Mya, morta per indifferenza

| Aveva 15 anni, frequentava una scuola superiore nel Bronx dove era stata presa di mira dai bulli. Lo scorso febbraio si è tolta la vita, e ora i genitori hanno denunciato tutti coloro che ritengono responsabili

+ Miei preferiti
Il 28 maggio, i genitori di Mya Vizcarrondo-Rios, una ragazzina di 15 anni di New York morta suicida lo scorso febbraio, hanno presentato una causa alla Corte Suprema del Bronx contro la città, il dipartimento dell’educazione e i dirigenti scolastici della “Harry S. Truman High School”.

Mya era stata ammessa in quella scuola nel settembre del 2017, diventando quasi subito oggetto di episodi di bullismo che le avevano causato un grave disagio emotivo.

Heriberto Rios e Nelly Vizcarrondo, i genitori della ragazzina, si erano rivolti ai funzionari scolastici, ma questi pare non abbiano fatto nulla “per fermare e prevenire” la violenza che loro figlia era costretta a subire quotidianamente. Mya aveva cercato di resistere, ma ormai non era semplice sfuggire al ruolo di vittima a cui tutta la scuola l’aveva relegata. Più volte era stata picchiata, e lei stessa aveva scelto di andare di persona dal consulente scolastico per chiedere aiuto. Piano piano, le assenze della ragazzina, che fino ad allora aveva avuto un rendimento scolastico altissimo, erano aumentate ma questo, invece di far suonare l’allarme ai dirigenti scolastici, li aveva portati a convocare i genitori per chiedere spiegazioni e obbligare Mya a dover mettere la firma sul registro di classe ad ogni ora, per evitare che lasciasse la scuola a metà mattina, come aveva fatto spesso sperando così che la sua assenza non fosse notata.

Il 28 febbraio scorso, l’ultimo affronto subito convince Mya di non avere altra scelta. Quel giorno, dopo aver partecipato ad uno spettacolo scolastico, Mya era stata portata in una zona nascosta dell’auditorium scolastico, dove era stata obbligata a forza a praticare del sesso orale a due dei suoi aguzzini, che non contento l’avrebbe filmata e diffuso senza sosta le immagini, che in poco tempo avevano fatto il giro della scuola. Era uscita da scuola senza dire a nessuno dov’era diretta, e “nessuno ha provato a fermarla o a cercarla, neanche gli insegnanti che erano obbligati a controllare la sua presenza in classe”, sottolinea l’avvocato John Scola, che difende la famiglia. 

Tornata a casa, Mya si era lancia nel vuoto dal 34esimo piano del palazzo in cui viveva con la sua famiglia: l’hanno trovata ancora con il suo zaino sulle spalle. Trasportata d’urgenza al Jacobi Medical Center in condizioni disperate, è morta alle 15:02 del 28 febbraio, senza mai riprendere conoscenza. Per i suoi funerali, la famiglia ha dovuto ricorrere ad una raccolta fondi in crowdfunding.

“Le circostanze che hanno portato alla morte di Mya potevano essere facilmente evitate, e di questo ne chiederemo conto. Ma ci auguriamo almeno che il sacrificio di una ragazzina di 15 anni faccia in modo che il Dipartimento dell’educazione di New York City rivaluti le proprie dinamiche e formi adeguatamente i dipendenti sulle questioni relative al bullismo, in modo che nessuno, mai più, si senta così disperato da pensare che il suicidio sia l’unica soluzione possibile ai problemi”.

“Si tratta di una perdita tragica: tutti gli studenti meritano ambienti scolastici sicuri - ha commentato un portavoce del Dipartimento dell’educazione di NYC - siamo consapevoli del forte impatto che il bullismo può avere: le scuole sono tenute a indagare immediatamente e ad affrontare ogni accusa”.

Stati Uniti
NFAC, le milizie nere
che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere<br>che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo