L’importanza di essere Ernest

| Un pensionato del Tennessee è il nuovo sosia ufficiale di Hemigway. È stato eletto durante le celebrazioni per il 120esimo anniversario della nascita del grande romanziere

+ Miei preferiti
Joe Maxey, 68 anni, bancario in pensione di Cedar Hill, Tennessee, si è tolto una soddisfazione: è il sosia ufficiale del grande romanziere americano di Ernest Hemingway. Maxey ha vinto l’annuale concorso di sosia organizzato dallo “Sloppy Joe’s Bar”, locale preferito dall’autore quando viveva a Key West, negli anni Trenta. Una giuria composta da ex vincitori ha scelto Maxey su 141 aspiranti sosia attraverso due turni preliminari e la finale.

Joe Maxey si dichiara un appassionato di Hemingway, personaggio con cui condivide la passione per i mojito e le donne. Molti concorrenti indossavano look che ricordavano l’aspetto di Hemingway negli ultimi anni della sua vita.

Il concorso è un punto culminante degli “Hemingway Days” che celebrano l’anniversario della nascita, l’eredità letteraria e lo stile di vita avventuroso dell’autore, vincitore di un Pulitzer e un Nobel, morto suicida nel 1961. 

Hemingway visse a Key West fra il 1931 e il 1940, nella casa coloniale al 907 di Whitehead, dove ha scritto classici come “Per chi suona la campana” e “Verdi colline d’Africa”. 

Galleria fotografica
L’importanza di essere Ernest - immagine 1
L’importanza di essere Ernest - immagine 2
Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda