Manette & forchette

| Souljia Boy, Bill Cosby, Suge Knight e Jared Fogle: quattro nomi noti di celebrità finite dietro le sbarre. Ecco cosa hanno ordinato per celebrare la Pasqua nelle loro celle

+ Miei preferiti
Il sito “TMZ”, secondo qualcuno quelli che riescono a sapere chi ha dei problemi a Hollywood e dintorni ancor prima che li abbia davvero, ha dedicato qualche ora del proprio tempo a scoprire il menù di Pasqua per un ristretto numero di detenuti celebri. Gente dello spettacolo finita dietro le sbarre di recente.

Il primo è Soulja Boy, pseudonimo di DeAndre Cortez Way, ovviamente rapper e altrettanto ovviamente dalla vita in bilico fra il sapore del successo e l’odore della polvere da sparo. Almeno quattro arresti in carriera, l’ultimo dei quali per violazione della libertà vigilata su un arresto precedente. Nella prigione della contea di Los Angeles, dove conta di restare fino al 30 aprile, per il menù di Pasqua Soulja Boy è stato perfino morigerato: spaghetti, insalata, pane e succo di frutta.



Decisamente più clamoroso, e per di più non appartenente alla categoria “rapper”, è il nome di Bill Cosby, il celebre dottor Cliff del telefilm “I Robinson”, un successo mondiale fra gli anni Ottanta e Novanta. Accusato da oltre 50 donne di stupro, sta scontando una pena che va dai tre ai dieci anni di galera (la legge americana recita così), in un carcere di Phoenix, in Arizona. Anche per lui una Pasqua francescana: pollo allo spiedo, carote, pane e una mela.



Suge Knight, nome d’arte del produttore discografico Marlon Hugh Knight, un tempo motore della “Death Row Records”, quella che produceva gli album del compianto Tupac Shakur, sconta 28 anni presso il centro di correzione “Richard J. Donovan” di San Diego. Per la sua terza Pasqua dietro le sbarre hamburger, patate al forno, mais al vapore, insalata di cavolo e una vaschetta di gelato.



Per finire con Jared Scott Fogle, ex responsabile della catena di fast-food “Subway”, condannato in via definitiva per abusi sessuali su minori e pornografia infantile. Riconosciutosi colpevole, è stato condannato a 15 anni di reclusione, di cui otto mesi da trascorrere in un carcere federale, con pena minima da scontare di 13 anni prima di poter richiedere il rilascio. Dalla sua cella del “Colorado FCI” di Englewood, ha ordinaro tacos di manzo, riso messicano, fagioli neri, mais, formaggio e salsa guacamole.



Galleria fotografica
Manette & forchette - immagine 1
Manette & forchette - immagine 2
Manette & forchette - immagine 3
Manette & forchette - immagine 4
Stati Uniti
La prima mappa complete delle violenze della polizia
La prima mappa complete delle violenze della polizia
Il sito Bellingcat ha individuato e classificato almeno 1000 atti di violenza delle forze dell’ordine contro manifestanti dall’inizio delle proteste razziali. Un database unico, inedito e sconcertante
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani