La zampata di Joe

| L’ex vicepresidente dell’era Obama alza l’asticella della corsa delle primarie Dem tagliando fuori gli altri candidati. Ma la corsa èancora lunga, avvisano gli analisti

+ Miei preferiti
Il fischio d’inizio alla lunga corsa delle primarie Dem che porteranno alla scelta del nome a cui toccherà il compito di sfidare Trump nelle presidenziali del prossimo anno, lo suona Joe Biden. Ex vicepresidente dell’amministrazione Obama e ancora prima senatore del Delawere, cattolico di origini irlandesi, un paio di tragedie familiari che a certi livelli valgono come stelle, Joseph Robinette Biden Jr. ha dato il via al secondo stadio della campagna elettorale dalla “sua” Pennsylvania, lo stato dov’è nato 76 anni fa. La ricetta elettorale è semplice e arriva dritta alla pancia degli americani moderati: lavoro e battaglia contro il climate change, ma soprattutto rispolverare l’immagine degli Stati Uniti davanti agli occhi del mondo, cominciando dal ricucire gli strappi sociali che Trump continua a creare, incurante delle conseguenze. Un messaggio di unità che non passa inosservato e, secondo i primi sondaggi, sembra fare breccia: un 35% di consensi che bastano per staccare in volata nella classifica provvisoria Bernie Sanders (17%), Elisabeth Warren (9%) e Pete Buttigieg (6%).

Secondo gli analisti americani, il popolo Dem lo ritiene il solo e unico candidato in grado di battere Trump recuperando quell’elettorato che nel 2016, per protesta, ha girato le spalle alla Clinton e ai Democratici. Ma da più parti si invita alla calma, la corsa è ancora lunga e sia Biden che Sanders partono avvantaggiati da una popolarità che ormai li rende volti noti e fidati, mentre gli altri – compreso l’ultimo arrivato, l’ex sindaco di NY Bill de Blasio – hanno in più lo scoglio di doversi guadagnare i palcoscenici.

Stati Uniti
NFAC, le milizie nere
che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere<br>che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo