Malore per Trump, via alle teorie del complotto

| Il presidente sarebbe stato trasportato senza preavviso in una clinica privata. Per la Casa Bianca si tratta di routine, mentre in rete circolano svariate teorie che parlano di avvelenamento e problemi cardiaci

+ Miei preferiti
Stephanie Grisham, addetta stampa della Casa Bianca, ha liquidato ogni illazione come semplici fantasie: “Il presidente Trump gode di ottima salute. Si è trattato solo di un check-up di routine, una parte dei suoi esami annuali. Bisogna smettere di cercare a tutti i costi teorie cospirazioniste”.

Ma secondo i media americani, l’improvvisa visita di Trump al “Walter Reed Army Medical Center” nasconde qualcosa di strano e insolito. La prima è che gli esami arrivano a pochi mesi di distanza da un altro ciclo di controlli, dal quale ufficialmente era uscito “in ottima salute”. Ma secondo la CNN sarebbero ben altri i dettagli più strani: ad esempio l’urgenza della visita e la necessità di ricorrere ad una struttura ospedaliera esterna, tralasciando la clinica interna alla Casa Bianca. In più, lo staff dell’ospedale militare è avvisato sempre con largo margine di anticipo dell’arrivo di un presidente, perché abbia il tempo di predisporre un dispositivo di sicurezza e riservatezza, mentre questa volta non sarebbe andata così, lasciando intuire una certa urgenza. La conferma ai giornalisti della CNN è arrivata da una fonte interna all’ospedale, che ha confermato il dubbio: “La visita del presidente non era programmata”.

Quanto basta insomma per scatenare ipotesi e teorie complottistiche, a cominciare dalla prima, che da ore circola in modo virale in rete, secondo cui Trump sarebbe stato vittima di un tentativo di avvelenamento. La notizia è stata diffusa dal sito “Infowars”, che avrebbe raccolto una notizia riservata che circola alla Casa Bianca, secondo cui l’assaggiatore personal del presidente si sarebbe ammalato gravemente dopo aver ingerito una sostanza non meglio specificata, definita “una tossina difficile da individuare, dai sintomi ritardati”. Secondo altri, la visita ospedaliera di Trump sarebbe invece la causa di una malattia che il presidente non ha intenzione di rivelare, probabilmente un grave problema cardiaco.

Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti