Lori Lightfoot, da Chicago alla storia americana

| Prima sindaca di una grande metropoli afroamericana e gay, simbolo di civiltà ed emancipazione. Ma a riportare indietro le lancette del tempo ci ha pensato una sentenza della Corte Suprema sulla pena di morte

+ Miei preferiti
A modo suo è una rivoluzione, l’elezione a sindaco di Chicago di Lori Lightfoot: avvocato, ex procuratore federale, ma soprattutto afroamericana e gay. Cinquantasette anni, nata a Massilon, nell’Ohio, titolare di una carriera messa insieme fra prestigiosi studi legali e incarichi governativi, ha sconfitto al ballottaggio Toni Preckwinkle, ex assessore e presidente del partito Dem della contea di Cook.

Non è un incarico semplice quello che aspetta la neo sindaca: Chicago, terza città più popolosa d’America, è schiacciata da anni da problemi come un debito pensionistico abnorme e un calo demografico dovuto soprattutto ad un tasso di omicidi e violenze fra i più alti d’America, ben più alto di Los Angeles. A portarla alla vittoria un programma elettorale che ha come punti cardine la sconfitta della corruzione politica e un taglio netto agli abusi di potere della polizia.

Ma se con una mano sembra essere sempre un passo in avanti, con l’altra America indietreggia. Una recente sentenza della Corte Suprema, negli stessi giorni sta scatenando le proteste degli attivisti di tutto il mondo. Con 5 voti contro 4, la Supreme Court ha respinto un ricorso presentato da Russell Bucklew, un condannato a morte per un omicidio commesso nel 1996 e affetto da emangioma cavernoso che nel ricorso ha affermato di “considerare potenzialmente molto dolorosa” l’iniezione letale. Il condannato ha chiesto l’uso dell’azoto, ma l’ipotesi è stata respinta in quanto non esistono precedenti in nessuno stato americano. Nella sentenza, la Corte ha da un lato ribadito che la legge vieta metodi di applicazione della pena capitale “crudeli e inusuali”, ma non c’è scritto da nessuna parte che “la morte non debba essere per forza indolore”.

Stati Uniti
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”
Fauci contesta l’uso delle sue parole in uno spot elettorale
Fauci contesta l’uso delle sue parole in uno spot elettorale
Estrapolata da una vecchia intervista, la frase “Non posso immaginare qualcuno che possa fare meglio” non era riferita a Trump, ma alla risposta delle autorità sanitare federali. “Non ho mai appoggiato nessun presidente”
Presidenziali 2020, prove tecniche di guerra civile
Presidenziali 2020, prove tecniche di guerra civile
La retorica di Trump, l’aria pesante pre-elettorale, le minacce di brogli e di chiamata alle armi preoccupano le organizzazioni mondiali. Per la prima volta, il voto negli Stati Uniti sarà seguito da vicino da osservatori neutrali
Trump, il fratello di Superman
Trump, il fratello di Superman
Aveva ideato una scenetta per rendere indimenticabile l’uscita dall’ospedale: aprire la camicia per mostrare una t-shirt con il simbolo del supereroe. Si sono messi d’impegno in tanti per fargli cambiare idea