Muro contro muro

| Quello che Trump vuole costruire ad ogni costo al confine con il Messico e quello di gomma dei Dem che si oppongono. In mezzo il Paese, ormai quasi inchiodato dallo shutdown più lungo della storia

+ Miei preferiti
L’ultima minaccia è quella di richiedere lo stato di emergenza nazionale: Trump non ha alcuna intenzione di cedere nel braccio di ferro con i democratici che gli negano i finanziamenti per costruire l’agognato muro al confine con il Messico, da questi ultimi ritenuto costoso e inefficace. Ma ormai, mollare significa inchinarsi al volere degli avversari, e se Trump non è tipo da farlo, i Dem neanche.

Tutto si combatte in 5,7 miliardi di dollari e il presidente ha sfoderato le norme che gli danno il potere di bypassare il Congresso, dirottando fondi prelevati da altre parti per destinarli al muro di cui sembra non poter più fare a meno. A lasciargli ampi spazi di manovra è il “National Emergency Act” del 1986, che consente al presidente di muovere risorse economiche senza bisogno di alcuna approvazione del Congresso. I media americani ricordano che attualmente sono ancora attive 30 emergenze nazionali, comprese quella lanciata da George W. Bush dopo l’11 settembre 2001 e quella del 2009 firmata da Barack Obama per l’epidemia di influenza suina.

Secondo il Washington Post, Trump avrebbe in mente di mettere mano ad una parte dei 13,9 miliardi di dollari stanziati lo scorso anno per finanziare i lavori di ricostruzione di Texas e Porto Rico, messi in ginocchio dagli uragani.

In realtà, secondo gli analisti, non ci sarebbe nessuna urgenza: nel 2018 il flusso i migranti dal Messico è drasticamente calato a 397 mila presenze, contro una cifra che nel 2000 era vicina ai due milioni ogni anno.

A rimetterci in questa situazione sono soprattutto i cittadini, le vere vittime dello shutdown, la paralisi amministrativa che dal 22 dicembre scorso ha inchiodato i servizi pubblici e le attività del governo, lasciando 380mila dipendenti pubblici senza stipendio e altri 420, come fra l’altro la polizia di frontiera, costretti al lavoro perché impegnati in servizi essenziali. Ma non è solo questo: processi nei tribunali bloccati, enti come la Nasa quasi chiusi, trasporti e raccolta rifiuti azzerati stanno rendendo difficile la vita degli americani. Secondo alcune stime, lo shutdown più lungo della storia statunitense potrebbe costare 1,2 miliardi di dollari a settimana, mandando in frantumi la prospettiva di crescita ipotizzata al 3%. A proposito di percentuali, secondo un recentissimo sondaggio, per il 47% degli americani la colpa dello stallo è di Donald Trump, mentre per il 33% è da attribuire ai Democratici e il restante 5% se la prende con i Repubblicani.

Galleria fotografica
Muro contro muro - immagine 1
Muro contro muro - immagine 2
Stati Uniti
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Dal 2010 al 2014, secondo uno studio, la polizia ha ucciso 375 persone ed altre 400 dal 2012 a oggi. Ma le denunce dei familiari delle vittime sono finite in archivio, comprese le inchieste promosse dalla polizia contro i suoi agenti
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Il governatore della California le ha sospese ma la procura generale ha chiesto e ottenuto 22 condanne alla pena capitale, più che in ogni altro Stato dell'Unione. Ma nel braccio della morte solo neri, asiatici e latini
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
A Phoenix, Arizona, una pattuglia della polizia ha avuto una reazione spropositata di fronte al furto di un bambolina di una bimba di 4 anni. I genitori non si erano accorti di nulla
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Pamela, 24 anni, è stata colpita al petto ed è spirata qualche ora dopo: il fidanzato Andrew giura si sia trattato di un incidente. Ma la polizia non sembra credere alla sua versione
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Duro editoriale sul Guardian: "S'è prestata a nascondere la misoginia di Trump, chiunque la sostituirà non può fare peggio di lei". "Disprezza i giornalisti, da 90 giorni neanche una conferenza stampa".
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Brandon Webber, un giovane di colore di 20 anni, crivellato di colpi dalla polizia. La folla è scesa in piazza per protestare, ma la situazione è degenerata in scontri con le forze dell’ordine
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Il giovane ucciso lo scorso febbraio a Vallejo, in California, è stato crivellato con 55 colpi d’arma da fuoco. La famiglia chiede giustizia, mentre un consulente giustifica la polizia
Esorcismo per via orale
Esorcismo per via orale
Padre Bill, prete di una chiesa presbiteriana in New Jersey, avrebbe praticato sesso orale a tre uomini che gli avevano chiesto aiuto, spacciandolo per un esorcismo
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla
Alabama: la castrazione chimica è legge
Alabama: la castrazione chimica è legge
I condannati per reati sessuali saranno obbligati a sottoporsi al trattamento un mese prima della scarcerazione. Un provvedimento che fa esultare la governatrice Kay Ivey ma divide gli Stati Uniti, come la recente legge sull’aborto