Lori Lightfoot, da Chicago alla storia americana

| Prima sindaca di una grande metropoli afroamericana e gay, simbolo di civiltà ed emancipazione. Ma a riportare indietro le lancette del tempo ci ha pensato una sentenza della Corte Suprema sulla pena di morte

+ Miei preferiti
A modo suo è una rivoluzione, l’elezione a sindaco di Chicago di Lori Lightfoot: avvocato, ex procuratore federale, ma soprattutto afroamericana e gay. Cinquantasette anni, nata a Massilon, nell’Ohio, titolare di una carriera messa insieme fra prestigiosi studi legali e incarichi governativi, ha sconfitto al ballottaggio Toni Preckwinkle, ex assessore e presidente del partito Dem della contea di Cook.

Non è un incarico semplice quello che aspetta la neo sindaca: Chicago, terza città più popolosa d’America, è schiacciata da anni da problemi come un debito pensionistico abnorme e un calo demografico dovuto soprattutto ad un tasso di omicidi e violenze fra i più alti d’America, ben più alto di Los Angeles. A portarla alla vittoria un programma elettorale che ha come punti cardine la sconfitta della corruzione politica e un taglio netto agli abusi di potere della polizia.

Ma se con una mano sembra essere sempre un passo in avanti, con l’altra America indietreggia. Una recente sentenza della Corte Suprema, negli stessi giorni sta scatenando le proteste degli attivisti di tutto il mondo. Con 5 voti contro 4, la Supreme Court ha respinto un ricorso presentato da Russell Bucklew, un condannato a morte per un omicidio commesso nel 1996 e affetto da emangioma cavernoso che nel ricorso ha affermato di “considerare potenzialmente molto dolorosa” l’iniezione letale. Il condannato ha chiesto l’uso dell’azoto, ma l’ipotesi è stata respinta in quanto non esistono precedenti in nessuno stato americano. Nella sentenza, la Corte ha da un lato ribadito che la legge vieta metodi di applicazione della pena capitale “crudeli e inusuali”, ma non c’è scritto da nessuna parte che “la morte non debba essere per forza indolore”.

Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo