New York, in aumento i casi di violenza

| Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia

+ Miei preferiti
Fino alla metà degli anni Novanta, New York era considerata una città estremamente pericolosa: la “tolleranza zero” voluta dall’ex sindaco Rudy Giuliani, che non ammetteva nemmeno il mancato pagamento del biglietto della metropolitana, aveva dato la svolta alla “Grande Mela”, fino a conquistarsi il titolo di città più sicura d’America.

Ma il lockdown per la pandemia, che si è portato appresso una crisi economica devastante, e le proteste antirazziali scatenate dalla morte di George Floyd, hanno nuovamente cambiato la prospettiva. In soli tre giorni, fra il 10 ed il 13 luglio, 53 persone sono finite in ospedale con ferite d’arma da fuoco e altre quattro sui tavoli dell’obitorio. Degna continuazione del weekend del 4 luglio, quello dell’Indipendence Day, “celebrato” – secondo i dati ufficiali – con 64 sparatorie. In totale, dal 1 gennaio al 12 luglio dello scorso anno i crimini violenti in città erano stati 394, saliti a 634 nello stesso arco di tempo di quest’anno. Ed è una violenza che non conosce limiti e pietà: Davell Gardner, un bimbo di un anno, è stato ucciso da un colpo di pistola durante un barbeque con la famiglia interrotto dall’arrivo di due killer che hanno iniziato a sparare all’impazzata sul gruppo. Episodi quasi uguali ad altri due, avvenuti a Brooklyn e ad Harlem, questa volta a danni di due ragazzini di 12 e 15 anni, feriti in modo grave e trasportati in ospedale, dove lottano fra la vita e la morte.

Bill De Blasio, il sindaco, ha tentato di stigmatizzare l’ondata di violenza parlando di un aumento esponenziale di povertà, rabbia, disoccupazione e timori verso il futuro, ma il capo della polizia Dermot F. Shea ha puntato invece il dito sulla nuova legge sulla cauzione che permette a molti delinquenti di pagare e tornare in libertà. Ma sul tavolo degli imputati è finito lo stesso capo della polizia, accusato di aver smantellato una divisione che si occupava di indagini sul possesso di armi e crimini violenti che ha tolto dalle strade di New York pattuglie che presidiavano il territorio.

E non è solo New York ad assistere ad un’impennata della violenza: anche Chicago, Philadelphia, Houston, Atlanta, Denver, Milwakee e Los Angeles vivono lo stesso preoccupante aumento dei casi di violenza.

Articoli correlati
Galleria fotografica
New York, in aumento i casi di violenza - immagine 1
New York, in aumento i casi di violenza - immagine 2
New York, in aumento i casi di violenza - immagine 3
Stati Uniti
Sparatoria alla Casa Bianca
Sparatoria alla Casa Bianca
La sicurezza avrebbe aperto il fuoco contro un uomo armato che si avvicinava ai cancelli ignorando gli avvisi. Trump portato la sicuro dai servizi segreti
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Uno scoop del NYT svela le manovre del presidente e della Casa Bianca per aggiungere il volto di Trump a quelli dei padri della patria
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Secondo uno studio demografico, un numero record di persone sta rinunciando alla cittadinanza statunitense. Fra i motivi le politiche di Trump e le tasse troppo elevate
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Dal 1984, Allan Lichtman non sbaglia un risultato elettorale. Tutto secondo lui si basa sulle 13 chiavi che bisogna conquistare per conquistare la Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso