Lori Lightfoot, da Chicago alla storia americana

| Prima sindaca di una grande metropoli afroamericana e gay, simbolo di civiltà ed emancipazione. Ma a riportare indietro le lancette del tempo ci ha pensato una sentenza della Corte Suprema sulla pena di morte

+ Miei preferiti
A modo suo è una rivoluzione, l’elezione a sindaco di Chicago di Lori Lightfoot: avvocato, ex procuratore federale, ma soprattutto afroamericana e gay. Cinquantasette anni, nata a Massilon, nell’Ohio, titolare di una carriera messa insieme fra prestigiosi studi legali e incarichi governativi, ha sconfitto al ballottaggio Toni Preckwinkle, ex assessore e presidente del partito Dem della contea di Cook.

Non è un incarico semplice quello che aspetta la neo sindaca: Chicago, terza città più popolosa d’America, è schiacciata da anni da problemi come un debito pensionistico abnorme e un calo demografico dovuto soprattutto ad un tasso di omicidi e violenze fra i più alti d’America, ben più alto di Los Angeles. A portarla alla vittoria un programma elettorale che ha come punti cardine la sconfitta della corruzione politica e un taglio netto agli abusi di potere della polizia.

Ma se con una mano sembra essere sempre un passo in avanti, con l’altra America indietreggia. Una recente sentenza della Corte Suprema, negli stessi giorni sta scatenando le proteste degli attivisti di tutto il mondo. Con 5 voti contro 4, la Supreme Court ha respinto un ricorso presentato da Russell Bucklew, un condannato a morte per un omicidio commesso nel 1996 e affetto da emangioma cavernoso che nel ricorso ha affermato di “considerare potenzialmente molto dolorosa” l’iniezione letale. Il condannato ha chiesto l’uso dell’azoto, ma l’ipotesi è stata respinta in quanto non esistono precedenti in nessuno stato americano. Nella sentenza, la Corte ha da un lato ribadito che la legge vieta metodi di applicazione della pena capitale “crudeli e inusuali”, ma non c’è scritto da nessuna parte che “la morte non debba essere per forza indolore”.

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Proteste: ucciso un agente in pensione
Proteste: ucciso un agente in pensione
David Dorn aveva 77 anni, e voleva aiutare un amico a difendere il banco dei pegni. La morte documentata sui social
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese