Montana, vendesi stato inutile

| Una proposta lanciata sul sito change.org, sta scatenando polemiche e approvazioni: considerato un posto del tutto ininfluente per l’economia statunitense, un americano ha proposto di venderlo in blocco al Canada

+ Miei preferiti
Il Montana è quello che il mondo identifica con l’immagine dell’America: vallate immense, montagne, fauna, praterie e una natura padrona in cui ancora oggi è facile immaginare l’epopea di cowboy e pistoleri. Per gli americani è soprattutto lo stato della sanguinosa battaglia di Little Big Horn, costata la vita al generale George Armstrong Custer. Il nome deriva probabilmente dalla presenza di 77 catene montuose comprese nelle Montagne Rocciose, anche se in America quasi nessuno lo chiama così, per tutti è “Treasure State” “Big Sky Country” o “Land of the Shining mountain”. Quarto stato per estensione ma solo 44esimo per popolazione, il Montana ha un’economia rurale basata sull’allevamento, l’agricoltura e il commercio del legname, ma anche discrete riserve minerarie di petrolio, gas e carbone. Ma per qualcuno, detto in altre parole: una noia senza fine. Uno stato scarsamente abitato che all’atto pratico non serve a niente.

La pensa così un certo Ian Hammond, che si definisce un “cittadino americano preoccupato”, al punto da aver lanciato una proposta attraverso Change.org, società no profit specializzata nel mettere a disposizione gratuitamente la propria piattaforma per campagne sociali e di pubblica utilità. Nella sua petizione, sicuramente provocatoria, propone di vendere in blocco lo stato del Montana al vicino Canada per ripagare almeno in parte il debito americano. Hammond lancia perfino un prezzo di partenza, fissato in un miliardo di dollari, e aggiunge: “Il Montana è perfettamente inutile, un territorio pieno di castori e basta”. In rete, la proposta ha scatenato l’ira di qualcuno e l’approvazione di altri, che un po’ come succede per la Basilicata in Italia, si dice d’accordo perché tanto “Il Montana non esiste”. Insorgono gli animalisti, che ricordano ad Hammond una fauna che comprende non solo i castori, ma 14 specie di anfibi, 90 di pesci, 117 di mammiferi, 20 di rettili, 180 di molluschi, 30 di crostacei e 427 di uccelli, comprese cinque specie a rischio estinzione: il furetto dai piedi neri, la gru americana, il fraticello africano, lo storione pallido e quello bianco.

Ad essere curiosa è soprattutto la reazione di buona parte degli abitanti del Montana, poco più di un milione per 381.154 km quadrati, con 56 contee e appena 129 comuni, ma neanche così contrari all’idea di essere annessi al territorio canadese: lì, in fondo, la sanità decisamente migliore, il welfare funziona alla grande, la politica estera del presidente Trudeau è molto meno aggressiva di quella di Trump e in fondo c’è ancora una legame con la corona inglese che renderebbe tutti un po’ nobili, anche se di sponda.

 

Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo