Nelle scuole della Florida arriva il panic button

| Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland

+ Miei preferiti
A due anni di distanza dalla strage alla “Majority Stoneman High School” di Parkland, in Florida, le autorità sono prossime a proporre l’introduzione dei “panic button” in ogni scuola.

La misura, nota come “Legge di Alyssa”, stabilisce un collegamento elettronico costante tra le scuole e le forze dell’ordine e ridurrebbe il caos e il terrore, diventati evidente quando il 19enne Nikolas Cruz ha vagato indisturbato all’interno del liceo Marjory Stoneman Douglas il giorno di San Valentino 2018, uccidendo 17 persone e ferendone altrettante.

Il Senato della Florida ha approvato all’unanimità il provvedimento che prevede l’istituzione di un a bottone antipanico che, una volta attivato, avvisa contemporaneamente il personale scolastico e le forze dell’ordine. Una commissione che ha analizzato le carenze che hanno favorito la strage di Parkland ha accertato che le comunicazioni tra i primi soccorritori si sono interrotte. A volte, i sistemi radio sono stati resi inutili perché alcuni canali sono andate in sovraccarico o le radio non erano in grado di comunicare tra i diversi canali e giurisdizioni. “Le radio erano come mattoni: non funzionavano”, ricorda Lori Alhadeff, la madre di Alyssa, una quattordicenne morta nella strage che da allora lotta per rendere più sicure le scuole americane.

“Non c’erano allarmi, ce ne fosse stato uno, gli insegnanti l’avrebbero visto sui loro telefoni e saputo come agire, magari chiudere a chiave e barricare le aule e mettere in salvo i ragazzi”.

Quel giorno, senza una comunicazione diretta, diversi fra insegnanti e personale erano convinti che si trattasse di un’esercitazione. Una volta consapevoli del pericolo, si sono trovati di fronte alla necessità di tentare la fuga o trovare un riparo sicuro.

Lori Alhadeff, diventata membro del consiglio scolastico della contea di Broward, ha passato una giornata al Campidoglio perché la proposta passasse: “Sono qui per vedere che la legge dedicata ad Alyssa tagli il traguardo”.

Simili progetti di legge sono stati presentati anche a New York e in Nebraska, mentre lo scorso anno il New Jersey è diventato il primo Stato a mettere in atto un sistema di allarme.

La misura della Florida prevede uno stanziamento di 8 milioni di dollari destinato alle scuole: quando il governatore firmerà la legge, tutti gli istituti scolastici saranno obbligati a installare un sistema di pulsanti antipanico mobile - compresa un’applicazione per smartphone - collegati direttamente con la polizia e con il personale di emergenza.

Galleria fotografica
Nelle scuole della Florida arriva il panic button - immagine 1
Nelle scuole della Florida arriva il panic button - immagine 2
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda