“Mi hanno violentata in carcere”

| Latoni Daniel, una giovane in attesa di condanna per omicidio, ha scoperto di essere incinta mentre era dietro le sbarre, ma lei afferma di non aver avuto rapporti sessuali

+ Miei preferiti
Latoni Daniel ha 26 anni e una condanna preliminare a 17 mesi di reclusione che sta scontando presso il penitenziario di Coosa, in Alabama, dov’è in attesa della condanna definitiva, che potrebbe anche arrivare alla pena di morte. Sulle sue spalle l’accusa di omicidio di primo grado: nel dicembre del 2017, guidava l’auto su cui è si è dato alla fuga l’ex fidanzato Ladaniel Tuck dopo aver derubato e ucciso Thomas Chandler, una donna di 87 anni.

Ma il caso di Latoni Daniel, è finito nelle prime pagine dei giornali americani per una vicenda ancora non del tutto chiara: la ragazza è all’ottavo mese di gravidanza, ma lei sostiene di non aver avuto nessun rapporto sessuale da quando è rinchiusa nel penitenziario. Anzi, come ammesso anche dai medici del carcere, quando ha scoperto di essere incinta, la giovane è rimasta sgomenta.

Sul caso, il fratello Terren e il suo avvocato, Mickay McDermott, si dicono certi: Latoni è stata violentata in cella mentre era sotto l’effetto dei farmaci che è costretta a prendere per evitare attacchi e convulsioni notturne di cui soffre. L’avvocato, in particolare, non ha risparmiato parole forti: “La gravidanza della mia cliente è la prova lampante di un crimine commesso fra le pareti di un carcere federale. Non importa quali siano le circostanze in cui è avvenuto: ciò che importa è che è illegale avere rapporti mentre si è sotto custodia dello Stato”. Da qui la richiesta di scarcerazione per concedere a Latoni la possibilità di portare a termine al gravidanza. Il tribunale si riserva di decidere a breve.

Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda