L’America si prepara alla guerra

| L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento

+ Miei preferiti
È l’FBI a lanciare l’allarme che l’America temeva: si registrano in tutto il Paese segnali di possibili “ proteste armate” in tutte le 50 capitali dello Stato e a Washington nei giorni precedenti al 20 gennaio, data del giuramento di Joe Biden.

La notizia arriva con l’intensificarsi delle misure di sicurezza in vista dell’Inauguration Day, con le forze dell'ordine federali, statali e locali che si preparano alla possibilità di ulteriori violenze dopo che la scorsa settimana i rivoltosi hanno preso d’assalto il Campidoglio causando la morte di cinque persone.

Anche se la polizia continua a rintracciare e arrestare i sospetti dell’attacco della scorsa settimana, il bollettino sottolinea la preoccupazione che l’assedio al Campidoglio sia stato forse solo l’inizio di azioni potenzialmente violente da parte dei sostenitori di Trump, resi feroci dai suoi appelli di elezioni rubate. “Proteste armate sono in programma in tutte le 50 capitali dello Stato dal 16 al 20 gennaio”, si legge nel dispaccio dell’FBI, secondo cui la “rivolta” potrebbe scoppiare se Trump fosse rimosso attraverso il 25esimo emendamento prima del giorno dell’insediamento di Biden.

“L’FBI ha raccolto informazioni su un gruppo identificato che chiedeva ad altri di unirsi per ‘prendere d’assalto’ i tribunali e gli edifici amministrativi nel caso in cui il Presidente in carica sia rimosso”. Gli agenti federali indagano anche su diverse segnalazioni che lancerebbero “minacce verso il presidente eletto Biden, della vice presidente Harris e della speaker della Camera Pelosi. Gli sforzi dell’agenzia sono concentrati nell’identificare e bloccare gli individui che incitano alla violenza e che sono coinvolti in attività criminali”.

Il governo, nel frattempo, ha ottenuto la “Continuity of Government Operations”, una pratica standard nel caso in cui qualcuno cerchi di interrompere la transizione che diventata urgente alla luce delle minacce. Secondo un alto funzionario dell’amministrazione, la prova mira a garantire una catena di comando senza soluzione di continuità in caso di emergenza nazionale nei giorni precedenti l’inaugurazione.

Gli appelli per nuove proteste hanno fatto sì che le forze dell’ordine e i funzionari locali si preparino ad un’escalation di violenza. Il sindaco di Washington Muriel Bowser ha chiesto agli americani ad evitare la città durante l’inaugurazione di Biden invitando tutti a partecipare virtualmente. Nel corso di una conferenza stampa la Bowser ha sottolineato di essere preoccupata per la presenza di elementi violenti che potrebbero arrivare in città in vista dell’inaugurazione: “Se qualcosa mi fa paura è la nostra democrazia, perché dobbiamo fare i conti con fazioni estreme armate e pericolose”. La Casa Bianca ha annunciato che Trump ha approvato la dichiarazione di emergenza richiesta dal sindaco.

I preparativi per la sicurezza si sono ulteriormente complicati quando Chad Wolf, una delle figure chiave, si è dimesso. In uno dei suoi ultimi interventi, Wolf ha annunciato di aver dato istruzioni ai servizi segreti di anticipare le operazioni di sicurezza nazionale per l’inaugurazione di Biden.

Le forze dell’ordine della Virginia, del Maryland e del New Jersey dispiegate in Campidoglio mercoledì per aiutare a spingere i ribelli pro-Trump, hanno ricevuto l’ordine di inviare agenti a Washington per il giorno dell’inaugurazione, mentre dal Dipartimento di Polizia di New York oltre 200 stanno convergendo sulla Capitale, dove la Guardia Nazionale conta di poter schierare 15.000 uomini.

 

Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare