Le ombre scure del massacro di Sonoma

| Faide familiari, guerre con i cartelli della droga, vendette trasversali e perfino una setta segreta che riduceva le donne in schiavitù: i misteri intorno alla strage del Messico sono tanti

+ Miei preferiti
Gli Stati Uniti e il Messico sono ancora sotto shock per i dettagli che emergono sulla drammatica fine delle 9 persone, fra cui 6 bambini, vittime di un’imboscata nei pressi di Sonoma. Le indagini proseguono a ritmo serrato e secondo la polizia messicana, convinta sempre di più che dietro al massacro ci sia la mano del cartello di Los Jaguares, nato da una violenta scissione di quello di Sinaloa dopo la condanna di “El Chapo”, nelle scorse ore un uomo sarebbe stato arrestato sulle alture di Agua Priests. Secondo alcuni media locali, al momento della cattura l’uomo aveva sé due ostaggi legati e imbavagliati, e ambedue sarebbero fra le persone che risultavano scomparse dopo la strage. Sull’auto anche un vero arsenale, con armi e munizioni di grosso calibro.

Ma le indagini stanno iniziando a gettare diverse ombre inquietanti sulla vicenda. Le vittime di Sonora facevano parte della “Comunità LeBaron”, un gruppo mormone nato dopo lo scisma dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi dell’Ultimo Giorno, quando quest’ultima aveva scelto di ripudiare la poligamia. Secondo un’inchiesta della “NBC”, i figli del fondatore della comunità, Alma Dayer LeBaron Senior, erano precipitati in una sanguinosa faida familiare. Ervil, detto il “Charles Manson dei Mormoni”, facendo riferimento alla setta che 50 anni fa ucciso l’attrice Sharon Tate nel massacro di Cielo Drive, aveva trasformato la sua famiglia in una vera accolita di assassini, pronti a uccidere chi voleva allontanarsi o persone scomode, che mettevano in giro strane voci sulla sua comunità. Era stata Anna LeBaron, una dei 51 figli avuti dalle 13 mogli di Ervil, a raccontare tutto in un libro dal titolo inquietante: “The Polygamist’s Daughter”, la figlia del poligamo.

Oggi, di quei tempi pare non resti nulla: Ervil LeBaron è morto negli anni Ottanta in carcere negli Stati Uniti, dove scontava l’ergastolo per omicidio, la poligamia è stata bandita e i sospetti che si tratti di una setta anche. In compenso, da anni i LeBaron si oppongono con forza alle gang, denunciando la violenza che imperversa nella zona. Nel 2002, Erik LeBaron era stato rapito, ma la famiglia aveva scelto di opporsi fermamente a qualsiasi tipo di trattativa. Un muro contro muro che aveva portato alla liberazione dell’uomo dopo appena una settimana, ma non senza conseguenze: qualche mese dopo suo fratello Benjamin, 31 anni, era stato ucciso in un agguato, così come il cognato, Luis Widmar Stubbs. Omicidi che avevano spinto la comunità a chiedere l’autorizzazione di poter creare una propria milizia di sicurezza.

Ma c’è un’altra pista, non meno agghiacciante, che sembra fare capo a “NXIVM”, una setta fondata dal santone Keith Raniere che ufficialmente vendeva corsi motivazionali, e ufficiosamente reclutava schiave da marchiare a fuoco, obbligate a soddisfare ogni fantasia della guida spirituale. Il sospetto che fra la NXIVM e i LeBaron possa esserci un collegamento è la lunga presenza in zona proprio di Raniere, l’ex santone condannato il 19 giugno scorso dopo essere stato arrestato in Messico nel 2018. Una casualità molto strana e sospetta per gli agenti dell’FBI, che annunciano indagini lunghe e complicate.

Galleria fotografica
Le ombre scure del massacro di Sonoma - immagine 1
Le ombre scure del massacro di Sonoma - immagine 2
Le ombre scure del massacro di Sonoma - immagine 3
Le ombre scure del massacro di Sonoma - immagine 4
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg