L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump

| Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi

+ Miei preferiti
L’imbarazzante vuoto sugli spalti del Bok Center di Tulsa ha fatto il solco. Lo staff elettorale di Trump è al lavoro per rimodulare la campagna elettorale del presidente, a cinque mesi dalla data delle elezioni.

Prima dell’evento in Oklahoma, c’erano piani e programmi per altri raduni, il successivo addirittura a due settimane dall’Oklahoma. Ora le pagine delle agende sono state strappate e non è chiaro quando - e come - Trump accetterà di salire sul palco di un altro palazzetto semi-vuoto: potrebbero passare mesi prima che ci riprovi.

Il Presidente parlerà a Phoenix ad un gruppo di giovani sostenitori, e il suo staff è al lavoro per far sì che il luogo dell’evento appaia pieno, anche se si tratta in partenza di un evento in forma ridotta.

L’appuntamento di Tulsa si è trasformato in quello che molti degli assistenti di Trump riconoscono essere stato un terribile autogol in una sfortunata serie di errori diventati una delusione cocente per Trump, che si aspettava un mare di persone festanti ad attenderlo. E questo deve aver influito anche sulla scelta del discorso pronunciato a Tulsa, perché invece di attaccare il suo rivale, Joe Biden, Trump si è lanciato in un monologo disarticolato che sembrava più ideato per intrattenere, che per cercare voti e consensi.

Il risultato della resa sono le immagini del presidente che torna alla Casa Bianca con la cravatta in mano, scuro in volto e stravolto dalle urla che pare abbia smazzato a piene mani fra i componenti del suo staff, a cominciare da Brad Parscale, il responsabile della campagna elettorale, bersaglio delle ire presidenziali e si dice prossimo al licenziamento insieme ai suoi collaboratori.

Il giorno successivo al disastro di immagine, è iniziata una nuova fase di analisi sul futuro dei raduni e soprattutto su come invertire una tendenza elettorale che non sembra promettere nulla di buono per Trump.

Inizialmente, lo staff elettorale aveva tentato di scaricare la colpa della scarsa affluenza ai manifestanti che bloccavano gli ingressi, anche se diverse foto e riprese televisive mostrano una massiccia presenza della polizia e nessun tipo di ostruzione agli ingressi dell’arena di Tulsa, secondo i dati ufficiali con 6.200 posti occupati a fronte di oltre 19mila di capienza. Idem all’esterno, dove fra le strutture e i maxischermi che avrebbero dovuto permettere ai sostenitori senza biglietto di assistere al discorso, si contavano appena 25 persone, contro previsioni che parlavano di 40mila presenze.

Ma sono in pochi dello staff di Trump a credere che gli eventi pubblici saranno banditi del tutto. Si parla di luoghi più piccoli o all’aria aperta in cui sia più facile radunare la gente senza rischi di contagio, ma Trump ama i bagni di folla delle grandi arene dove le rock star e gli incontri sportivi fanno il tutto esaurito.

Anche lo staff elettorale del presidente sembra si sia lamentato: annunciare un’affluenza massiccia in anticipo è un grave errore che si ritorce in un profondo imbarazzo per lo stesso presidente. Per Tulsa si parlava di chiamata ad un milione di persone, con tutto esaurito ovunque. Era stato Donald Trump in persona a lanciarsi in previsioni azzardate: mentre lasciava la Casa Bianca per Tulsa continuava a ripetere sorridendo, “Vedrete cose che non si sono mai viste prima”. Aveva ragione.

Galleria fotografica
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump - immagine 1
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump - immagine 2
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg