Michelle Obama for president

| Secondo un noto opinionista politico americano, l’ex First Lady sarebbe prossima a scendere in campo per spianare la strada ai Dem, alle prese con candidati che non decollano. Lei nega, ma qualche indizio ci sarebbe

+ Miei preferiti
Fermi tutti: quelli convinti che le prossime presidenziali americani fossero ormai una corsa a due fra miliardari di fazioni opposte, Mick Bloomberg da una parte e Donald Trump dall’altra, hanno (forse) di che ricredersi.

Da qualche ora oltreoceano circolano con insistenza “rumors” che vorrebbero Michelle Obama prossima al grande passo: la candidatura alle presidenziali. A rilanciare l’ipotesi, per quanto la stessa interessata abbia sempre detto di avere la nausea della Casa Bianca, è Tucker Carlson, anchorman di “Fox News” ma più che altro noto, seguito e informatissimo opinionista, molto addentro alla politica americana. Sarebbe questo il motivo segreto per cui gli Obama non hanno ancora espresso il proprio appoggio a nessuno dei candidati Dem.

Ma al “no” ostinato di Michelle ci sarebbe un però di troppo: il tour promozionale dell’ex First Lady per la sua nuova fatica letteraria, che significherebbe anche un giro per saggiare il polso all’elettorato, guarda caso posticipato proprio nel periodo delle primarie. Ufficialmente, il motivo è un altro: ad un anno di distanza da “Becoming”, l’autobiografia diventata un best-seller mondiale, Michelle ha dato alle stampe “Becoming: a Guided Journal for Discovering Your Vocie”, una sorta di appendice al volume precedente e al tempo stesso “una guida al cambiamento” che potrebbe precludere anche ad una svolta epocale per la stessa Michelle e per la storia americana, con la prima donna – e per di più di colore – ad occupare la Casa Bianca.

Secondo diversi analisti è pura “fantapolitica”, anche se la discesa in campo di Michelle Obama toglierebbe dai pasticci di Dem, alle prese con una pletora di candidati uno meno convincente dell’altro, che avrebbero finalmente un cavallo di razza capace non solo di battere, ma di sbaragliare letteralmente l’odiatissimo Trump. L’amore degli americani per l’ex First Lady, che supera di gran lunga quella per il marito Barack, ha fatto il resto: neanche il tempo di fare il giro dei 50 stati, e già in rete spuntavano cordate, gruppi, chat, blog e merchandising improvvisato alla meno peggio, quasi una supplica a Michelle di scendere davvero in campo per rimettere l’America in carreggiata, dopo anni di caos che nessuno sopporta più.

Gli Obama, rincara l’anchorman, sarebbero in attesa del momento giusto: l’avvio delle primarie in Iowa e New Hampshire, per capire se la corsa ha realmente dei vuoti d’aria che permetterebbero a Michelle una corsa in solitaria verso una presidenza destinata a riscrivere la storia.

Galleria fotografica
Michelle Obama for president - immagine 1
Michelle Obama for president - immagine 2
Michelle Obama for president - immagine 3
Michelle Obama for president - immagine 4
Michelle Obama for president - immagine 5
Stati Uniti
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”