Nancy Pelosi: “procediamo con l’impeachment”

| La speaker della Camera chiede in diretta televisiva alle commissioni di procedere con la stesura degli articoli che saranno votati, prima dalla Camera e poi dal Senato. La rabbia incontenibile di Trump

+ Miei preferiti
E alla fine, è la speaker della camera Nancy Pelosi a dare l’annuncio ufficiale: “Le sue azioni hanno violato seriamente la Costituzione, è in gioco la nostra democrazia e non abbiamo altra scelta se non quella di agire”. È una frase a cui manca il soggetto, ma è facile capire che fra le righe si nascondano il nome ed il cognome di colui che, comunque andrà questa storia, sarà ricordato come il più discusso e discutibile presidente americano di sempre.

Le parole di Nancy Pelosi rimbombano sulle televisioni di tutti gli Stati Uniti, accompagnate dalla frase fatidica: “In America nessuno è al di sopra della legge, neanche il presidente. Per cui chiedo alle nostre commissioni di procedere con gli articoli dell’impeachment”. È la svolta della procedura, la fase considerata cruciale poiché lascia ai membri dell’aula la facoltà di esprimere un parere sugli articoli che compongono le 300 pagine della messa in stato d’accusa. Per approvarla alla Camera serve la maggioranza dei voti più uno: 218 su 435 votanti. Ma è proprio qui che iniziano i problemi, perché se alla Camera i Dem possono contare su 233 voti contro i 197 dei Repubblicani, in Senato la situazione si ribalta: 53 voti Repubblicani contro i 47 Dem, e per procedere all’impeachment serviranno 67 voti totali.

Numeri che non importano a Trump, la cui rabbia esplode pochi minuti dopo con uno spezzatino di tweet al curaro: “Quei nullafacenti di estrema sinistra dei Democratici hanno annunciato che cercheranno di mettermi in stato d’accusa sulla base di nulla. Avevano appena abbandonato la ridicola inchiesta di Mueller e ora si aggrappano a due telefonate perfette con il presidente ucraino. Tutto questo ha un significato ben preciso: l’importante e quasi mai usato atto di impeachment potrebbe diventare un’abitudine per attaccare i futuri presidenti”.

A rendere meno agevole la posizione di Trump ci hanno pensato tre fra i più autorevoli costituzionalisti americani, tutti d’accordo con l’idea che l’impeachment sia diventato urgente, oltre che assolutamente necessario: Noah Feldman, Pamela Karlan e Michael Gerhardt, rispettivamente delle law school di Harward, Standord e North Carolina University. “La sua condotta è peggiore di qualsiasi presidente precedente: Trump ha cercato di creare una monarchia in questo paese, ha commesso crimini e misfatti abusando in modo corrotto della presidenza”, ha tuonato Gerhardt, seguito da ruota da Feldman: “Un presidente è chiamato ad opporsi in modo fermo alle interferenze straniere nelle nostre elezioni, mentre lui le ha addirittura sollecitate”. Per finire con Pamela Karlan, che ha tirato in ballo Barron, il figlio di Donald e Melania: “Trump non è un sovrano, la Costituzione americana non gli concede alcun titolo nobiliare. Quindi può anche chiamare suo figlio Barron, ma non farne un barone”. L’unica voce contraria è quella di Jonathan Turley della George Washington University Law School, secondo cui ci sono sul campo fatti che meritano un’indagine, ma considera “sgangherata e lacunosa” l’inchiesta che avrebbe portato alla stesura degli articoli dell’impeachment.

Nelle stesse ore, Trump e signora hanno lasciato il vertice Nato di Londra dopo aver annullato la conferenza stampa finale: al presidente non è andato giù il fuori onda in cui diversi leader sembravano prendersi gioco di lui.

Stati Uniti
Due poliziotti di Honolulu uccisi in una sparatoria
Due poliziotti di Honolulu uccisi in una sparatoria
Sono intervenuti per la chiamata di una donna che era stata ferita, ma qualcuno dall’interno dell’abitazione ha esploso due colpi di fucile fatali. L’abitazione è stata data alle fiamme
L’allegro professore che rubava sovvenzioni universitarie
L’allegro professore che rubava sovvenzioni universitarie
Un ex professore della Drexel University di Philadelphia accusato di aver speso 185.000 dollari fra spogliarelliste e ristoranti di lusso
Rapita e violentata, indica la propria posizione su Snapchat
Rapita e violentata, indica la propria posizione su Snapchat
Una ragazzina californiana di 14 anni è finita nelle mani di tre uomini sudamericani che l’hanno violentata a turno. Ma lei è riuscita ad avvisare gli amici condividendo la propria posizione
Sparatoria in una scuola in Texas, morto uno studente
Sparatoria in una scuola in Texas, morto uno studente
L’agguato all’uscita dalle lezioni: a sparare sarebbe stato un compagno di scuola della vittima, che è poi riuscito a fare perdere le proprie tracce per qualche ora
Aereo scarica il carburante su Los Angeles
Aereo scarica il carburante su Los Angeles
Il velivolo, appena partito dal LAX, è stato costretto a rientrare all’aeroporto, ma prima ha scaricato il carburante, colpendo in pieno un complesso scolastico. Aperta un’inchiesta
“Il 737 MAX? Progettato da pagliacci”
“Il 737 MAX? Progettato da pagliacci”
In centinaia di email interne, i commenti dei dipendenti sul velivolo messo a terra dopo due incidenti, e l’ironia sulla facilità con cui l’ente dell'aviazione civile americana l’ha omologato
Dentro la cella di Epstein
Dentro la cella di Epstein
“60 Minutes”, il celebre programma della rete televisiva americana “CBS”, ha mostrato per la prima volta le foto scattate all'interno della cella del miliardario pedofilo pochi istanti dopo la scoperta del corpo senza vita
Due detenuti in fuga da un carcere in Mississippi
Due detenuti in fuga da un carcere in Mississippi
Approfittando di una violenta protesta, due uomini sono riusciti a evadere facendo perdere le proprie tracce. È caccia all’uomo in tutto lo Stato
I dubbi degli americani sull’attacco in Iran
I dubbi degli americani sull’attacco in Iran
Monta lo scetticismo dei media e dell’opinione pubblica, anche per la mancanza di spiegazioni sulla “minaccia imminente” paventata dalla Casa Bianca. Per molti, una mossa per depotenziare l’impeachment
Record di suicidi nella polizia americana
Record di suicidi nella polizia americana
Quasi 230 agenti in servizio si sono tolti la vita nel corso del 2019, record negativo per il Dipartimento di Polizia di New York, dove essere un poliziotto è durissimo. Per gli esperti è un vero allarme sociale