Michelle Obama for president

| Secondo un noto opinionista politico americano, l’ex First Lady sarebbe prossima a scendere in campo per spianare la strada ai Dem, alle prese con candidati che non decollano. Lei nega, ma qualche indizio ci sarebbe

+ Miei preferiti
Fermi tutti: quelli convinti che le prossime presidenziali americani fossero ormai una corsa a due fra miliardari di fazioni opposte, Mick Bloomberg da una parte e Donald Trump dall’altra, hanno (forse) di che ricredersi.

Da qualche ora oltreoceano circolano con insistenza “rumors” che vorrebbero Michelle Obama prossima al grande passo: la candidatura alle presidenziali. A rilanciare l’ipotesi, per quanto la stessa interessata abbia sempre detto di avere la nausea della Casa Bianca, è Tucker Carlson, anchorman di “Fox News” ma più che altro noto, seguito e informatissimo opinionista, molto addentro alla politica americana. Sarebbe questo il motivo segreto per cui gli Obama non hanno ancora espresso il proprio appoggio a nessuno dei candidati Dem.

Ma al “no” ostinato di Michelle ci sarebbe un però di troppo: il tour promozionale dell’ex First Lady per la sua nuova fatica letteraria, che significherebbe anche un giro per saggiare il polso all’elettorato, guarda caso posticipato proprio nel periodo delle primarie. Ufficialmente, il motivo è un altro: ad un anno di distanza da “Becoming”, l’autobiografia diventata un best-seller mondiale, Michelle ha dato alle stampe “Becoming: a Guided Journal for Discovering Your Vocie”, una sorta di appendice al volume precedente e al tempo stesso “una guida al cambiamento” che potrebbe precludere anche ad una svolta epocale per la stessa Michelle e per la storia americana, con la prima donna – e per di più di colore – ad occupare la Casa Bianca.

Secondo diversi analisti è pura “fantapolitica”, anche se la discesa in campo di Michelle Obama toglierebbe dai pasticci di Dem, alle prese con una pletora di candidati uno meno convincente dell’altro, che avrebbero finalmente un cavallo di razza capace non solo di battere, ma di sbaragliare letteralmente l’odiatissimo Trump. L’amore degli americani per l’ex First Lady, che supera di gran lunga quella per il marito Barack, ha fatto il resto: neanche il tempo di fare il giro dei 50 stati, e già in rete spuntavano cordate, gruppi, chat, blog e merchandising improvvisato alla meno peggio, quasi una supplica a Michelle di scendere davvero in campo per rimettere l’America in carreggiata, dopo anni di caos che nessuno sopporta più.

Gli Obama, rincara l’anchorman, sarebbero in attesa del momento giusto: l’avvio delle primarie in Iowa e New Hampshire, per capire se la corsa ha realmente dei vuoti d’aria che permetterebbero a Michelle una corsa in solitaria verso una presidenza destinata a riscrivere la storia.

Galleria fotografica
Michelle Obama for president - immagine 1
Michelle Obama for president - immagine 2
Michelle Obama for president - immagine 3
Michelle Obama for president - immagine 4
Michelle Obama for president - immagine 5
Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare