Miami sotto assedio

| Sono le settimane dello “Spring Break” e la celebre città della Florida è invasa da giovani in cerca di trasgressione: risse, pestaggi, violenze e abusi di ogni tipo sono all’ordine del giorno. La polizia assicura pugno di ferro

+ Miei preferiti
South Beach, ovvero i 23 isolati più celebri di Miami: una delle location più celebri del mondo, costellata dalle luci di Ocean Drive, Collins Avenue ed Española Way. Un’infilata di alberghi art déco e di locali che trasudano musica e cocktail serviti in bicchieri che da altre parti del mondo usano come insalatiere. È lì che la scorsa settimana, un party si è trasformato in una rissa enorme che ha coinvolto centinaia di giovani: a farne le spese è stata una ragazza, presa di mira da un gruppo di coetanei. Mentre qualcuno la picchiava fino a mandarla in ospedale, altri incitavano filmando tutto con il loro smartphone. Due giorni prima, un’altra ragazza era stata tirata fuori a forza da un’auto e presa a botte in mezzo alla strada.

Sono solo due episodi del caos che in queste settimane si è impossessato di Miami, capitale della Florida, una delle località più celebri e apprezzate del mondo, un posto dove quelli che contano hanno messo su casa e da tempo entrata nei sogni dell’americano medio, che accoppia la Florida alla pensione. Ma anche, e questo è peggio, una delle destinazioni predilette dai giovani americani durante lo “Spring Break”. La vacanza di primavera, tradizione accademica tipica del mondo anglosassone che negli Stati Uniti ha perso da tempo il significato di pausa di riflessione per trasformarsi in una settimana senza freni, fra sesso, alcol, droga ed ogni tipo di eccesso.

Miami, in questi giorni, è nel caos, letteralmente. Migliaia di giovani - 10mila, si calcola - sciamano lungo Ocean Drive, perennemente imbottiti di alcol e chissà che, e basta una scintilla anche minima perché tutto degeneri, passando dalle risate alle risse. Nulla che non si sapesse: la più celebre città della Florida è da sempre una delle mete predilette dalle orde di giovani dello Spring Break, e se un tempo le località di mare facevano a gara per attirare i giovani e i loro dollari, quest’anno Miami ha speso 300mila dollari in un marketing al contrario, in cui si sconsigliava la città agli spring breakers, perché le regole valgono sempre e per tutti.

La polizia fa quel che può, assicura che ogni reato sarà perseguito e non ci sarà pietà per nessuno. Secondo Daniel Oates, capo del dipartimento di polizia di Miami Beach, la violenza è in deciso aumento e non c’è più alcun rispetto per le regole e l’autorità. Negli ultimi tre anni, 2.000 giovanissimi sono finiti in manette, tornando a casa con una denuncia. I registri raccontano più di 560 arresti soltanto lo scorso marzo, rispetto ai 400 dell’anno precedente, quando le autorità hanno chiuso la McArthur Causeway, arteria di ingresso in città, vietando l’ingresso a South Beach per la troppa folla. Da mesi, Oates scrive lettere a college, istituti e confraternite per avvisare tutti: “Se avete intenzione di venire a Miami Beach per lo spring date sappiate che dovrete rispettare le nostre leggi. Chi non lo farà, sarà arrestato”. Ne ha mandate più di 350, ma sono servite a poco.

Gli spring breakers sono come i barbari, e quando passano non lasciano nulla com’era prima. Il caos va avanti senza sosta, di giorno e di notte, con risse che scoppiano all’improvviso, ubriachi che si sdraiano in mezzo alla strada bloccando il traffico, gente che si accoppia all’ombra delle palme o espleta i propri bisogno dove capita. E tutto questo andrà avanti fino al 2 aprile, quando gli studenti torneranno nelle proprio scuole con un sacco di ricordi, e qualche denuncia.

Galleria fotografica
Miami sotto assedio - immagine 1
Miami sotto assedio - immagine 2
Miami sotto assedio - immagine 3
Miami sotto assedio - immagine 4
Miami sotto assedio - immagine 5
Miami sotto assedio - immagine 6
Miami sotto assedio - immagine 7
Miami sotto assedio - immagine 8
Miami sotto assedio - immagine 9
Miami sotto assedio - immagine 10
Miami sotto assedio - immagine 11
Miami sotto assedio - immagine 12
Miami sotto assedio - immagine 13
Miami sotto assedio - immagine 14
Miami sotto assedio - immagine 15
Miami sotto assedio - immagine 16
Miami sotto assedio - immagine 17
Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo