Michelle Obama for president

| Secondo un noto opinionista politico americano, l’ex First Lady sarebbe prossima a scendere in campo per spianare la strada ai Dem, alle prese con candidati che non decollano. Lei nega, ma qualche indizio ci sarebbe

+ Miei preferiti
Fermi tutti: quelli convinti che le prossime presidenziali americani fossero ormai una corsa a due fra miliardari di fazioni opposte, Mick Bloomberg da una parte e Donald Trump dall’altra, hanno (forse) di che ricredersi.

Da qualche ora oltreoceano circolano con insistenza “rumors” che vorrebbero Michelle Obama prossima al grande passo: la candidatura alle presidenziali. A rilanciare l’ipotesi, per quanto la stessa interessata abbia sempre detto di avere la nausea della Casa Bianca, è Tucker Carlson, anchorman di “Fox News” ma più che altro noto, seguito e informatissimo opinionista, molto addentro alla politica americana. Sarebbe questo il motivo segreto per cui gli Obama non hanno ancora espresso il proprio appoggio a nessuno dei candidati Dem.

Ma al “no” ostinato di Michelle ci sarebbe un però di troppo: il tour promozionale dell’ex First Lady per la sua nuova fatica letteraria, che significherebbe anche un giro per saggiare il polso all’elettorato, guarda caso posticipato proprio nel periodo delle primarie. Ufficialmente, il motivo è un altro: ad un anno di distanza da “Becoming”, l’autobiografia diventata un best-seller mondiale, Michelle ha dato alle stampe “Becoming: a Guided Journal for Discovering Your Vocie”, una sorta di appendice al volume precedente e al tempo stesso “una guida al cambiamento” che potrebbe precludere anche ad una svolta epocale per la stessa Michelle e per la storia americana, con la prima donna – e per di più di colore – ad occupare la Casa Bianca.

Secondo diversi analisti è pura “fantapolitica”, anche se la discesa in campo di Michelle Obama toglierebbe dai pasticci di Dem, alle prese con una pletora di candidati uno meno convincente dell’altro, che avrebbero finalmente un cavallo di razza capace non solo di battere, ma di sbaragliare letteralmente l’odiatissimo Trump. L’amore degli americani per l’ex First Lady, che supera di gran lunga quella per il marito Barack, ha fatto il resto: neanche il tempo di fare il giro dei 50 stati, e già in rete spuntavano cordate, gruppi, chat, blog e merchandising improvvisato alla meno peggio, quasi una supplica a Michelle di scendere davvero in campo per rimettere l’America in carreggiata, dopo anni di caos che nessuno sopporta più.

Gli Obama, rincara l’anchorman, sarebbero in attesa del momento giusto: l’avvio delle primarie in Iowa e New Hampshire, per capire se la corsa ha realmente dei vuoti d’aria che permetterebbero a Michelle una corsa in solitaria verso una presidenza destinata a riscrivere la storia.

Galleria fotografica
Michelle Obama for president - immagine 1
Michelle Obama for president - immagine 2
Michelle Obama for president - immagine 3
Michelle Obama for president - immagine 4
Michelle Obama for president - immagine 5
Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi