La zampata di Joe

| L’ex vicepresidente dell’era Obama alza l’asticella della corsa delle primarie Dem tagliando fuori gli altri candidati. Ma la corsa èancora lunga, avvisano gli analisti

+ Miei preferiti
Il fischio d’inizio alla lunga corsa delle primarie Dem che porteranno alla scelta del nome a cui toccherà il compito di sfidare Trump nelle presidenziali del prossimo anno, lo suona Joe Biden. Ex vicepresidente dell’amministrazione Obama e ancora prima senatore del Delawere, cattolico di origini irlandesi, un paio di tragedie familiari che a certi livelli valgono come stelle, Joseph Robinette Biden Jr. ha dato il via al secondo stadio della campagna elettorale dalla “sua” Pennsylvania, lo stato dov’è nato 76 anni fa. La ricetta elettorale è semplice e arriva dritta alla pancia degli americani moderati: lavoro e battaglia contro il climate change, ma soprattutto rispolverare l’immagine degli Stati Uniti davanti agli occhi del mondo, cominciando dal ricucire gli strappi sociali che Trump continua a creare, incurante delle conseguenze. Un messaggio di unità che non passa inosservato e, secondo i primi sondaggi, sembra fare breccia: un 35% di consensi che bastano per staccare in volata nella classifica provvisoria Bernie Sanders (17%), Elisabeth Warren (9%) e Pete Buttigieg (6%).

Secondo gli analisti americani, il popolo Dem lo ritiene il solo e unico candidato in grado di battere Trump recuperando quell’elettorato che nel 2016, per protesta, ha girato le spalle alla Clinton e ai Democratici. Ma da più parti si invita alla calma, la corsa è ancora lunga e sia Biden che Sanders partono avvantaggiati da una popolarità che ormai li rende volti noti e fidati, mentre gli altri – compreso l’ultimo arrivato, l’ex sindaco di NY Bill de Blasio – hanno in più lo scoglio di doversi guadagnare i palcoscenici.

Stati Uniti
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
È convinto che sia necessario far ripartire l’economia anche mettendo in conto migliaia di morti. Un azzardo che potrebbe portarlo dritto verso la rielezione, o nel baratro