New York, la strage dei senzatetto

| Quattro vittime, tutte uccise con una sbarra di metallo mentre dormivano per strada. Arrestato un 24enne, sarebbe uno di loro

+ Miei preferiti
“Homeless”, senza casa: ad agosto a New York ne hanno contati 61.674, più di 20mila sono bambini. È in questa squallida realtà, che fa a pugni con le vetrine scintillanti che brulicano di turisti e i grattacieli a grappoli, che nelle ultime ore si è consumata una strage atroce, che ha lasciato l’America con un senso di amarezza profonda. 

Tutto inizia all’una e mezza della notte di sabato, quando una telefonata al 911 avverte la polizia che all’interno di un palazzo a Chinatown c’è il corpo senza vita di un uomo, probabilmente un barbone. Quando gli agenti arrivano, scoprono un altro uomo di 49 anni con profonde ferite alla testa: non è morto, ma per puro caso. Lotta ancora fra la vita e la morte in un ospedale. Diversi testimoni raccontano di aver visto un giovane vestito con abiti scuri colpire con forza le due vittime, per poi allontanarsi a piedi.

Una manciata di minuti dopo, nella zona di East Broadway saltano fuori altri tre cadaveri: sono tutti homeless, e tutti uccisi mentre dormivano con la testa fracassata da una spranga di metallo.

L’assassino – racconta poco dopo Michael Baldassano, responsabile dell’ufficio investigativo – sarebbe stato arrestato: è un 24enne, anche lui senzatetto, che avrebbe confessato, ma senza ancora chiarire il movente di tanta furia. “Non ha agito per razza, religione, età o altra natura”, commenta la polizia, per poi precisare: “Ha usato un pesante tubo di metallo lungo un metro”.

Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo