Mya, morta per indifferenza

| Aveva 15 anni, frequentava una scuola superiore nel Bronx dove era stata presa di mira dai bulli. Lo scorso febbraio si è tolta la vita, e ora i genitori hanno denunciato tutti coloro che ritengono responsabili

+ Miei preferiti
Il 28 maggio, i genitori di Mya Vizcarrondo-Rios, una ragazzina di 15 anni di New York morta suicida lo scorso febbraio, hanno presentato una causa alla Corte Suprema del Bronx contro la città, il dipartimento dell’educazione e i dirigenti scolastici della “Harry S. Truman High School”.

Mya era stata ammessa in quella scuola nel settembre del 2017, diventando quasi subito oggetto di episodi di bullismo che le avevano causato un grave disagio emotivo.

Heriberto Rios e Nelly Vizcarrondo, i genitori della ragazzina, si erano rivolti ai funzionari scolastici, ma questi pare non abbiano fatto nulla “per fermare e prevenire” la violenza che loro figlia era costretta a subire quotidianamente. Mya aveva cercato di resistere, ma ormai non era semplice sfuggire al ruolo di vittima a cui tutta la scuola l’aveva relegata. Più volte era stata picchiata, e lei stessa aveva scelto di andare di persona dal consulente scolastico per chiedere aiuto. Piano piano, le assenze della ragazzina, che fino ad allora aveva avuto un rendimento scolastico altissimo, erano aumentate ma questo, invece di far suonare l’allarme ai dirigenti scolastici, li aveva portati a convocare i genitori per chiedere spiegazioni e obbligare Mya a dover mettere la firma sul registro di classe ad ogni ora, per evitare che lasciasse la scuola a metà mattina, come aveva fatto spesso sperando così che la sua assenza non fosse notata.

Il 28 febbraio scorso, l’ultimo affronto subito convince Mya di non avere altra scelta. Quel giorno, dopo aver partecipato ad uno spettacolo scolastico, Mya era stata portata in una zona nascosta dell’auditorium scolastico, dove era stata obbligata a forza a praticare del sesso orale a due dei suoi aguzzini, che non contento l’avrebbe filmata e diffuso senza sosta le immagini, che in poco tempo avevano fatto il giro della scuola. Era uscita da scuola senza dire a nessuno dov’era diretta, e “nessuno ha provato a fermarla o a cercarla, neanche gli insegnanti che erano obbligati a controllare la sua presenza in classe”, sottolinea l’avvocato John Scola, che difende la famiglia. 

Tornata a casa, Mya si era lancia nel vuoto dal 34esimo piano del palazzo in cui viveva con la sua famiglia: l’hanno trovata ancora con il suo zaino sulle spalle. Trasportata d’urgenza al Jacobi Medical Center in condizioni disperate, è morta alle 15:02 del 28 febbraio, senza mai riprendere conoscenza. Per i suoi funerali, la famiglia ha dovuto ricorrere ad una raccolta fondi in crowdfunding.

“Le circostanze che hanno portato alla morte di Mya potevano essere facilmente evitate, e di questo ne chiederemo conto. Ma ci auguriamo almeno che il sacrificio di una ragazzina di 15 anni faccia in modo che il Dipartimento dell’educazione di New York City rivaluti le proprie dinamiche e formi adeguatamente i dipendenti sulle questioni relative al bullismo, in modo che nessuno, mai più, si senta così disperato da pensare che il suicidio sia l’unica soluzione possibile ai problemi”.

“Si tratta di una perdita tragica: tutti gli studenti meritano ambienti scolastici sicuri - ha commentato un portavoce del Dipartimento dell’educazione di NYC - siamo consapevoli del forte impatto che il bullismo può avere: le scuole sono tenute a indagare immediatamente e ad affrontare ogni accusa”.

Stati Uniti
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia,
torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia,<br>torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle