L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti

| Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli

+ Miei preferiti
Fra i pochi fedelissimi che gli erano rimasti al fianco, Trump poteva ancora contare sul ministro della giustizia William Barr. Poteva, perché poche ore fa, intervistato dalla “Associated Press”, Barr ha preso le distanze dai veleni elettorali sparsi a mani basse dal presidente, ammettendo che “Non abbiamo visto tentativi di frodi tali da influenzare l’esito delle elezioni”. È forse la pietra tombale sul mare di ricordi ed esposti che dal 4 novembre scorso gli avvocati di Trump spediscono in giro per i 50 Stati.

Come sempre spavaldo, Trump avrebbe rassicurato gli invitati ad un party natalizio alla Basa Bianca di essere pronto a ricandidarsi nel 2024: “Sono stati quattro anni meravigliosi, e stiamo cercando di restare per altri quattro anni, ma se non ci riuscissimo ci riproveremo alle prossime presidenziali”.

Ma c’è altro ad animare la Casa Bianca mentre tutti iniziano a fare i bagagli. La “CNN”, una vera spina nel fianco di Trump, tira fuori una rivelazione pesantissima, che in qualche modo sembra presagire cosa aspetta Donald dal 21 gennaio in poi, quando tornerà ad essere un normale cittadino americano privo di immunità presidenziali.

L’inchiesta, nata citando precisi documenti giudiziari, mira a svelare un’ipotesi di corruzione che se provata sarebbe di una gravità mai vista prima per un presidente: tangenti in cambio di una grazia.

Secondo l’emittente di Atlanta, il giudice distrettuale di Washington DC Beryl Howell avrebbe autorizzato l’accesso ad alcuni procuratori a strumenti informatici sotto sequestro: iPad, laptop, iPhone e PC che potrebbero svelare uno “schema segreto di lobbyng” e una cospirazione che metteva in campo “un contributo politico in cambio della grazia presidenziale o la sospensione della pena” verso un imputato di cui non viene rivelato il nome. Ad avvalorare l’inchiesta è la notizia di qualche giorno fa secondo cui Trump, prima di andarsene, starebbe valutando di concedere la grazia ad alcuni amici finiti nei pasticci, come Paul Manafort, ex capo della sua campagna elettorale, Steve Bannon e Rudy Giuliani, il suo avvocato personale. A questi, si aggiungerebbe la “grazia preventiva” verso i figli Ivanka, Donald Jr ed Eric, e il genero Jared Kushner, nel timore che il Dipartimento della Giustizia sia pronto a vendicarsi puntando loro. Quasi tutti erano finiti sotto inchiesta nell’ambito del “Russiagate”: Donald Jr per i presunti contatti con emissari russi, Kushner per falsa testimonianza davanti alle autorità federali, mentre Eric e Ivanka per presunta frode fiscale.

Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti