Le devastazioni di Dorian

| L’uragano, che sta perdendo forza, si avvicina alle coste degli Stati Uniti: è atteso fra giovedì e venerdì in Georgia e nelle due Caroline. Lo spettacolo spettrale delle Bahamas

+ Miei preferiti
Dorian si sta muovendo: dopo più di 40 ore passate a flagellare le Bahamas, uno dei paradisi dei Caraibi, ormai quasi del tutto raso al suolo. Secondo il primo ministro Hubert Minnis, il bilancio delle vittime è di sette persone: di queste, due sono morte dopo essere state trasportate in un ospedale di Grand Bahama. Fra le vittime anche un bambino di 8 anni, annegato dopo essere stato trascinato via dalla violenza dell’acqua.

Sull’arcipelago di Grande Abaco i venti forti sono rimasti ma la pioggia si è calmata, consentendo ai residenti di uscire di casa per ritrovarsi di fronte a uno spettacolo surreale: tutto si è trasformato in una sorta di discarica galleggiante con enormi cumuli di macerie. Secondo alcuni testimoni, tutto è così distrutto che è difficile capire se prima del passaggio di Dorian si trattava di un quartiere o una zona industriale. Perfino le case più recenti, costruite secondo norme edilizie più severe, non hanno resistito alla furia cieca dell’uragano: “Non si può dire che un tempo fossero case: sembra che valanghe di materiali da costruzione siano stati ammassati alla rinfusa”. Si stima che il 60% delle abitazioni abbiano subito danni: secondo un censimento del 2010, 17.224 persone vivevano in 5.200 fra abitazioni, appartamenti e case mobili.

Decine di persone sono state tratte in salvo dopo aver passato tutta la notte aggrappate ai tetti o bloccate nelle soffitte. Un residente, Howard Armstrong Freeport, ha raccontato di aver visto la moglie annegare davanti a lui quando la violenza dell’acqua ha sommerso la loro abitazione. Dopo ore di attesa, la donna ha ceduto all’ipotermia ed è scomparsa sott’acqua. Le autorità sanitarie delle Bahamas hanno lanciato un appello: “Abbiamo bisogno di sedie a rotelle, di letti, materassi: qualunque cosa ci sarà inviata la prenderemo, perché siamo nei guai”.

Fortunatamente, New Providence e la capitale di Nassau, che generano gran parte delle entrate turistiche delle Bahamas, non sono state toccate.

L’uragano, declassato a categoria 2 ma con venti che ancora sfiorano i 200 km/h, martedì ha lambito la costa orientale della Florida, per puntare verso la Georgia e le due Caroline con un rischio considerato “moderato”.

Dorian, il più forte uragano che si sia mai abbattuto sulle Bahamas, si è spostato di soli 50 km in 30 ore da lunedì, picchiando senza pietà le stesse aree con un’impietosa ondata di vento e tempeste. Si è mosso alle 22:00 di ieri sera, puntando lentamente verso le coste degli Stati Uniti, dove è atteso fra giovedì e venerdì in Georgia, Carolina del Nord e del Sud.

Galleria fotografica
Le devastazioni di Dorian - immagine 1
Le devastazioni di Dorian - immagine 2
Le devastazioni di Dorian - immagine 3
Le devastazioni di Dorian - immagine 4
Stati Uniti
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”