Mya, morta per indifferenza

| Aveva 15 anni, frequentava una scuola superiore nel Bronx dove era stata presa di mira dai bulli. Lo scorso febbraio si è tolta la vita, e ora i genitori hanno denunciato tutti coloro che ritengono responsabili

+ Miei preferiti
Il 28 maggio, i genitori di Mya Vizcarrondo-Rios, una ragazzina di 15 anni di New York morta suicida lo scorso febbraio, hanno presentato una causa alla Corte Suprema del Bronx contro la città, il dipartimento dell’educazione e i dirigenti scolastici della “Harry S. Truman High School”.

Mya era stata ammessa in quella scuola nel settembre del 2017, diventando quasi subito oggetto di episodi di bullismo che le avevano causato un grave disagio emotivo.

Heriberto Rios e Nelly Vizcarrondo, i genitori della ragazzina, si erano rivolti ai funzionari scolastici, ma questi pare non abbiano fatto nulla “per fermare e prevenire” la violenza che loro figlia era costretta a subire quotidianamente. Mya aveva cercato di resistere, ma ormai non era semplice sfuggire al ruolo di vittima a cui tutta la scuola l’aveva relegata. Più volte era stata picchiata, e lei stessa aveva scelto di andare di persona dal consulente scolastico per chiedere aiuto. Piano piano, le assenze della ragazzina, che fino ad allora aveva avuto un rendimento scolastico altissimo, erano aumentate ma questo, invece di far suonare l’allarme ai dirigenti scolastici, li aveva portati a convocare i genitori per chiedere spiegazioni e obbligare Mya a dover mettere la firma sul registro di classe ad ogni ora, per evitare che lasciasse la scuola a metà mattina, come aveva fatto spesso sperando così che la sua assenza non fosse notata.

Il 28 febbraio scorso, l’ultimo affronto subito convince Mya di non avere altra scelta. Quel giorno, dopo aver partecipato ad uno spettacolo scolastico, Mya era stata portata in una zona nascosta dell’auditorium scolastico, dove era stata obbligata a forza a praticare del sesso orale a due dei suoi aguzzini, che non contento l’avrebbe filmata e diffuso senza sosta le immagini, che in poco tempo avevano fatto il giro della scuola. Era uscita da scuola senza dire a nessuno dov’era diretta, e “nessuno ha provato a fermarla o a cercarla, neanche gli insegnanti che erano obbligati a controllare la sua presenza in classe”, sottolinea l’avvocato John Scola, che difende la famiglia. 

Tornata a casa, Mya si era lancia nel vuoto dal 34esimo piano del palazzo in cui viveva con la sua famiglia: l’hanno trovata ancora con il suo zaino sulle spalle. Trasportata d’urgenza al Jacobi Medical Center in condizioni disperate, è morta alle 15:02 del 28 febbraio, senza mai riprendere conoscenza. Per i suoi funerali, la famiglia ha dovuto ricorrere ad una raccolta fondi in crowdfunding.

“Le circostanze che hanno portato alla morte di Mya potevano essere facilmente evitate, e di questo ne chiederemo conto. Ma ci auguriamo almeno che il sacrificio di una ragazzina di 15 anni faccia in modo che il Dipartimento dell’educazione di New York City rivaluti le proprie dinamiche e formi adeguatamente i dipendenti sulle questioni relative al bullismo, in modo che nessuno, mai più, si senta così disperato da pensare che il suicidio sia l’unica soluzione possibile ai problemi”.

“Si tratta di una perdita tragica: tutti gli studenti meritano ambienti scolastici sicuri - ha commentato un portavoce del Dipartimento dell’educazione di NYC - siamo consapevoli del forte impatto che il bullismo può avere: le scuole sono tenute a indagare immediatamente e ad affrontare ogni accusa”.

Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti