Lo scoop su Bezos era un ricatto

| È stato lo stesso magnate a ingaggiare un investigatore per capire come il materiale osè sulla sua relazione extraconiugale fosse arrivato nelle mani del National Enquirer. Lo scoop del Wall Street Journal

+ Miei preferiti
Anche se non si può definire una nuova tegola sospesa sul ciuffo di Donald Trump, è comunque in modo indiretto una magra figura. Il “Wall Street Journal” rivela che il “National Enquire”, tabloid specializzato in gossip di proprietà dell’American Media, società di David Pecker, editore da sempre molto vicino al presidente, avrebbe sborsato 200mila dollari per assicurarsi foto piccanti e messaggi scambiati fra Jeff Bezos e Lauren Sanchez, la sua presunta amante. Bezos, vale la pena ricordarlo, è il proprietario unico del colosso “Amazon”, secondo tutte le classifiche possibili, l’uomo più ricco del pianeta, mentre Michael Sanchez, la persona che avrebbe intascato la somma e è il fratello della donna, quasi suo cognato. A Dio piacendo.

Era stato lo stesso Bezos, deciso a non cedere ai ricatti, a svelare al mondo il tentativo del National Enquire, arrivando perfino ad ipotizzare un coinvolgimento diretto di Trump, con cui i rapporti non sono mai stati idilliaci. La rivelazione del rapporto extraconiugale, strategicamente, era arrivato nel pieno della separazione fra Bezos e la moglie McKenzie. Il magnate aveva raccontato di una telefonata dal National Enquire in cui gli assicuravano di essere in possesso ben altro materiale scottante: non ci fu richiesta di soldi. Per evitarne la pubblicazione sarebbe bastata la dichiarazione pubblica che lo scoop non avesse finalità politiche. Per tutta risposta, Bezos aveva incaricato GFavin de Becker, star della sicurezza di personaggi di spicco americani, di aiutarlo a capire come la rivista fosse entrata in possesso del materiale. 

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”