Nancy Pelosi: “procediamo con l’impeachment”

| La speaker della Camera chiede in diretta televisiva alle commissioni di procedere con la stesura degli articoli che saranno votati, prima dalla Camera e poi dal Senato. La rabbia incontenibile di Trump

+ Miei preferiti
E alla fine, è la speaker della camera Nancy Pelosi a dare l’annuncio ufficiale: “Le sue azioni hanno violato seriamente la Costituzione, è in gioco la nostra democrazia e non abbiamo altra scelta se non quella di agire”. È una frase a cui manca il soggetto, ma è facile capire che fra le righe si nascondano il nome ed il cognome di colui che, comunque andrà questa storia, sarà ricordato come il più discusso e discutibile presidente americano di sempre.

Le parole di Nancy Pelosi rimbombano sulle televisioni di tutti gli Stati Uniti, accompagnate dalla frase fatidica: “In America nessuno è al di sopra della legge, neanche il presidente. Per cui chiedo alle nostre commissioni di procedere con gli articoli dell’impeachment”. È la svolta della procedura, la fase considerata cruciale poiché lascia ai membri dell’aula la facoltà di esprimere un parere sugli articoli che compongono le 300 pagine della messa in stato d’accusa. Per approvarla alla Camera serve la maggioranza dei voti più uno: 218 su 435 votanti. Ma è proprio qui che iniziano i problemi, perché se alla Camera i Dem possono contare su 233 voti contro i 197 dei Repubblicani, in Senato la situazione si ribalta: 53 voti Repubblicani contro i 47 Dem, e per procedere all’impeachment serviranno 67 voti totali.

Numeri che non importano a Trump, la cui rabbia esplode pochi minuti dopo con uno spezzatino di tweet al curaro: “Quei nullafacenti di estrema sinistra dei Democratici hanno annunciato che cercheranno di mettermi in stato d’accusa sulla base di nulla. Avevano appena abbandonato la ridicola inchiesta di Mueller e ora si aggrappano a due telefonate perfette con il presidente ucraino. Tutto questo ha un significato ben preciso: l’importante e quasi mai usato atto di impeachment potrebbe diventare un’abitudine per attaccare i futuri presidenti”.

A rendere meno agevole la posizione di Trump ci hanno pensato tre fra i più autorevoli costituzionalisti americani, tutti d’accordo con l’idea che l’impeachment sia diventato urgente, oltre che assolutamente necessario: Noah Feldman, Pamela Karlan e Michael Gerhardt, rispettivamente delle law school di Harward, Standord e North Carolina University. “La sua condotta è peggiore di qualsiasi presidente precedente: Trump ha cercato di creare una monarchia in questo paese, ha commesso crimini e misfatti abusando in modo corrotto della presidenza”, ha tuonato Gerhardt, seguito da ruota da Feldman: “Un presidente è chiamato ad opporsi in modo fermo alle interferenze straniere nelle nostre elezioni, mentre lui le ha addirittura sollecitate”. Per finire con Pamela Karlan, che ha tirato in ballo Barron, il figlio di Donald e Melania: “Trump non è un sovrano, la Costituzione americana non gli concede alcun titolo nobiliare. Quindi può anche chiamare suo figlio Barron, ma non farne un barone”. L’unica voce contraria è quella di Jonathan Turley della George Washington University Law School, secondo cui ci sono sul campo fatti che meritano un’indagine, ma considera “sgangherata e lacunosa” l’inchiesta che avrebbe portato alla stesura degli articoli dell’impeachment.

Nelle stesse ore, Trump e signora hanno lasciato il vertice Nato di Londra dopo aver annullato la conferenza stampa finale: al presidente non è andato giù il fuori onda in cui diversi leader sembravano prendersi gioco di lui.

Stati Uniti
Trump chiude la campagna
tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna<br>tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”
Fauci contesta l’uso delle sue parole in uno spot elettorale
Fauci contesta l’uso delle sue parole in uno spot elettorale
Estrapolata da una vecchia intervista, la frase “Non posso immaginare qualcuno che possa fare meglio” non era riferita a Trump, ma alla risposta delle autorità sanitare federali. “Non ho mai appoggiato nessun presidente”