“Mi hanno violentata in carcere”

| Latoni Daniel, una giovane in attesa di condanna per omicidio, ha scoperto di essere incinta mentre era dietro le sbarre, ma lei afferma di non aver avuto rapporti sessuali

+ Miei preferiti
Latoni Daniel ha 26 anni e una condanna preliminare a 17 mesi di reclusione che sta scontando presso il penitenziario di Coosa, in Alabama, dov’è in attesa della condanna definitiva, che potrebbe anche arrivare alla pena di morte. Sulle sue spalle l’accusa di omicidio di primo grado: nel dicembre del 2017, guidava l’auto su cui è si è dato alla fuga l’ex fidanzato Ladaniel Tuck dopo aver derubato e ucciso Thomas Chandler, una donna di 87 anni.

Ma il caso di Latoni Daniel, è finito nelle prime pagine dei giornali americani per una vicenda ancora non del tutto chiara: la ragazza è all’ottavo mese di gravidanza, ma lei sostiene di non aver avuto nessun rapporto sessuale da quando è rinchiusa nel penitenziario. Anzi, come ammesso anche dai medici del carcere, quando ha scoperto di essere incinta, la giovane è rimasta sgomenta.

Sul caso, il fratello Terren e il suo avvocato, Mickay McDermott, si dicono certi: Latoni è stata violentata in cella mentre era sotto l’effetto dei farmaci che è costretta a prendere per evitare attacchi e convulsioni notturne di cui soffre. L’avvocato, in particolare, non ha risparmiato parole forti: “La gravidanza della mia cliente è la prova lampante di un crimine commesso fra le pareti di un carcere federale. Non importa quali siano le circostanze in cui è avvenuto: ciò che importa è che è illegale avere rapporti mentre si è sotto custodia dello Stato”. Da qui la richiesta di scarcerazione per concedere a Latoni la possibilità di portare a termine al gravidanza. Il tribunale si riserva di decidere a breve.

Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi