L’ultima beffa di Mr. Untouchable

| Leroy Barnes, elegantissimo signore della droga newyorkese, è morto nel 2012, ma la notizia è stata rivelata soltanto a pochi giorni dalla scomparsa del suo rivale di sempre, Frank Lucas

+ Miei preferiti
Leroy Nicky Barnes non c’è più, “Mister Untouchable” è morto, ma lo ha fatto a modo suo, riuscendo a nascondere al mondo anche quello. Perché Barnes, ha scoperto il mondo intero, in realtà è morto di tumore nel 2012, a 78 anni, ma la notizia è stata rivelata soltanto oggi.

Mafioso e signore della droga per vent’anni almeno, fra i Sessanta ed i Settanta, ha spadroneggiato il florido mercato dello spaccio di New York creando “The Council”, il consiglio, la sua organizzazione, affiliata alla mafia italo-americana. Un delinquente vero e spietato, ma dai modi affascinanti, elegantissimo fino a sfiorare l’esagerazione, con leggende suo conto che raccontano di almeno 200 completi di alta sartoria negli armadi dei suoi appartamenti di lusso fra Manhattan, Brooklyn, il Queens e il Bronx, con 100 paio di scarpe e almeno 50 fra trench e cappotti, uno più prezioso dell’altro. La comunità afroamericana di New York aveva trovato il suo eroe, generoso con chi - come lui - era nato nei bassifondi di Harlem. Alla metà degli anni Sessanta, poco prima del giorno del Ringraziamento, aveva attraversato il quartiere nero di New York a bordo di un camion per distribuire tacchini a chi non poteva permettersi di metterlo in tavola.

Nel 1977, il “New York Times” gli dedica una copertina che fa scandalo in cui lo definisce “Mr. Untouchable”, l’intoccabile. Un guizzo di popolarità che aveva finito per infastidire perfino il presidente Carter, che dopo quella foto aveva chiamato a rapporto i vertici di polizia ed FBI per strizzargli le appendici: portatemi la testa di questo tizio.

L’unico neo della sua scalata, la rivalità con Frank Lucas, altro signore della droga che era riuscito a portare sulle piazze dello spaccio la “Blue Magic”, il suo personale taglio di eroina, gestendo un traffico di stupefacenti dal Sud-est asiatico, messo in piedi sfruttando amicizie fra le alte sfere militari. Lo arrestano nel 1975, condannandolo a 70 anni di reclusione, poi ridotti a 15 perché aveva deciso di svelare i segreti del mercato della droga di New York. Esce di galera nel 1991 e si rifugia a Newark: costretto sulla sedia a rotelle, è morto a 88 anni il 30 maggio scorso, un po’ infastidito dall’idea che il suo rivale di sempre, Leroy Nicky Barnes, fosse ancora in salute.

Non era così. Ma per il resto, anche la vita dei due aveva finito per assomigliarsi. L’unica differenza: Leroy Barnes non era un vero pentito, si era convinto a parlare perché chi gestiva il mercato della droga a New York stava massacrando il suo impero, messo in piedi con tanta fatica e molti morti ammazzati. Con un ergastolo sulle spalle, anche lui era uscito alla metà degli anni Novanta finendo in una località segreta, protetto dal programma di protezione testimoni: si dice gestisse un autolavaggio.

Nel 2007, la storia di Leroy Barnes e Frank Lucas è diventata un film diretto da Ridley Scott: “American Gangster”, interpretato da Cuba Gooding Jr, Russel Crowe e Denzel Washington.

Galleria fotografica
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 1
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 2
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 3
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 4
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 5
L’ultima beffa di Mr. Untouchable - immagine 6
Stati Uniti
Utah, ragazzino fa strage della sua famiglia
Utah, ragazzino fa strage della sua famiglia
Uccisi la madre e tre fratelli, il padre è l’unico sopravvissuto. Il giovane si rifiuta di spiegare i motivi del gesto, e l’intera comunità è sotto shock
Due poliziotti di Honolulu uccisi in una sparatoria
Due poliziotti di Honolulu uccisi in una sparatoria
Sono intervenuti per la chiamata di una donna che era stata ferita, ma qualcuno dall’interno dell’abitazione ha esploso due colpi di fucile fatali. L’abitazione è stata data alle fiamme
L’allegro professore che rubava sovvenzioni universitarie
L’allegro professore che rubava sovvenzioni universitarie
Un ex professore della Drexel University di Philadelphia accusato di aver speso 185.000 dollari fra spogliarelliste e ristoranti di lusso
Rapita e violentata, indica la propria posizione su Snapchat
Rapita e violentata, indica la propria posizione su Snapchat
Una ragazzina californiana di 14 anni è finita nelle mani di tre uomini sudamericani che l’hanno violentata a turno. Ma lei è riuscita ad avvisare gli amici condividendo la propria posizione
Sparatoria in una scuola in Texas, morto uno studente
Sparatoria in una scuola in Texas, morto uno studente
L’agguato all’uscita dalle lezioni: a sparare sarebbe stato un compagno di scuola della vittima, che è poi riuscito a fare perdere le proprie tracce per qualche ora
Aereo scarica il carburante su Los Angeles
Aereo scarica il carburante su Los Angeles
Il velivolo, appena partito dal LAX, è stato costretto a rientrare all’aeroporto, ma prima ha scaricato il carburante, colpendo in pieno un complesso scolastico. Aperta un’inchiesta
“Il 737 MAX? Progettato da pagliacci”
“Il 737 MAX? Progettato da pagliacci”
In centinaia di email interne, i commenti dei dipendenti sul velivolo messo a terra dopo due incidenti, e l’ironia sulla facilità con cui l’ente dell'aviazione civile americana l’ha omologato
Dentro la cella di Epstein
Dentro la cella di Epstein
“60 Minutes”, il celebre programma della rete televisiva americana “CBS”, ha mostrato per la prima volta le foto scattate all'interno della cella del miliardario pedofilo pochi istanti dopo la scoperta del corpo senza vita
Due detenuti in fuga da un carcere in Mississippi
Due detenuti in fuga da un carcere in Mississippi
Approfittando di una violenta protesta, due uomini sono riusciti a evadere facendo perdere le proprie tracce. È caccia all’uomo in tutto lo Stato
I dubbi degli americani sull’attacco in Iran
I dubbi degli americani sull’attacco in Iran
Monta lo scetticismo dei media e dell’opinione pubblica, anche per la mancanza di spiegazioni sulla “minaccia imminente” paventata dalla Casa Bianca. Per molti, una mossa per depotenziare l’impeachment