Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka

| Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo

+ Miei preferiti
Suo padre Donald si diverte a portare l’America sull’orlo della guerra civile, ma anche Ivanka – la first daughter – crea non pochi grattacapi ai servizi segreti.

Il “Washington Post” e la “CNN” svelano che la figlia prediletta e il genero del cuore hanno costretto il dipartimento che si occupa della loro sicurezza a dover mettere mano al portafoglio affittando un piccolo appartamento adiacente alla residenza di Washington dove vivono Ivanka e Jared Kushner, suo marito.

La coppia vive in una magione da 5.000 metri quadrati, con 6 camere da letto e 7 bagni nella zona di Kalorama, esclusivo e raffinato quartiere della Capitale a meno di 3 km dalla Casa Bianca: un posto frequentato da diplomatici di alto rango, ex ministri ed ex presidenti come Barack Obama.

Ma agli agenti della scorta, l’ingresso è vietato, anche non si sa per ordini superiori o per disposizione dei coniugi. Ma comunque sia, agli agenti restava un impellente problema d risolvere: avere a disposizione un bagno, un angolo dove riposarsi fra un turno e l’altro e un posto dove mangiare qualcosa, visto che per via del lockdown ristoranti e bar della zona sono chiusi. Le proteste silenziose degli agenti hanno costretto i servizi segreti a spulciare fra gli annunci immobiliari fino a individuare un piccolo appartamento che funge da ufficio di collegamento con computer, wi-fi e stampanti, ma soprattutto è dotato di un bagno, una piccola cucina e un salottino arredato.

Secondo il Washington Post, che per primo ha svelato la vicenda, dal settembre del 2017 il governo federale ha affittato lo spazio per 3.000 dollari al mese, con un totale di spesa aggiornato ad oggi che supera i 100.000 dollari.

Judd Deere, portavoce della Casa Bianca, ha negato che i Kushner non abbiano permesso agli uomini dei servizi segreti di usare uno dei loro bagni: “Questa è solo un’altra falsa notizia. Quando le polemiche sulla sicurezza della loro abitazione sono iniziate, Ivanka e Jared hanno chiarito che la porta di casa loro sarebbe stata sempre aperta agli incredibili uomini e alle donne della scorta. I Kushner nutrono un enorme rispetto per i militari e per gli uomini dei servizi segreti degli Stati Uniti: per loro, la casa della coppia sarà sempre aperta”. Qualche giorno dopo, una fonte ben informata ha confermato la situazione: “I servizi segreti fanno ogni sforzo per organizzare un sistema di protezione che abbia impatto minimo sulla famiglia. In conformità a questa prassi, il personale non richiede l’accesso alle residenze private. Posso confermare che Ivanka Trump e Jared Kushner non hanno mai negato al personale dei Servizi Segreti l’accesso alla loro residenza, incluso l’uso del bagno”. Non è andata così secondo un altro funzionario che ha chiesto l’anonimato, secondo cui le strutture all’interno della residenza della famiglia sono state designate fin dall’inizio come non utilizzabili dagli agenti: una regola stabilita in anticipo da Ivanka e Jarhed.

Secondo il Post, l’agenzia ha passato mesi a cercare di trovare una soluzione, adottando un bagno portatile che è stato rimosso dopo le lamentele dei vicini. A quel punto, gli agenti hanno cominciato a condividere i bagni di un garage usato dalla scorta di Obama, a pochi metri dalla residenza di Ivanka. Ma fra le due squadre è nata una discussione e un litigio per via del bagno lasciato in pessime condizioni da qualcuno.

Al terzo tentativo, gli agenti sono stati costretti a pensare per tempo ai loro bisogni corporali, spostandosi in macchina fino ai bagni della struttura di sorveglianza che controlla la residenza del vice presidente Mike Pence, a qualche km di distanza. Pochi, ma che in certi momenti possono diventare tantissimi.

Nel settembre 2017, gli agenti hanno contattato Kay Kendall, presidente della Commissione per le Arti e le Lettere di Washington, proprietario di una casa di fronte a quella della famiglia Trump/Kushner, dotata di un seminterrato con bagno. Kendall ha accettato di affittarla in cambio di un affitto simbolico, risolvendo almeno in parte i problemi dei poveri agenti.

Stati Uniti
Il ritorno di Donald il rabbioso
Il ritorno di Donald il rabbioso
Settimane di silenzio non l’hanno cambiato: nessun accenno al disastro del Campidoglio, attacchi durissimi a Biden e a chi si è opposto o non l’ha appoggiato e la mezza promessa finale: ricandidarsi
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Il New York Times rivela che un’altra ex assistente accusa il governatore dello Stato di NY molestie sessuali. Mentre l’FBI indaga sul numero di morti falsato durante la prima ondata della pandemia
Ritrovati i cani di Lady Gaga
Ritrovati i cani di Lady Gaga
A riconsegnarli alla polizia, sani e salvi, sarebbe stata una donna estranea alla vicenda. Proseguono le indagini, mentre il dog-sitter è ancora grave in ospedale
Trump pianifica futuro e vendette
Trump pianifica futuro e vendette
Fra una partita a golf e un mandato di comparizione, l’ex presidente starebbe tramando per prendersi il partito repubblicano e lanciare se stesso e suo figlio Donald Jr alla conquista della politica americana
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Sommerso dalle denunce per violenze e abusi, e al centro di un’indagine, l’ex allenatore 63enne della nazionale americana di ginnastica femminile si è tolto la vita
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili