Manette & forchette

| Souljia Boy, Bill Cosby, Suge Knight e Jared Fogle: quattro nomi noti di celebrità finite dietro le sbarre. Ecco cosa hanno ordinato per celebrare la Pasqua nelle loro celle

+ Miei preferiti
Il sito “TMZ”, secondo qualcuno quelli che riescono a sapere chi ha dei problemi a Hollywood e dintorni ancor prima che li abbia davvero, ha dedicato qualche ora del proprio tempo a scoprire il menù di Pasqua per un ristretto numero di detenuti celebri. Gente dello spettacolo finita dietro le sbarre di recente.

Il primo è Soulja Boy, pseudonimo di DeAndre Cortez Way, ovviamente rapper e altrettanto ovviamente dalla vita in bilico fra il sapore del successo e l’odore della polvere da sparo. Almeno quattro arresti in carriera, l’ultimo dei quali per violazione della libertà vigilata su un arresto precedente. Nella prigione della contea di Los Angeles, dove conta di restare fino al 30 aprile, per il menù di Pasqua Soulja Boy è stato perfino morigerato: spaghetti, insalata, pane e succo di frutta.



Decisamente più clamoroso, e per di più non appartenente alla categoria “rapper”, è il nome di Bill Cosby, il celebre dottor Cliff del telefilm “I Robinson”, un successo mondiale fra gli anni Ottanta e Novanta. Accusato da oltre 50 donne di stupro, sta scontando una pena che va dai tre ai dieci anni di galera (la legge americana recita così), in un carcere di Phoenix, in Arizona. Anche per lui una Pasqua francescana: pollo allo spiedo, carote, pane e una mela.



Suge Knight, nome d’arte del produttore discografico Marlon Hugh Knight, un tempo motore della “Death Row Records”, quella che produceva gli album del compianto Tupac Shakur, sconta 28 anni presso il centro di correzione “Richard J. Donovan” di San Diego. Per la sua terza Pasqua dietro le sbarre hamburger, patate al forno, mais al vapore, insalata di cavolo e una vaschetta di gelato.



Per finire con Jared Scott Fogle, ex responsabile della catena di fast-food “Subway”, condannato in via definitiva per abusi sessuali su minori e pornografia infantile. Riconosciutosi colpevole, è stato condannato a 15 anni di reclusione, di cui otto mesi da trascorrere in un carcere federale, con pena minima da scontare di 13 anni prima di poter richiedere il rilascio. Dalla sua cella del “Colorado FCI” di Englewood, ha ordinaro tacos di manzo, riso messicano, fagioli neri, mais, formaggio e salsa guacamole.



Galleria fotografica
Manette & forchette - immagine 1
Manette & forchette - immagine 2
Manette & forchette - immagine 3
Manette & forchette - immagine 4
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda