L’America scende in piazza

| Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale

+ Miei preferiti
Per la seconda notte consecutiva, su Minneapolis è calato l’inferno. Scontri, auto in fiamme, violenze e saccheggi di negozi e centri commerciali hanno puntellato la principale città del Minnesota, mentre le proteste si estendevano ormai a tutte le più grandi città americane. La morte di George Floyd non va giù, malgrado le rassicurazioni che giustizia sarà fatta, e lasciano presagire una nuova stagione di scontri. Il commissariato a cui appartenevano gli agenti è stato dato alle fiamme malgrado la recinzione eretta dalla polizia e buttata giù dai manifestanti. La guardia nazionale dello stato ha annunciato la mobilitazione di 500 uomini, mentre Trump bollava come “criminali” i manifestanti, approfittandone per tirare una stoccata anche ai vertici dello Stato: “Non posso sopportare quanto sta accadendo a Minneapolis, per colpa di una totale mancanza di leadership. O Jacob Frey, il debole sindaco, si comporta bene e riporta la città sotto controllo o invierò la guardia nazionale”.

Ma la protesta per la morte di George Floyd, 46 anni, ucciso da un agente che gli ha premuto un ginocchio sul collo fino a soffocarlo, ha toccato anche altre città come Memphis, Los Angeles, Denver, Oakland, Chicago, San Francisco e New York, dove la polizia ha arrestato 30 persone, colpevoli di aver dato il via ad un lancio di bottiglie verso il City Hall, sede del municipio. L’Onu, attraverso le parole di Michelle Bachelet, alto commissario per i diritti umani, ha condannato la morte di Floyd: “Questa è l’ultima di una lunga lista di uccisioni di afroamericani disarmati ad opera di agenti di polizia”.

Galleria fotografica
L’America scende in piazza - immagine 1
L’America scende in piazza - immagine 2
Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa