L’importanza di essere Ernest

| Un pensionato del Tennessee è il nuovo sosia ufficiale di Hemigway. È stato eletto durante le celebrazioni per il 120esimo anniversario della nascita del grande romanziere

+ Miei preferiti
Joe Maxey, 68 anni, bancario in pensione di Cedar Hill, Tennessee, si è tolto una soddisfazione: è il sosia ufficiale del grande romanziere americano di Ernest Hemingway. Maxey ha vinto l’annuale concorso di sosia organizzato dallo “Sloppy Joe’s Bar”, locale preferito dall’autore quando viveva a Key West, negli anni Trenta. Una giuria composta da ex vincitori ha scelto Maxey su 141 aspiranti sosia attraverso due turni preliminari e la finale.

Joe Maxey si dichiara un appassionato di Hemingway, personaggio con cui condivide la passione per i mojito e le donne. Molti concorrenti indossavano look che ricordavano l’aspetto di Hemingway negli ultimi anni della sua vita.

Il concorso è un punto culminante degli “Hemingway Days” che celebrano l’anniversario della nascita, l’eredità letteraria e lo stile di vita avventuroso dell’autore, vincitore di un Pulitzer e un Nobel, morto suicida nel 1961. 

Hemingway visse a Key West fra il 1931 e il 1940, nella casa coloniale al 907 di Whitehead, dove ha scritto classici come “Per chi suona la campana” e “Verdi colline d’Africa”. 

Galleria fotografica
L’importanza di essere Ernest - immagine 1
L’importanza di essere Ernest - immagine 2
Stati Uniti
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia