"Michael Jackson? Era un pedofilo"

| Adrian McManus, ex donna delle pulizie di Neverland, una delle poche ad avere accesso nelle camere private della star, svela di aver visto parecchie prove delle deviazioni sessuali del re del pop. Il silenzio comprato anche con le minacce

+ Miei preferiti
La nuova ondata di accuse verso Michael Jackson non si arresta: a quasi 10 anni dalla morte, MJ è di nuovo sulla griglia per le accuse di pedofilia. A scatenare la nuova campagna è stato “Leaving Neverland”, il docu-film nel quale Wade Robson e Jimmy Safechuck, oggi due uomini ma ai tempi adolescenti, raccontano le molestie subite dal Re del Pop nella principesca residenza californiana della star.

E a dare un’altra mazzata a quel che resta della reputazione di Jacko arriva anche Adrian McManus, 56 anni, per quattro donna di servizio nel ranch-parco giochi sempre più si rivela come un girone dell’inferno. Assunta nel 1990, la McManus era una dei pochissimi dipendenti ad avere accesso alla camera da letto, nel bagno e nelle camere segrete della star, quanto basta per aver più volte “ripescato” biancheria intima di piccole dimensioni nelle Jacuzzi della residenza, di aver ripulito “tracce imbarazzanti” da letti e divani, di aver trovato diversi barattoli di vaselina e, su ordine di Jackson, di aver nascosto nella biblioteca segreta i nastri di VHS degli atti sessuali con i bambini. Pare che Jackson amasse filmare i suoi incontri con i bambini, mettendo insieme negli anni una videoteca decisamente fornita. “Era ossessionato dall’idea di catturare ogni cosa con la videocamera: aveva una cabina regia piena di costose attrezzature e decine di batterie sempre in carica, per essere pronte all’uso”. L’ex donna di servizio di Neverland, ritiene che MJ abbia nascosto il materiale in una sala di proiezione cinematografica distante dal corpo principale della tenuta. “Non mi sono mai permessa di dirgli nulla: lui era il mio datore di lavoro e io avevo bisogno di quel posto, ma onestamente avevo anche paura di una vendetta, nel caso avessi parlato”. La McManus, chiamata a testimoniare nel processo del 2005 a carico di Jackson, è convinta che l’artista sia riuscito a farla franca per così tanto tempo ricorrendo alla sua fidata squadra di sicurezza privata che avrebbe minacciato di morte e ripercussioni tanto il personale quanto i bambini stessi. “Avevamo tutti paura delle sue guardie del corpo: portavano pistole e avevano l’atteggiamento malvagio e spaventoso”.



Anche verso di lei, Jackson usò tattiche intimidatorie, chiamandola a casa per la festa della mamma nel 1993: “Mi disse che voleva chiedermi una cosa e io gli dissi ‘ok, dimmi’. E lui, in modo diretto: “cosa sai?”. Gli risposto come si aspettava facessi: “Michael, non so di cosa parli”. Era preoccupato, voleva verificare quanto gli fossi fedele: aveva l’abilità del manipolatore e avevo paura, capivo che mi stava programmando per non vedere, non commentare e non fare domande”.

La sconcertante ricchezza del Re del Pop, all’epoca stimata in circa 250 milioni di dollari, gli aveva dato la consapevolezza di sentirsi un intoccabile: “Ha speso milioni di dollari in avvocati di alto profilo e assoldato il detective privato Anthony Pellicano per proteggere la sua immagine. Penso che chiunque sia entrato in contatto con lui ne sia uscito distrutto, e sono felice che il mondo stia mettendo in discussione l’immagine di Michael, anche se ci saranno ancora persone convinte della sua innocenza. Forse se qualcuno avesse parlato per tempo MJ sarebbe ancora vivo. Ma non c’è alcun dubbio: Michael Jackson era un pedofilo”. 

Galleria fotografica
"Michael Jackson? Era un pedofilo" - immagine 1
Stati Uniti
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
Si fa con insistenza il nome di Amy Coney Barrett, cattolica fervente, come sostituto dell’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. La protesta dei Dem, che minacciano una nuova procedura d’impeachment per Trump
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Si è spenta a Washington dopo una lunga malattia la seconda donna ad essere ammessa alla Corte Suprema. Paladina delle minoranze silenziose, incorruttibile e schietta, ha chiesto di essere sostituita dal nuovo presidente
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo