Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller

| Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"

+ Miei preferiti
Il giudice federale Reggie Walton ha aspramente criticato il procuratore generale William Barr per la gestione del rapporto Mueller, dicendo che la prima descrizione del non corrispondeva alle reali conclusioni del superprocuratore. Secondo il giudice, quello di Barr è stato un “tentativo calcolato” di aiutare il presidente Donald Trump, accusando il procuratore generale di aver “mancato di sincerità” verso l’opinione pubblica e il Congresso.

“La Corte non può conciliare alcune dichiarazioni fatte dal procuratore generale Barr con le conclusioni del rapporto Mueller”, ha scritto Walton. L’interpretazione iniziale annunciata pubblicamente da Barr sulle conclusioni dell’ex consigliere speciale Robert Mueller “fa sì che la Corte metta seriamente in dubbio il fatto che il Procuratore Generale abbia fatto un tentativo calcolato di influenzare il discorso pubblico sul Rapporto Mueller a favore del Presidente Trump, nonostante alcune conclusioni della versione redatta dicano l’esatto contrario”.

Barr è stato sotto tiro per mesi per i suoi a volte goffi tentativi di proteggere il Presidente e i suoi uomini all’interno del Dipartimento di Giustizia. Walton ha annunciato che rivedrà lui stesso l’intero rapporto Mueller per assicurarsi che il Dipartimento di Giustizia non lo “ritocchi” eccessivamente prima di renderlo pubblico.

Il giudice Walton si è detto “turbato” dalla lettera iniziale di Barr, che scagionava il Presidente da atti illeciti e allontanava dalla sua campagna l’interferenza russa. Walton ha anche criticato la conferenza stampa di Barr su quanto scoperto da Mueller. “La rapidità con cui il Procuratore Generale Barr ha rilasciato il riassunto delle conclusioni del Consigliere Speciale Mueller, insieme al fatto che il Procuratore Generale non è riuscito a fornire una rappresentazione accurata delle conclusioni esposte nel rapporto, induce la Corte a dubitare che l’intento fosse quello di creare un racconto unilaterale sul Rapporto, chiaramente in contrasto con quanto riportato nel testo”.

Barr ha impiegato solo due giorni per annunciare in una lettera di non aver trovato prova che qualcuno dello staff elettorale di Trump avesse avuto rapporti con emissari russi. Secondo Barr, “le prove non dimostrano in alcun modo che Trump abbia commesso un crimine o abbia agito in modo corrotto”.

Ma Mueller non si è arreso: inizialmente ha inviato una lettera a Barr, quindi ha espresso i suoi dubbi nel corso della testimonianza davanti al Congresso: “Barr non ha colto appieno il contesto, la natura e la sostanza del lavoro e delle conclusioni di questo Ufficio”. Mueller aveva documentato molteplici incontri e legami tra i funzionari della campagna di Trump e persone legate al governo russo. E sulla questione dell’ostruzione della giustizia, se il suo ufficio “avesse avuto la certezza che il Presidente non aveva chiaramente commesso un crimine, l’avremmo detto”. Le linee guida del Dipartimento di Giustizia hanno impedito a Mueller di accusare formalmente un Presidente in carica di un crimine.

“La Corte nutre gravi preoccupazioni circa l’obiettività del processo che ha preceduto la pubblicazione della versione del rapporto Mueller e il suo impatto sulle successive giustificazioni del Dipartimento”, ha scritto Walton.

La decisione mette di fatto il rapporto Mueller - che non è mai stato reso pubblico nella sua interezza - nelle mani del tribunale sotto sigillo. Una volta riesaminato, Walton potrebbe ordinare al Dipartimento di Giustizia di rendere disponibile una parte maggiore del rapporto, in base alla legge sulla libertà d’informazione.

Stati Uniti
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle