"Michael Jackson? Era un pedofilo"

| Adrian McManus, ex donna delle pulizie di Neverland, una delle poche ad avere accesso nelle camere private della star, svela di aver visto parecchie prove delle deviazioni sessuali del re del pop. Il silenzio comprato anche con le minacce

+ Miei preferiti
La nuova ondata di accuse verso Michael Jackson non si arresta: a quasi 10 anni dalla morte, MJ è di nuovo sulla griglia per le accuse di pedofilia. A scatenare la nuova campagna è stato “Leaving Neverland”, il docu-film nel quale Wade Robson e Jimmy Safechuck, oggi due uomini ma ai tempi adolescenti, raccontano le molestie subite dal Re del Pop nella principesca residenza californiana della star.

E a dare un’altra mazzata a quel che resta della reputazione di Jacko arriva anche Adrian McManus, 56 anni, per quattro donna di servizio nel ranch-parco giochi sempre più si rivela come un girone dell’inferno. Assunta nel 1990, la McManus era una dei pochissimi dipendenti ad avere accesso alla camera da letto, nel bagno e nelle camere segrete della star, quanto basta per aver più volte “ripescato” biancheria intima di piccole dimensioni nelle Jacuzzi della residenza, di aver ripulito “tracce imbarazzanti” da letti e divani, di aver trovato diversi barattoli di vaselina e, su ordine di Jackson, di aver nascosto nella biblioteca segreta i nastri di VHS degli atti sessuali con i bambini. Pare che Jackson amasse filmare i suoi incontri con i bambini, mettendo insieme negli anni una videoteca decisamente fornita. “Era ossessionato dall’idea di catturare ogni cosa con la videocamera: aveva una cabina regia piena di costose attrezzature e decine di batterie sempre in carica, per essere pronte all’uso”. L’ex donna di servizio di Neverland, ritiene che MJ abbia nascosto il materiale in una sala di proiezione cinematografica distante dal corpo principale della tenuta. “Non mi sono mai permessa di dirgli nulla: lui era il mio datore di lavoro e io avevo bisogno di quel posto, ma onestamente avevo anche paura di una vendetta, nel caso avessi parlato”. La McManus, chiamata a testimoniare nel processo del 2005 a carico di Jackson, è convinta che l’artista sia riuscito a farla franca per così tanto tempo ricorrendo alla sua fidata squadra di sicurezza privata che avrebbe minacciato di morte e ripercussioni tanto il personale quanto i bambini stessi. “Avevamo tutti paura delle sue guardie del corpo: portavano pistole e avevano l’atteggiamento malvagio e spaventoso”.



Anche verso di lei, Jackson usò tattiche intimidatorie, chiamandola a casa per la festa della mamma nel 1993: “Mi disse che voleva chiedermi una cosa e io gli dissi ‘ok, dimmi’. E lui, in modo diretto: “cosa sai?”. Gli risposto come si aspettava facessi: “Michael, non so di cosa parli”. Era preoccupato, voleva verificare quanto gli fossi fedele: aveva l’abilità del manipolatore e avevo paura, capivo che mi stava programmando per non vedere, non commentare e non fare domande”.

La sconcertante ricchezza del Re del Pop, all’epoca stimata in circa 250 milioni di dollari, gli aveva dato la consapevolezza di sentirsi un intoccabile: “Ha speso milioni di dollari in avvocati di alto profilo e assoldato il detective privato Anthony Pellicano per proteggere la sua immagine. Penso che chiunque sia entrato in contatto con lui ne sia uscito distrutto, e sono felice che il mondo stia mettendo in discussione l’immagine di Michael, anche se ci saranno ancora persone convinte della sua innocenza. Forse se qualcuno avesse parlato per tempo MJ sarebbe ancora vivo. Ma non c’è alcun dubbio: Michael Jackson era un pedofilo”. 

Galleria fotografica
"Michael Jackson? Era un pedofilo" - immagine 1
Stati Uniti
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi