Mya, morta per indifferenza

| Aveva 15 anni, frequentava una scuola superiore nel Bronx dove era stata presa di mira dai bulli. Lo scorso febbraio si è tolta la vita, e ora i genitori hanno denunciato tutti coloro che ritengono responsabili

+ Miei preferiti
Il 28 maggio, i genitori di Mya Vizcarrondo-Rios, una ragazzina di 15 anni di New York morta suicida lo scorso febbraio, hanno presentato una causa alla Corte Suprema del Bronx contro la città, il dipartimento dell’educazione e i dirigenti scolastici della “Harry S. Truman High School”.

Mya era stata ammessa in quella scuola nel settembre del 2017, diventando quasi subito oggetto di episodi di bullismo che le avevano causato un grave disagio emotivo.

Heriberto Rios e Nelly Vizcarrondo, i genitori della ragazzina, si erano rivolti ai funzionari scolastici, ma questi pare non abbiano fatto nulla “per fermare e prevenire” la violenza che loro figlia era costretta a subire quotidianamente. Mya aveva cercato di resistere, ma ormai non era semplice sfuggire al ruolo di vittima a cui tutta la scuola l’aveva relegata. Più volte era stata picchiata, e lei stessa aveva scelto di andare di persona dal consulente scolastico per chiedere aiuto. Piano piano, le assenze della ragazzina, che fino ad allora aveva avuto un rendimento scolastico altissimo, erano aumentate ma questo, invece di far suonare l’allarme ai dirigenti scolastici, li aveva portati a convocare i genitori per chiedere spiegazioni e obbligare Mya a dover mettere la firma sul registro di classe ad ogni ora, per evitare che lasciasse la scuola a metà mattina, come aveva fatto spesso sperando così che la sua assenza non fosse notata.

Il 28 febbraio scorso, l’ultimo affronto subito convince Mya di non avere altra scelta. Quel giorno, dopo aver partecipato ad uno spettacolo scolastico, Mya era stata portata in una zona nascosta dell’auditorium scolastico, dove era stata obbligata a forza a praticare del sesso orale a due dei suoi aguzzini, che non contento l’avrebbe filmata e diffuso senza sosta le immagini, che in poco tempo avevano fatto il giro della scuola. Era uscita da scuola senza dire a nessuno dov’era diretta, e “nessuno ha provato a fermarla o a cercarla, neanche gli insegnanti che erano obbligati a controllare la sua presenza in classe”, sottolinea l’avvocato John Scola, che difende la famiglia. 

Tornata a casa, Mya si era lancia nel vuoto dal 34esimo piano del palazzo in cui viveva con la sua famiglia: l’hanno trovata ancora con il suo zaino sulle spalle. Trasportata d’urgenza al Jacobi Medical Center in condizioni disperate, è morta alle 15:02 del 28 febbraio, senza mai riprendere conoscenza. Per i suoi funerali, la famiglia ha dovuto ricorrere ad una raccolta fondi in crowdfunding.

“Le circostanze che hanno portato alla morte di Mya potevano essere facilmente evitate, e di questo ne chiederemo conto. Ma ci auguriamo almeno che il sacrificio di una ragazzina di 15 anni faccia in modo che il Dipartimento dell’educazione di New York City rivaluti le proprie dinamiche e formi adeguatamente i dipendenti sulle questioni relative al bullismo, in modo che nessuno, mai più, si senta così disperato da pensare che il suicidio sia l’unica soluzione possibile ai problemi”.

“Si tratta di una perdita tragica: tutti gli studenti meritano ambienti scolastici sicuri - ha commentato un portavoce del Dipartimento dell’educazione di NYC - siamo consapevoli del forte impatto che il bullismo può avere: le scuole sono tenute a indagare immediatamente e ad affrontare ogni accusa”.

Stati Uniti
Sparatoria alla Casa Bianca
Sparatoria alla Casa Bianca
La sicurezza avrebbe aperto il fuoco contro un uomo armato che si avvicinava ai cancelli ignorando gli avvisi. Trump portato la sicuro dai servizi segreti
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Uno scoop del NYT svela le manovre del presidente e della Casa Bianca per aggiungere il volto di Trump a quelli dei padri della patria
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Secondo uno studio demografico, un numero record di persone sta rinunciando alla cittadinanza statunitense. Fra i motivi le politiche di Trump e le tasse troppo elevate
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Dal 1984, Allan Lichtman non sbaglia un risultato elettorale. Tutto secondo lui si basa sulle 13 chiavi che bisogna conquistare per conquistare la Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso