La seguace di Manson resta in galera

| Leslie Van Houten, la più giovane della “Family”, per la 24esima volta ha provato a richiedere la concessione della libertà vigilata. Ma il governatore l’ha negata: “potrebbe essere ancora pericolosa”

+ Miei preferiti
Niente da fare: Leslie Van Houten resta in carcere. Per la ventiquattresima volta, la richiesta di libertà vigilata viene negata alla più giovane seguace della setta malefica di Charles Manson. Ha 70 anni, è in galera da 50, quando fu arrestata insieme al resto della “The Family” dando una risposta alla serie di omicidi scioccanti che nel 1969 aveva marchiato con il sangue le colline di Hollywood e Beverly Hills.

Nel 1971, Leslie Van Houten è stata condannata a morte (pena commutata in ergastolo l’anno successivo) per gli omicidi di Leno e Rosemary LaBianca, il manager e sua moglie massacrati la notte del 10 agosto 1969 nella loro villa di Waverly Drive. Dopo la strage della notte precedente al 10050 di Cielo Drive, quando “la famiglia” giustizia Sharon Tate e altre quattro persone, il duplice omicidio dei LaBianca diventa il secondo capitolo della “Helter Skelter”, la guerra apocalittica fra bianchi e neri che Manson era convinto di poter scatenare uccidendo personaggi in vista.

Nata il 23 agosto del 1949 in una famiglia borghese di Altadena, un sobborgo di Los Angeles, a 14 anni Leslie Van Houten ha già scelto le peggiori compagnie possibili: consumatrice di droghe che invadono la California di quegli anni ribelli, a 17 anni resta incinta ed è costretta ad abortire dalla madre. L’incontro con Charles Manson, il santone che raccoglie giovani disperati dalle strade piegandoli alle sue idee a forza di stupefacenti, è folgorante. È lei, insieme a Patricia Krenwinkel, ad occuparsi di Rosemary LaBianca, trovata in camera da letto, legata, imbavagliata e massacrata con 47 coltellate, contate una dopo l’altra dall’autopsia. Ma è anche lei, dopo l’arresto, a fornire alla polizia informazioni utilissime per identificare i ruoli e i nomi dei componenti delle squadre della morte che nel giro di due notti avevano ucciso Sharon Tate e i suoi amici, più i coniugi LaBianca.

Nel commentare l’ennesimo rifiuto alla libertà vigilata, il governatore Gavin Newsom ha spiegato che malgrado i progressi fatti nei 50 anni di detenzione, Leslie Van Houten potrebbe essere ancora oggi “socialmente pericolosa”.

Galleria fotografica
La seguace di Manson resta in galera - immagine 1
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg