L’America si prepara alla guerra

| L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento

+ Miei preferiti
È l’FBI a lanciare l’allarme che l’America temeva: si registrano in tutto il Paese segnali di possibili “ proteste armate” in tutte le 50 capitali dello Stato e a Washington nei giorni precedenti al 20 gennaio, data del giuramento di Joe Biden.

La notizia arriva con l’intensificarsi delle misure di sicurezza in vista dell’Inauguration Day, con le forze dell'ordine federali, statali e locali che si preparano alla possibilità di ulteriori violenze dopo che la scorsa settimana i rivoltosi hanno preso d’assalto il Campidoglio causando la morte di cinque persone.

Anche se la polizia continua a rintracciare e arrestare i sospetti dell’attacco della scorsa settimana, il bollettino sottolinea la preoccupazione che l’assedio al Campidoglio sia stato forse solo l’inizio di azioni potenzialmente violente da parte dei sostenitori di Trump, resi feroci dai suoi appelli di elezioni rubate. “Proteste armate sono in programma in tutte le 50 capitali dello Stato dal 16 al 20 gennaio”, si legge nel dispaccio dell’FBI, secondo cui la “rivolta” potrebbe scoppiare se Trump fosse rimosso attraverso il 25esimo emendamento prima del giorno dell’insediamento di Biden.

“L’FBI ha raccolto informazioni su un gruppo identificato che chiedeva ad altri di unirsi per ‘prendere d’assalto’ i tribunali e gli edifici amministrativi nel caso in cui il Presidente in carica sia rimosso”. Gli agenti federali indagano anche su diverse segnalazioni che lancerebbero “minacce verso il presidente eletto Biden, della vice presidente Harris e della speaker della Camera Pelosi. Gli sforzi dell’agenzia sono concentrati nell’identificare e bloccare gli individui che incitano alla violenza e che sono coinvolti in attività criminali”.

Il governo, nel frattempo, ha ottenuto la “Continuity of Government Operations”, una pratica standard nel caso in cui qualcuno cerchi di interrompere la transizione che diventata urgente alla luce delle minacce. Secondo un alto funzionario dell’amministrazione, la prova mira a garantire una catena di comando senza soluzione di continuità in caso di emergenza nazionale nei giorni precedenti l’inaugurazione.

Gli appelli per nuove proteste hanno fatto sì che le forze dell’ordine e i funzionari locali si preparino ad un’escalation di violenza. Il sindaco di Washington Muriel Bowser ha chiesto agli americani ad evitare la città durante l’inaugurazione di Biden invitando tutti a partecipare virtualmente. Nel corso di una conferenza stampa la Bowser ha sottolineato di essere preoccupata per la presenza di elementi violenti che potrebbero arrivare in città in vista dell’inaugurazione: “Se qualcosa mi fa paura è la nostra democrazia, perché dobbiamo fare i conti con fazioni estreme armate e pericolose”. La Casa Bianca ha annunciato che Trump ha approvato la dichiarazione di emergenza richiesta dal sindaco.

I preparativi per la sicurezza si sono ulteriormente complicati quando Chad Wolf, una delle figure chiave, si è dimesso. In uno dei suoi ultimi interventi, Wolf ha annunciato di aver dato istruzioni ai servizi segreti di anticipare le operazioni di sicurezza nazionale per l’inaugurazione di Biden.

Le forze dell’ordine della Virginia, del Maryland e del New Jersey dispiegate in Campidoglio mercoledì per aiutare a spingere i ribelli pro-Trump, hanno ricevuto l’ordine di inviare agenti a Washington per il giorno dell’inaugurazione, mentre dal Dipartimento di Polizia di New York oltre 200 stanno convergendo sulla Capitale, dove la Guardia Nazionale conta di poter schierare 15.000 uomini.

 

Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi