L’omicidio-suicidio che sconvolge l’America

| Un anno fa, Jennifer e Sarah Hart hanno deciso di uccidersi portando con sé i loro sei figli adottivi. L’ha appurato un’inchiesta che è riuscita a ricostruire le ultime ore della famiglia e alcuni terribili indizi

+ Miei preferiti
La mattina del 26 marzo 2018, nella zona di Mendocino, nel nord della California, la polizia rinviene un Suv precipitato per oltre trenta metri da una scogliera affacciata sull’oceano. All’interno dell’auto, gli agenti ritrovano i corpi di due donne sposate fra loro, Jennifer e Sarah Hart, e quelli dei loro sei figli adottivi: Martin, 12 anni, Hannah, 16, Devonte, 15, Abigail, 14, Jeremiah, 14 e Sierra, 12.

Per lo sceriffo di Mendoncino, Tom Allman, qualcosa non torna: sull’asfalto non c’è traccia di frenata e neanche segni di sbandata. L’ipotesi dell’incidente stradale, dell’errore umano e del guasto meccanico lasciano nell’aria il sospetto peggiore: quello di un gesto volontario, un terribile omicidio-suicidio.

Proprio in queste ore, l’inchiesta è stata chiusa ufficialmente confermando quella che fino a quel momento era soltanto un’ipotesi: le due donne, entrambe di 38 anni, avrebbero drogato loro stesse e i figli per poi lanciarsi con l’auto dalla scogliera californiana. Lo hanno confermato le autopsie effettuate sui cinque corpi ritrovati all’interno dell’auto: di altri tre, quelli di Sienna, Hannah e Devonte non si sa più nulla, probabilmente ingoiati dall’oceano poco dopo lo schianto. Secondo le analisi, ognuno dei ragazzi aveva in corpo una ventina di dosi di Benadryl, un potente antistaminico che in dosi massicce porta sonnolenza e visione indistinta, mentre Sarah Hart aveva tenuto per sé altre 42 dosi e Jennifer – che era alla guida - aveva in corpo così tanto alcol che perfino camminare le sarebbe stato difficile. A ulteriore conferma della conclusione a cui è giunta l’inchiesta anche altri indizi: sui telefoni delle due donne sono state trovare ricerche che non lasciano molti dubbi: “500mg di Benadryl possono uccidere una donna adulta?”, o ancora “La morte per annegamento è indolore?”, “In quanto tempo si muore per ipotermia?”. Anche il percorso segnato dal Gps racconta molto: le due donne sono partite da casa e fatto una sosta di 18 minuti in un supermercato per acquistare parecchie confezioni di Benadryl. I dati dell’auto hanno permesso di capire che l’auto si è fermata per qualche minuto in un piazzale poco distante dal luogo della tragedia, per poi ripartire a forte velocità puntando contro il guard-rail.

Jennifer e Sarah Hart vivevano a Woodland, nello stato di Washington: sposate da dieci anni, avevano adottato uno dopo l’altro i sei figli, tutti con storie familiari pesanti alle spalle, vittime di violenze e con genitori tossicodipendenti morti o in galera. Devonte, uno dei loro figli, aveva vissuto un momento di celebrità quando durante una manifestazione a Portland aveva abbracciato un agente di polizia in lacrime, dichiarando di essere preoccupato per la violenza contro la gente di colore come lui.

Cosa abbia spinto le due donne a uccidersi portando con sé la propria famiglia resta un mistero. L’unica spiegazione era stata una visita dei servizi sociali avvenuta poche ore prima della tragedia, dopo alcune segnalazioni di abusi su minori fatte dai vicini di casa. Pare che alcuni dei ragazzi avessero bussato più volte alle abitazioni circostanti per chiedere un po’ di cibo, che gli era negato dalle due donne perché in punizione. Gli amici della coppia respingono ogni accusa: erano mamme attente, premurose e perdutamente innamorate dei loro figli.

Galleria fotografica
L’omicidio-suicidio che sconvolge l’America - immagine 1
L’omicidio-suicidio che sconvolge l’America - immagine 2
L’omicidio-suicidio che sconvolge l’America - immagine 3
L’omicidio-suicidio che sconvolge l’America - immagine 4
Stati Uniti
Strage a Colorado Springs
Strage a Colorado Springs
Otto morti, compreso l’attentatore, ad una festa di compleanno di famiglia in un’area per case mobili. L’attentatore ha risparmiato solo i bambini
Il South Carolina ripristina la fucilazione
Il South Carolina ripristina la fucilazione
La carenza di farmaci letali ha portato al ritorno della pena capitale attraverso il plotone di esecuzione. Per le associazioni umanitarie “un passo indietro verso le barbarie medievali”
Trump lancia un nuovo canale social
Trump lancia un nuovo canale social
Non è ancora quello che aveva in mente, ma più un sito canale diretto fra l’ex presidente e i suoi sostenitori. Nelle stesse ore, Facebook si riunisce per decidere se togliere l’embargo
Bill e Melinda si dicono addio
Bill e Melinda si dicono addio
I Gates, la coppia di miliardari filantropi, si è rotta: l’ha annunciato Bill con poche parole su Twitter. Ignoti i motivi della rottura, anche se si mormora sia stata lei a volere la separazione
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
Affetto da disturbi mentali, per anni è stato costretto a lavorare senza paga, picchiato e maltrattato dal titolare di una caffetteria. Ora la giustizia impone che gli venga restituito più di quanto avrebbe guadagnato
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
L’improvvisa perquisizione da parte dell’FBI dell’appartamento e degli uffici di Rudy Giuliani ha messo in allarme la rete dei collaboratori dell’ex presidente. Secondo molti, è iniziata la resa dei conti
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
Diverse grandi aziende offrono premi in denaro per i propri dipendenti, mentre stati come il West Virginia regala buoni in denaro. L’obiettivo è convincere milioni di no-vax e recalcitranti
I primi 100 giorni di Joe
I primi 100 giorni di Joe
Il presidente Biden parla al Paese promettendo di risollevare gli americani “abbandonati e dimenticati”: getta le basi per un’ambiziosa agenda economica e chiede la riforma della polizia e più divieti sulle armi
Altre due vittime della polizia americana
Altre due vittime della polizia americana
Mario Gonzalez soffocato come George Floyd, Andrew Brown Jr crivellato di colpi mentre tentava di sfuggire all’arresto. Si temono nuove ondate di proteste
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
L’ex socialite britannica è apparsa in tribunale per una nuova accusa, mentre i suoi legali querelano la casa editrice che ha pubblicato un nuovo libro sulla vicenda, e i media riaccendono le luci sull’amicizia con Bill Clinton