Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump

| Una donna chiede l’esame del Dna del presidente per dimostrare di essere stata violentata da lui. Una battaglia legale per gli avvocati di Trump, che si sono rivolti all’alta corte perché il presidente non è costituzionalmente accusabile

+ Miei preferiti
Non c’è solo l’incubo Joe Biden ad affacciarsi sull’orizzonte di Donald Trump, ma un caso che potrebbe incidere non poco sulla campagna per la sua rielezione. Gli avvocati del presidente, rimbalza sui media in queste ore, stanno facendo tutte le pressioni possibili su un giudice per fermare la causa intentata da una donna che chiede l’esame del DNA del presidente per provare di essere stata violentata da lui negli anni ‘90.

L’ex editorialista E. Jean Carroll ha citato in giudizio la Trump per averle dato della bugiarda quando lo scorso anno ha reso pubblica l’accusa di stupro. Gli avvocati di Trump sostengono che il caso - compresa la richiesta del DNA – spetta alla più alta corte di New York. Ma la donna, davanti al giudice Verna Saunders, ha affermato che sta portando avanti la causa “non solo per me stessa, ma per ogni donna in America che è stata palpeggiata, molestata, aggredita sessualmente, e che ha parlato finendo disonorata, svergognata o licenziata”.

La Carroll afferma che Trump l’ha aggredita nel camerino di un grande magazzino di lusso a metà degli anni ‘90, durante un tranquillo pomeriggio di shopping insieme. Trump ribadisce che la donna “sta mentendo”, con l’unico scopo di vendere il suo libro di memorie, aggiungendo in un’intervista che “non è neanche il mio tipo”. Ha detto di non aver mai incontrato Jean Carroll, malgrado una del 1987 suggerisca l’esatto contrario.

Da allora, la Carroll sta tentando di obbligare Trump a depositare un campione di DNA per dimostrare che corrisponde al materiale genetico maschile non ancora identificato trovato sul vestito che lei dice di aver indossato durante la presunta aggressione.

Gli avvocati di Trump hanno chiesto al tribunale di sospendere il caso fino a quando la più alta corte di New York deciderà . insieme ad un caso di diffamazione presentato da un’altra donna - se un presidente in carica possa essere citato in tribunale per presunta condotta al di fuori dei suoi doveri ufficiali. “I tribunali sono tenuti a dare deferenza al presidente”, ha detto uno dei suoi avvocati, Christine Montenegro.

L’avvocato della Carroll, Roberta Kaplan, ha proposto di rinviare la richiesta del DNA e l’interrogatorio preprocessuale giurato di Trump fino alla pronuncia dell’alta corte, ma in cambio ha chiesto di permettere la raccolta di altre prove. Gli avvocati di Trump hanno respinto la proposta.

La Carroll chiede un risarcimento dei danni e una ritrattazione delle dichiarazioni di Trump, che secondo lei ha danneggiato la sua reputazione e la sua carriera, culminata con il licenziamento in tronco dalla rivista “Elle”, dove lavorava da 26 anni.

Galleria fotografica
Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump - immagine 1
Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump - immagine 2
Stati Uniti
L’ultimo weekend di Trump,
mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump,<br>mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere
L’America si prepara alla guerra
L’America si prepara alla guerra
L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Il 25esimo emendamento sembra difficile che arrivi, al contrario dell’impeachment. Fra i contrario lo stesso Biden, che non vuole passare i primi giorni di presidenza a cercare una condanna per Trump invece di pensare ai problemi del Paese
La resa dei conti di Capitol Hill
La resa dei conti di Capitol Hill
Uno dopo l’altro, i protagonisti della protesta stanno finendo in manette: fra loro emergono numerosi agenti e militari fuori servizio. Contro Trump, sempre più isolato, si compatta il fronte di chi chiede il 25esimo emendamento
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
Gli esperti in sicurezza informatica da giorni notavano sui siti di estrema destra un crescendo di minacce e inviti alla violenza per bloccare i lavori del Campidoglio. E crescono le preoccupazioni per il giorno del giuramento di Biden
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Gli agenti “arrendevoli” di fronte alla folla di bianchi che prendeva d’assalto il Campidoglio, messa a confronto con le proteste della scorsa estate per la morte di George Floyd