La truffa dei falsi certificati di positività

| Sono diversi i casi, registrati negli Stati Uniti, di dipendenti che falsificano referti medici e le documentazioni per strappare all’azienda un periodo di ferie pagate. Truffe vere e proprie su cui indaga l’FBI

+ Miei preferiti
Mentre le aziende americane affrontano perdite record a causa della pandemia, l’FBI apre un nuovo fronte di preoccupazione: le frodi di dipendenti che cercano di trarre vantaggio dalla situazione.

In un rapporto diffuso lunedì, l’FBI ha avvisato le associazioni di categoria dell’industria medio-piccola di aumentare i controlli per via di falsi referti medici presentati di dipendenti che dichiarano di essere positivi al test del Covid-19.

Come esempio, il rapporto dell’FBI illustra un episodio avvenuto a marzo, quando il dipendente di una non meglio identificata “azienda manifatturiera” ha comunicato ai suoi superiori di essere risultato positivo al test, presentando quella che sembrava essere la documentazione di una struttura medico ospedaliera. “In risposta, l’azienda ha chiuso l’impianto di produzione per disinfettare gli ambienti, cessando la produzione e interrompendo le consegne. L’azienda ha anche notificato a tutti, compresi quattro colleghi che erano stati a stretto contatto con il dipendente infetto, l’obbligo ad un periodo di autoquarantena”. Dopo un successivo e attento esame della documentazione medica, l’ufficio del personale si è insospettito. La lettera che indicava il test Covid-19 positivo non era su carta intestata di una struttura medica. Una chiamata ad un numero di telefono indicato sulla documentazione ha rivelato che si trattava di una struttura non autorizzata a condurre test per il coronavirus.

L’FBI stima che la società abbia subito una perdita di produttività di oltre 175.000 dollari a causa della truffa, mentre un collega dell’uomo, convinto di essere stato esposto al virus, ha anche subito una grave perdita finanziaria dopo aver deciso di affittare un appartamento in cui rimanere in quarantena restando lontano dalla sua famiglia.

L’episodio è solo il primo di una lunga serie di truffe da parte di dipendenti che fingono di avere il coronavirus. Il mese scorso, un 18enne che lavorava per la catena McDonald’s è stato arrestato in Canada e accusato per presentato al proprio datore di lavoro un falso referto medico in cui risultava la sua positività al test. “Il fast-food è rimasto chiuso per diversi giorni, mentre le imprese di pulizia disinfettavano gli ambienti”. Il mese scorso, un uomo della Carolina del Sud è stato arrestato per lo stesso motivo: aveva presentato al suo datore di lavoro una documentazione falsa che lo indicava come portatore di Covid-19. Il call center dove lavorava è stato chiuso per cinque giorni. Lo sceriffo della contea di Spartanburg, Chuck Wright, ha commentato: “Pare che l’abbia fatto per avere due settimane di ferie pagate”.

Stati Uniti
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti