Mary Trump fa causa a zio Donald

| Insieme ad altri due zii, Donald l’avrebbe privata dell’effettiva quota dell’impero immobiliare di famiglia. “Per i Trump, la frode e la truffa sono sempre stati uno stile di vita”

+ Miei preferiti
La faida della famiglia Trump, che sembrava aver raggiunto il punto più alto con la pubblicazione di “Too Much and Never Enough: How my Family created the World’s Dangerous Man”, un libro dalle rivelazioni rese ancora più clamorose dal nome dell’autrice, Mary Trump, nipote del presidente.

Ma per Mary non era ancora abbastanza. Poche ore fa, ha intentato una causa al Presidente e ai suoi fratelli con l’accusa di aver commesso una frode per privarla dei suoi interessi nell’impero immobiliare di famiglia, costruito da Fred Trump Sr.

Nella causa, presentata presso il tribunale dello Stato di New York contro l’attuale Presidente, sua sorella Maryanne Trump Barry e il patrimonio del loro defunto fratello Robert Trump, Mary afferma che per i Trump “la frode e la truffa non erano solo la vera impresa di famiglia, ma uno stile di vita”.

Nella causa accusa i suoi due zii e sua zia, un giudice federale in pensione, di aver cospirato tra loro e con diversi altri soggetti tra cui un amministratore fiduciario incaricato di agire per conto di Mary, per fornirle “una pila di valutazioni fraudolente” e costringerla a firmare un accordo di transazione che “le ha sottratto decine di milioni di dollari”.

“Invece di proteggere gli interessi di Mary, hanno progettato e realizzato un complesso piano per sottrarle fondi, nasconderle e ingannarla sul vero valore di ciò che aveva ereditato”, dice la causa.

Molte delle accuse erano già state svelate nel libro, uscito lo scorso luglio con grande clamore. Nelle sue memorie, Mary dice di essere stata tagliata fuori dal testamento del nonno a causa della morte del padre. Robert Trump le avrebbe spiegato che era stata esclusa perché suo padre era morto di alcolismo, e poteva ereditare la parte della fortuna che gli sarebbe spettata. Mary accusa anche zio Donald di aver tentato di “rubare ingenti somme di denaro ai suoi fratelli” cercando segretamente di cambiare le volontà del padre sul letto di morte, estromettendoli dal controllo del patrimonio familiare.

Al momento della morte di suo padre, nel 1981, Mary aveva 16 anni e insieme a suo fratello, Fred Trump III, hanno ereditato partecipazioni di minoranza dell’impero immobiliare. Poiché Mary era un’adolescente, un avvocato di nome Irwin Durben fu nominato fiduciario per suo conto. Ma Durben, morto nel 2016, era “irrimediabilmente in conflitto” e schierato con i membri della famiglia: “alla fine ha acconsentito all’operazione di estrometterla completamente dall’impero di famiglia”. Era il punto finale di un lavoro di sottile preparazione che andava avanti dagli anni Novanta, “con intrighi di palazzo che potrebbero finire in una serie televisiva”. 

Nel 1991, secondo la causa, Donald aveva avvicinato segretamente l’avvocato Durben per fargli redigere un documento che gli assegnava il controllo completo del patrimonio del padre. Fu Maryanne Trump a “finire il lavoro”, assicurandosi un testamento riveduto che nominava lei, Donald e Robert gli esecutori testamentari dell’impero di Fred Trump Senior.

Tutto questo, secondo Mary, attraverso un piano articolato in tre schemi. In una prima fase, avrebbero dirottato una cospicua parte del patrimonio che le spettava verso le loro società. Nella seconda, hanno creato perizie e bilanci falsi per deprezzare il valore di ciò che restava, e alla fine, le avrebbero fatto pressione per la firma di un accordo, minacciando di estrometterla completamente e di annullare la polizza sanitaria per il figlio neonato di suo fratello, che soffriva di crisi epilettiche e al quale, secondo la causa, è stata successivamente diagnosticata una paralisi cerebrale.

“Attraverso ciascuno di questi schemi, i tre fratelli non solo hanno deliberatamente defraudato Mary di ciò che le spettava di diritto, ma l’hanno anche tenuta all’oscuro di tutto, almeno fino ad ora”.

Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia