Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller

| Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"

+ Miei preferiti
Il giudice federale Reggie Walton ha aspramente criticato il procuratore generale William Barr per la gestione del rapporto Mueller, dicendo che la prima descrizione del non corrispondeva alle reali conclusioni del superprocuratore. Secondo il giudice, quello di Barr è stato un “tentativo calcolato” di aiutare il presidente Donald Trump, accusando il procuratore generale di aver “mancato di sincerità” verso l’opinione pubblica e il Congresso.

“La Corte non può conciliare alcune dichiarazioni fatte dal procuratore generale Barr con le conclusioni del rapporto Mueller”, ha scritto Walton. L’interpretazione iniziale annunciata pubblicamente da Barr sulle conclusioni dell’ex consigliere speciale Robert Mueller “fa sì che la Corte metta seriamente in dubbio il fatto che il Procuratore Generale abbia fatto un tentativo calcolato di influenzare il discorso pubblico sul Rapporto Mueller a favore del Presidente Trump, nonostante alcune conclusioni della versione redatta dicano l’esatto contrario”.

Barr è stato sotto tiro per mesi per i suoi a volte goffi tentativi di proteggere il Presidente e i suoi uomini all’interno del Dipartimento di Giustizia. Walton ha annunciato che rivedrà lui stesso l’intero rapporto Mueller per assicurarsi che il Dipartimento di Giustizia non lo “ritocchi” eccessivamente prima di renderlo pubblico.

Il giudice Walton si è detto “turbato” dalla lettera iniziale di Barr, che scagionava il Presidente da atti illeciti e allontanava dalla sua campagna l’interferenza russa. Walton ha anche criticato la conferenza stampa di Barr su quanto scoperto da Mueller. “La rapidità con cui il Procuratore Generale Barr ha rilasciato il riassunto delle conclusioni del Consigliere Speciale Mueller, insieme al fatto che il Procuratore Generale non è riuscito a fornire una rappresentazione accurata delle conclusioni esposte nel rapporto, induce la Corte a dubitare che l’intento fosse quello di creare un racconto unilaterale sul Rapporto, chiaramente in contrasto con quanto riportato nel testo”.

Barr ha impiegato solo due giorni per annunciare in una lettera di non aver trovato prova che qualcuno dello staff elettorale di Trump avesse avuto rapporti con emissari russi. Secondo Barr, “le prove non dimostrano in alcun modo che Trump abbia commesso un crimine o abbia agito in modo corrotto”.

Ma Mueller non si è arreso: inizialmente ha inviato una lettera a Barr, quindi ha espresso i suoi dubbi nel corso della testimonianza davanti al Congresso: “Barr non ha colto appieno il contesto, la natura e la sostanza del lavoro e delle conclusioni di questo Ufficio”. Mueller aveva documentato molteplici incontri e legami tra i funzionari della campagna di Trump e persone legate al governo russo. E sulla questione dell’ostruzione della giustizia, se il suo ufficio “avesse avuto la certezza che il Presidente non aveva chiaramente commesso un crimine, l’avremmo detto”. Le linee guida del Dipartimento di Giustizia hanno impedito a Mueller di accusare formalmente un Presidente in carica di un crimine.

“La Corte nutre gravi preoccupazioni circa l’obiettività del processo che ha preceduto la pubblicazione della versione del rapporto Mueller e il suo impatto sulle successive giustificazioni del Dipartimento”, ha scritto Walton.

La decisione mette di fatto il rapporto Mueller - che non è mai stato reso pubblico nella sua interezza - nelle mani del tribunale sotto sigillo. Una volta riesaminato, Walton potrebbe ordinare al Dipartimento di Giustizia di rendere disponibile una parte maggiore del rapporto, in base alla legge sulla libertà d’informazione.

Stati Uniti
La Russia al lavoro per Trump,
Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump,<br>Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo