New York, il terzo mondo degli ospedali

| Letteralmente travolti dalla crescita di casi, gli ospedali della più grande metropoli del mondo sono dei veri campi di battaglia dove manca tutto

+ Miei preferiti
“Era previsto, ma non è bastato: quando sono arrivati i primi pazienti positivi, si è scatenato l’inferno”. A parlare è un medico di New York che in cambio dell’anonimato ha raccontato la vita in un ospedale preparato senza esserlo, che da due settimane combatte come può all’arrivo quotidiano di centinaia di persone colpite da coronavirus: 15 giorni sufficienti perché scorte, attrezzature e ventilatori polmonari non fossero sufficienti neanche per i casi più gravi. “Non abbiamo le macchine, non abbiamo i letti, e pensare che siamo a New York, una delle metropoli più grandi ed evolute del mondo dà la dimensione del disastro. È uno scenario da paese del terzo mondo, sconvolgente e indescrivibile, ma non credo che all’esterno si capisca la gravità di questa malattia, è molto peggio di qualsiasi possibile descrizione”.

All’inizio, i pazienti erano principalmente in una fascia d’età superiore ai 70 anni, ma nell’ultima settimana è cambiato tutto: c’è gente con meno di 50 anni che arriva in ospedale cercando aiuto e muore poco dopo, senza neanche entrare in corsia. Gli esperti di sanità pubblica, tra cui il chirurgo Jerome Adams, hanno lanciato l’allarme: “Gli Stati Uniti potrebbero addirittura superare l’Italia e la Spagna, dove i medici sono costretti a scegliere chi salvare”.

“La realtà è che quello che stiamo vedendo in questo momento è terribile - ha commentato il dottor Craig Spencer, direttore della sanità globale in medicina d’urgenza presso il NewYork-Presbyterian/Columbia University Medical Center di New York - la settimana scorsa si parlava di uno o due pazienti affetti da coronavirus. Ieri, quasi tutti erano stati contagiati, e diversi versavano in condizioni estremamente gravi”.

I funzionari sanitari statali fanno pressioni perché gli ospedali aumentino la capacità del posti letto: lo stato ospita più del 6% dei casi confermati finora nel mondo, e circa la metà di tutti quelli registrati negli Stati Uniti.

A New York City, secondo il governatore Cuomo, sono in corso piani per costruire ospedali di emergenza e riempire spazi come il “Javits Center” con 1.000 letti. Inoltre, migliaia di medici e infermieri in pensione hanno dato la loro disponibilità come “surge health care force”. Sforzi immani anche per procurare ventilatori: New York sarebbe riuscita a procurarsi 7.000 apparecchi che si aggiungono ai 4.000 già disponibili, e la Casa Bianca ha confermato l’invio di due carichi di 2.000 pezzi entro la settimana, “Ma ne servono almeno 30.000”, ha commentato Cuomo.

“Una pandemia di questa portata ha il potere di travolgere qualsiasi sistema sanitario al mondo - ha avvertito il dottor Anthony Fauci, il miglior esperto di malattie infettive degli Stati Uniti - senza ventilatori si dovranno prendere decisioni molto difficili”.

E non è solo New York a sentire l’enorme pressione: gli ospedali di tutto il Paese assistono ad un’impennata di pazienti e ad una progressiva carenza di dispositivi di protezione personale come maschere e camici. Un’infermiera di un pronto soccorso della Virginia ha descritto l’ospedale dove lavora “in preda al caos”, con un reparto di emergenza dove le potenziali vittime di Covid-19 sono sedute accanto a pazienti con altri problemi di salute.

Judy Sheridan-Gonzalez, infermiera del pronto soccorso del “Montefiore Medical Center” e presidente dell’Associazione infermieri dello Stato di New York, ha rivelato che “tutti, medici e infermieri, sono terrorizzati dal timore di essere infettati perché molti non hanno attrezzature protettive adeguate. Sentiamo il dovere di prenderci cura dei pazienti, ma non vogliamo ammalarci, anche perché se il virus fa fuori gli operatori sanitari, è game over”. 

La capacità dei sistemi sanitari statunitensi è al centro dello sforzo di “appiattire la curva” distribuendo il numero di infezioni nel tempo attraverso misure come la distanza sociale, ma la sensazione è di trovarsi solo all’inizio dell’epidemia. “Lo si sente, si può percepire: siamo partiti troppo tardi per fermare il virus. Punto e basta. E ora possiamo solo sperare di rallentarne la diffusione, perché gli ospedali si stanno avvicinando alla saturazione e stiamo finendo i ventilatori, ma le sirene delle ambulanze non si fermano mai, giorno e notte”.

Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia