La truffa dei falsi certificati di positività

| Sono diversi i casi, registrati negli Stati Uniti, di dipendenti che falsificano referti medici e le documentazioni per strappare all’azienda un periodo di ferie pagate. Truffe vere e proprie su cui indaga l’FBI

+ Miei preferiti
Mentre le aziende americane affrontano perdite record a causa della pandemia, l’FBI apre un nuovo fronte di preoccupazione: le frodi di dipendenti che cercano di trarre vantaggio dalla situazione.

In un rapporto diffuso lunedì, l’FBI ha avvisato le associazioni di categoria dell’industria medio-piccola di aumentare i controlli per via di falsi referti medici presentati di dipendenti che dichiarano di essere positivi al test del Covid-19.

Come esempio, il rapporto dell’FBI illustra un episodio avvenuto a marzo, quando il dipendente di una non meglio identificata “azienda manifatturiera” ha comunicato ai suoi superiori di essere risultato positivo al test, presentando quella che sembrava essere la documentazione di una struttura medico ospedaliera. “In risposta, l’azienda ha chiuso l’impianto di produzione per disinfettare gli ambienti, cessando la produzione e interrompendo le consegne. L’azienda ha anche notificato a tutti, compresi quattro colleghi che erano stati a stretto contatto con il dipendente infetto, l’obbligo ad un periodo di autoquarantena”. Dopo un successivo e attento esame della documentazione medica, l’ufficio del personale si è insospettito. La lettera che indicava il test Covid-19 positivo non era su carta intestata di una struttura medica. Una chiamata ad un numero di telefono indicato sulla documentazione ha rivelato che si trattava di una struttura non autorizzata a condurre test per il coronavirus.

L’FBI stima che la società abbia subito una perdita di produttività di oltre 175.000 dollari a causa della truffa, mentre un collega dell’uomo, convinto di essere stato esposto al virus, ha anche subito una grave perdita finanziaria dopo aver deciso di affittare un appartamento in cui rimanere in quarantena restando lontano dalla sua famiglia.

L’episodio è solo il primo di una lunga serie di truffe da parte di dipendenti che fingono di avere il coronavirus. Il mese scorso, un 18enne che lavorava per la catena McDonald’s è stato arrestato in Canada e accusato per presentato al proprio datore di lavoro un falso referto medico in cui risultava la sua positività al test. “Il fast-food è rimasto chiuso per diversi giorni, mentre le imprese di pulizia disinfettavano gli ambienti”. Il mese scorso, un uomo della Carolina del Sud è stato arrestato per lo stesso motivo: aveva presentato al suo datore di lavoro una documentazione falsa che lo indicava come portatore di Covid-19. Il call center dove lavorava è stato chiuso per cinque giorni. Lo sceriffo della contea di Spartanburg, Chuck Wright, ha commentato: “Pare che l’abbia fatto per avere due settimane di ferie pagate”.

Stati Uniti
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”