. Erika Shield, il capo della polizia di Atlanta si è dimessa, e l’agente che ha ucciso il ventisettenne è stato licenziato, ma altri otto suoi colleghi hanno rassegnato le proprie dimissioni. Secondo il comando di polizia un totale di 19 agenti si sono licenziati nei giorni immediatamente successivi alle proteste per la morte di Floyd.

Nel sud della Florida, 10 ufficiali si sono dimessi dall’unità SWAT per timori sulla propria sicurezza. Gli agenti hanno inviato una lettera a Sonia Quinones, capo della polizia di Hallandale Beach, affermando di essere “equipaggiati male, con scarso addestramento e spesso trattenuti dalla politicizzazione di tecniche e tattiche al punto che la sicurezza dei cani delle unità cinofile è di gran lunga maggiore di quella riservata agli agenti. Fin quando queste condizioni non saranno rettificate e affrontate in modo energico, non siamo in grado di svolgere i nostri compiti in modo sicuro, efficace e in buona fede senza esporre noi stessi e le nostre famiglie ad un inutile aumento del rischio”.

Galleria fotografica
La rivolta degli agenti di polizia - immagine 1
La rivolta degli agenti di polizia - immagine 2
Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore