L’ultima beffa di Mr. Untouchable

| Leroy Barnes, elegantissimo signore della droga newyorkese, è morto nel 2012, ma la notizia è stata rivelata soltanto a pochi giorni dalla scomparsa del suo rivale di sempre, Frank Lucas

+ Miei preferiti
Leroy Nicky Barnes non c’è più, “Mister Untouchable” è morto, ma lo ha fatto a modo suo, riuscendo a nascondere al mondo anche quello. Perché Barnes, ha scoperto il mondo intero, in realtà è morto di tumore nel 2012, a 78 anni, ma la notizia è stata rivelata soltanto oggi.

Mafioso e signore della droga per vent’anni almeno, fra i Sessanta ed i Settanta, ha spadroneggiato il florido mercato dello spaccio di New York creando “The Council”, il consiglio, la sua organizzazione, affiliata alla mafia italo-americana. Un delinquente vero e spietato, ma dai modi affascinanti, elegantissimo fino a sfiorare l’esagerazione, con leggende suo conto che raccontano di almeno 200 completi di alta sartoria negli armadi dei suoi appartamenti di lusso fra Manhattan, Brooklyn, il Queens e il Bronx, con 100 paio di scarpe e almeno 50 fra trench e cappotti, uno più prezioso dell’altro. La comunità afroamericana di New York aveva trovato il suo eroe, generoso con chi - come lui - era nato nei bassifondi di Harlem. Alla metà degli anni Sessanta, poco prima del giorno del Ringraziamento, aveva attraversato il quartiere nero di New York a bordo di un camion per distribuire tacchini a chi non poteva permettersi di metterlo in tavola.

Nel 1977, il “New York Times” gli dedica una copertina che fa scandalo in cui lo definisce “Mr. Untouchable”, l’intoccabile. Un guizzo di popolarità che aveva finito per infastidire perfino il presidente Carter, che dopo quella foto aveva chiamato a rapporto i vertici di polizia ed FBI per strizzargli le appendici: portatemi la testa di questo tizio.

L’unico neo della sua scalata, la rivalità con Frank Lucas, altro signore della droga che era riuscito a portare sulle piazze dello spaccio la “Blue Magic”, il suo personale taglio di eroina, gestendo un traffico di stupefacenti dal Sud-est asiatico, messo in piedi sfruttando amicizie fra le alte sfere militari. Lo arrestano nel 1975, condannandolo a 70 anni di reclusione, poi ridotti a 15 perché aveva deciso di svelare i segreti del mercato della droga di New York. Esce di galera nel 1991 e si rifugia a Newark: costretto sulla sedia a rotelle, è morto a 88 anni il 30 maggio scorso, un po’ infastidito dall’idea che il suo rivale di sempre, Leroy Nicky Barnes, fosse ancora in salute.

Non era così. Ma per il resto, anche la vita dei due aveva finito per assomigliarsi. L’unica differenza: Leroy Barnes non era un vero pentito, si era convinto a parlare perché chi gestiva il mercato della droga a New York stava massacrando il suo impero, messo in piedi con tanta fatica e molti morti ammazzati. Con un ergastolo sulle spalle, anche lui era uscito alla metà degli anni Novanta finendo in una località segreta, protetto dal programma di protezione testimoni: si dice gestisse un autolavaggio.

Nel 2007, la storia di Leroy Barnes e Frank Lucas è diventata un film diretto da Ridley Scott: “American Gangster”, interpretato da Cuba Gooding Jr, Russel Crowe e Denzel Washington.

Galleria fotografica
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 1
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 2
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 3
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 4
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 5
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 6
Stati Uniti
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
Il quotatissimo Ted Cruz paparazzato con la famiglia mentre partiva per una vacanza in Messico. Travolto dalle critiche è rientrato di corsa, ma la sua carriera potrebbe finire qui
Il Texas in ginocchio
Il Texas in ginocchio
Milioni di persone bloccate senza luce e acqua, mentre si registrano le prime carenze di cibo. Il presidente Biden ha chiesto lo stato di emergenza
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Il più anziano e longevo ergastolano di tuta l’America è tornato ad essere un uomo libero. Aveva rifiutato per tre volte la libertà condizionata
Trump all’attacco dei repubblicani
Trump all’attacco dei repubblicani
L’ex presidente è tornato a far sentire la propria voce, dando di fatto il via alla resa dei conti in casa repubblicana. Nel mirino chi ha votato perché fosse condannato e il leader McConnell, “un cupo scribacchino”