New York, suicida la dottoressa di un pronto soccorso

| Lorna Breen, direttrice del pronto soccorso New York Presbyterian Allen non ha retto all’enorme stress: guidava la task force del Covid-19 ed era stata contagiata

+ Miei preferiti
A uccidere Lorna Breen, direttrice del pronto soccorso dell’ospedale “Presbyterian Allen” di New York non è stato il coronavirus, ma l’enorme carico di stress di un medico che voleva salvare tutti, ma quando ha capito che le forze non le bastavano più, ha pensato di aver fallito.

Sono i contorni tristissimi di una vicenda che sta rimbalzando sui media americani da ore, alzando il velo per l’ennesima volta sul ruolo dei medici, gente che non sceglie quel mestiere per sentirsi chiamare eroe, ma perché ha forza a sufficienza per lottare con la morte e strappare quante più vite possibili.

Lorna Breen, 49 anni, era un medico di lungo corso, e quando la pandemia ha gettato nel terrore la sua città non ha esitato a mettersi alla guida della task force ospedaliera che doveva affrontare le centinaia di casi di Covid-19 che ogni giorno di più invadevano letti, corsie e corridoi dell’ospedale. Qualche settimana fa il virus aveva colpito anche lei: si era curata ed era tornata al suo lavoro dopo neanche due settimane, ma la direzione sanitaria dell’ospedale le aveva ordinato di restare a casa. E qualcosa dentro di lei si è rotto.

Suo padre, anche lui medico, racconta di averla sentita qualche giorno fa: era stanca, sembrava distante, assorta in altri pensieri. Gli aveva raccontato di troppi pazienti che morivano ancor prima di riuscire ad entrare nel pronto soccorso, travolti da un virus che non ha tempo di aspettare e reclama ogni giorno centinaia di vite. La famiglia aveva deciso di allontanarla un po’ dall’enorme bagaglio di dolore a cui assisteva da mesi, portandola a Charlottesville, in Virginia. Ma appena è rimasta sola, Lorna si è uccisa.

“Gli operatori sanitari e i soccorritori non sono immuni agli effetti mentali o fisici della pandemia - ha commentato Rashall Brackney, capo della polizia di Charlottesville - ogni giorno operano nelle circostanze più stressanti e i dispositivi di protezione possono ridurre la probabilità di essere infettati, ma non proteggere dalla devastazione emotiva e mentale causata da questa malattia”.

È ancora una volta il padre a parlare, smentendo le voci secondo cui sua figlia Lorna fosse in depressione: “Non aveva alcun problema, fisico o mentale. Ha semplicemente cercato di fare il suo lavoro fino alla fine, e il suo lavoro l’ha uccisa. Era veramente nella trincea della prima linea: è stata un’eroina, e adesso il suo nome si aggiunge soltanto all’elenco dei morti”.

Galleria fotografica
New York, suicida la dottoressa di un pronto soccorso - immagine 1
New York, suicida la dottoressa di un pronto soccorso - immagine 2
New York, suicida la dottoressa di un pronto soccorso - immagine 3
Stati Uniti
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore