L’FBI a caccia dello “Scream Bandit”

| Da oltre un anno, un rapinatore mascherato con la maschera dell’horror “Scream” svuota stazioni di servizio in una zona della Virginia. È veloce, efficace e imprendibile

+ Miei preferiti
Da più di un anno, l’FBI è sulle tracce dello “Scream Bandit”, un rapinatore abile, veloce e preparato che colpisce e svanisce con la stessa velocità, senza mai lasciare tracce.

Indossa la maschera di “Ghostface”, il serial killer della saga horror “Scream”, ideata ispirandosi a “L’urlo” di Munch: predilige i distributori di benzina e agisce soprattutto in Virginia, dove ha messo a segno decine di colpi, gli ultimi tre fra gennaio e gli inizi di febbraio, tutti concentrati nella zona fra Richmond e la vicina contea di Henrico.

“Indossa sempre abiti e guanti neri, e la maschera di Scream”, indica uno dei tanti avvisi affissi dalla polizia: “è armato con una pistola semiautomatica, entra nelle stazioni di servizio e chiede ai commessi di riempire la borsa che consegna loro”. 

Eppure, malgrado le segnalazioni e i posti di blocco, gli uomini dell’FBI non sono ancora riusciti a fermarlo e neanche a sospettare qualcuno, mentre nella zona serpeggia la psicosi. Per questo, i federali hanno appena offerto 10mila dollari a chiunque sia in grado di dare informazioni che possano portare all’arresto dello “Scream Bandit”. Secondo l’FBI, il sospetto è un maschio nero alto circa 1,85, del peso compreso fra 70 e 80 kg.

Nel corso dell’ultima rapina, il 26 gennaio scorso, lo Scream Bandit ha spintonato l’impiegato di una stazione di servizio prima di spostarsi dietro il bancone, dove ha capovolto la cassa per svuotarla di tutto il denaro, monete comprese. Finora non ha fatto del male a nessuno, ma per l’arma di cui dispone è considerato altamente pericoloso. A stupire le forze dell’ordine è il dettaglio che prediliga unicamente le stazioni di servizio: significa rischiare anni di galera per un bottino che ogni volta non ammonata mai a grosse somme di denaro.

Galleria fotografica
L’FBI a caccia dello “Scream Bandit” - immagine 1
Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore