Nancy Pelosi: “procediamo con l’impeachment”

| La speaker della Camera chiede in diretta televisiva alle commissioni di procedere con la stesura degli articoli che saranno votati, prima dalla Camera e poi dal Senato. La rabbia incontenibile di Trump

+ Miei preferiti
E alla fine, è la speaker della camera Nancy Pelosi a dare l’annuncio ufficiale: “Le sue azioni hanno violato seriamente la Costituzione, è in gioco la nostra democrazia e non abbiamo altra scelta se non quella di agire”. È una frase a cui manca il soggetto, ma è facile capire che fra le righe si nascondano il nome ed il cognome di colui che, comunque andrà questa storia, sarà ricordato come il più discusso e discutibile presidente americano di sempre.

Le parole di Nancy Pelosi rimbombano sulle televisioni di tutti gli Stati Uniti, accompagnate dalla frase fatidica: “In America nessuno è al di sopra della legge, neanche il presidente. Per cui chiedo alle nostre commissioni di procedere con gli articoli dell’impeachment”. È la svolta della procedura, la fase considerata cruciale poiché lascia ai membri dell’aula la facoltà di esprimere un parere sugli articoli che compongono le 300 pagine della messa in stato d’accusa. Per approvarla alla Camera serve la maggioranza dei voti più uno: 218 su 435 votanti. Ma è proprio qui che iniziano i problemi, perché se alla Camera i Dem possono contare su 233 voti contro i 197 dei Repubblicani, in Senato la situazione si ribalta: 53 voti Repubblicani contro i 47 Dem, e per procedere all’impeachment serviranno 67 voti totali.

Numeri che non importano a Trump, la cui rabbia esplode pochi minuti dopo con uno spezzatino di tweet al curaro: “Quei nullafacenti di estrema sinistra dei Democratici hanno annunciato che cercheranno di mettermi in stato d’accusa sulla base di nulla. Avevano appena abbandonato la ridicola inchiesta di Mueller e ora si aggrappano a due telefonate perfette con il presidente ucraino. Tutto questo ha un significato ben preciso: l’importante e quasi mai usato atto di impeachment potrebbe diventare un’abitudine per attaccare i futuri presidenti”.

A rendere meno agevole la posizione di Trump ci hanno pensato tre fra i più autorevoli costituzionalisti americani, tutti d’accordo con l’idea che l’impeachment sia diventato urgente, oltre che assolutamente necessario: Noah Feldman, Pamela Karlan e Michael Gerhardt, rispettivamente delle law school di Harward, Standord e North Carolina University. “La sua condotta è peggiore di qualsiasi presidente precedente: Trump ha cercato di creare una monarchia in questo paese, ha commesso crimini e misfatti abusando in modo corrotto della presidenza”, ha tuonato Gerhardt, seguito da ruota da Feldman: “Un presidente è chiamato ad opporsi in modo fermo alle interferenze straniere nelle nostre elezioni, mentre lui le ha addirittura sollecitate”. Per finire con Pamela Karlan, che ha tirato in ballo Barron, il figlio di Donald e Melania: “Trump non è un sovrano, la Costituzione americana non gli concede alcun titolo nobiliare. Quindi può anche chiamare suo figlio Barron, ma non farne un barone”. L’unica voce contraria è quella di Jonathan Turley della George Washington University Law School, secondo cui ci sono sul campo fatti che meritano un’indagine, ma considera “sgangherata e lacunosa” l’inchiesta che avrebbe portato alla stesura degli articoli dell’impeachment.

Nelle stesse ore, Trump e signora hanno lasciato il vertice Nato di Londra dopo aver annullato la conferenza stampa finale: al presidente non è andato giù il fuori onda in cui diversi leader sembravano prendersi gioco di lui.

Stati Uniti
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere