Nelle scuole della Florida arriva il panic button

| Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland

+ Miei preferiti
A due anni di distanza dalla strage alla “Majority Stoneman High School” di Parkland, in Florida, le autorità sono prossime a proporre l’introduzione dei “panic button” in ogni scuola.

La misura, nota come “Legge di Alyssa”, stabilisce un collegamento elettronico costante tra le scuole e le forze dell’ordine e ridurrebbe il caos e il terrore, diventati evidente quando il 19enne Nikolas Cruz ha vagato indisturbato all’interno del liceo Marjory Stoneman Douglas il giorno di San Valentino 2018, uccidendo 17 persone e ferendone altrettante.

Il Senato della Florida ha approvato all’unanimità il provvedimento che prevede l’istituzione di un a bottone antipanico che, una volta attivato, avvisa contemporaneamente il personale scolastico e le forze dell’ordine. Una commissione che ha analizzato le carenze che hanno favorito la strage di Parkland ha accertato che le comunicazioni tra i primi soccorritori si sono interrotte. A volte, i sistemi radio sono stati resi inutili perché alcuni canali sono andate in sovraccarico o le radio non erano in grado di comunicare tra i diversi canali e giurisdizioni. “Le radio erano come mattoni: non funzionavano”, ricorda Lori Alhadeff, la madre di Alyssa, una quattordicenne morta nella strage che da allora lotta per rendere più sicure le scuole americane.

“Non c’erano allarmi, ce ne fosse stato uno, gli insegnanti l’avrebbero visto sui loro telefoni e saputo come agire, magari chiudere a chiave e barricare le aule e mettere in salvo i ragazzi”.

Quel giorno, senza una comunicazione diretta, diversi fra insegnanti e personale erano convinti che si trattasse di un’esercitazione. Una volta consapevoli del pericolo, si sono trovati di fronte alla necessità di tentare la fuga o trovare un riparo sicuro.

Lori Alhadeff, diventata membro del consiglio scolastico della contea di Broward, ha passato una giornata al Campidoglio perché la proposta passasse: “Sono qui per vedere che la legge dedicata ad Alyssa tagli il traguardo”.

Simili progetti di legge sono stati presentati anche a New York e in Nebraska, mentre lo scorso anno il New Jersey è diventato il primo Stato a mettere in atto un sistema di allarme.

La misura della Florida prevede uno stanziamento di 8 milioni di dollari destinato alle scuole: quando il governatore firmerà la legge, tutti gli istituti scolastici saranno obbligati a installare un sistema di pulsanti antipanico mobile - compresa un’applicazione per smartphone - collegati direttamente con la polizia e con il personale di emergenza.

Galleria fotografica
Nelle scuole della Florida arriva il panic button - immagine 1
Nelle scuole della Florida arriva il panic button - immagine 2
Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi