Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti

| Kevin Donovan, 40enne di Syracuse, diffondeva l’uso del “Narcan”, un farmaco che usato per tempo salva dalla morte. Aveva un passato da tossicodipendente da cui sembrava esserne uscito per sempre

+ Miei preferiti
Gli abitanti di Syracuse, nello stato di New York, sono senza parole per quella che i giornali definiscono una tragedia: Kevin Donovan, 40 anni, è stato trovato senza vita. Ucciso da un’overdose.

Sarebbe solo uno dei migliaia di morti che ogni giorno si contano da una costa all’altra degli Stati Uniti, se non fosse che Donovan era uno dei paladini della lotta alla tossicodipendenza. Ne era stato vittima lui stesso, arrivato all’eroina dopo essere passato dall’alcol e dagli antidolorifici. E quando era riuscito ad uscirne era entrato nell’ACR Health, un’organizzazione no-profit che fornisce supporto a persone affette da malattie come l’Aids, problemi di identità sessuale e tossicodipendenze. Donovan si era specializzato nella diffusione del “Narcan”, il farmaco basato sul naxolone, fra i pochi antagonisti degli oppiodi, della morfina e dell’eroina.

Wil Murtaugh, direttore esecutivo della sede ACR di Syracuse, ha definito Kevin Donovan “un guerriero che ha salvato migliaia di vite. Ma c’è una parte molto triste in questa vicenda, perché Donovan diceva sempre “Non drogarti mai da solo, perché la maggior parte dei morti per overdose sono di gente che muore senza nessuno intorno che possa intervenire”.

Il suo medico, Laura Martin, ricorda che Donovan è stato in cura per più di cinque anni da lei, e per circa due anni era riuscito a liberarsi davvero dalla tossicodipendenza. Aveva messo su famiglia e avuto un figlio: “Era un esempio per tanti. Aveva cambiato la sua vita con una forza di volontà impressionante. Ha aiutato così tante persone in questa città, che ora la gente dirà: ‘Se non ce l’ha fatta lui, come posso farcela io?”. Tre anni fa, la dottoressa Martin ha impiantato quattro piccole cannule nel braccio di Donovan per somministrare una dose costante e bassa di Probuphine, un farmaco che lo avrebbe aiutato a controllare il bisogno di oppioidi.

Kevin Donovan era stato anche il fondatore e direttore di “Healing Hearts Collaborative”, un programma di prevenzione nei sovradosaggi da oppioidi. Nella speranza di diffondere la consapevolezza, Donovan formava le persone sull’uso Narcan, sperando che loro facessero lo stesso con altri. Lo scorso anno, aveva salvato la vita di un uomo colpito da overdose mentre viaggiava sulla Interstate 81, nella contea di Jefferson. 

Poche parole da Virginia Donovan, la madre di Kevin: “Questo dimostra quanto sia forte la dipendenza dalle droghe. Il rischio di ricadere in quella spirale c’è sempre. Speravamo che ce l’avesse fatta, ma ogni giorno sapevamo che qualcosa di brutto poteva ancora accadere. Ma siamo felici e orgogliosi di sapere che ha salvato tante vite”.

In pochi, sapevano che Kevin aveva nuovamente ripreso a drogarsi, ed è morto solo, come diceva di non fare. È l’ultima lezione che lascia a chi aveva creduto in lui.

Galleria fotografica
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti - immagine 1
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti - immagine 2
Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo