Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump

| Una donna chiede l’esame del Dna del presidente per dimostrare di essere stata violentata da lui. Una battaglia legale per gli avvocati di Trump, che si sono rivolti all’alta corte perché il presidente non è costituzionalmente accusabile

+ Miei preferiti
Non c’è solo l’incubo Joe Biden ad affacciarsi sull’orizzonte di Donald Trump, ma un caso che potrebbe incidere non poco sulla campagna per la sua rielezione. Gli avvocati del presidente, rimbalza sui media in queste ore, stanno facendo tutte le pressioni possibili su un giudice per fermare la causa intentata da una donna che chiede l’esame del DNA del presidente per provare di essere stata violentata da lui negli anni ‘90.

L’ex editorialista E. Jean Carroll ha citato in giudizio la Trump per averle dato della bugiarda quando lo scorso anno ha reso pubblica l’accusa di stupro. Gli avvocati di Trump sostengono che il caso - compresa la richiesta del DNA – spetta alla più alta corte di New York. Ma la donna, davanti al giudice Verna Saunders, ha affermato che sta portando avanti la causa “non solo per me stessa, ma per ogni donna in America che è stata palpeggiata, molestata, aggredita sessualmente, e che ha parlato finendo disonorata, svergognata o licenziata”.

La Carroll afferma che Trump l’ha aggredita nel camerino di un grande magazzino di lusso a metà degli anni ‘90, durante un tranquillo pomeriggio di shopping insieme. Trump ribadisce che la donna “sta mentendo”, con l’unico scopo di vendere il suo libro di memorie, aggiungendo in un’intervista che “non è neanche il mio tipo”. Ha detto di non aver mai incontrato Jean Carroll, malgrado una del 1987 suggerisca l’esatto contrario.

Da allora, la Carroll sta tentando di obbligare Trump a depositare un campione di DNA per dimostrare che corrisponde al materiale genetico maschile non ancora identificato trovato sul vestito che lei dice di aver indossato durante la presunta aggressione.

Gli avvocati di Trump hanno chiesto al tribunale di sospendere il caso fino a quando la più alta corte di New York deciderà . insieme ad un caso di diffamazione presentato da un’altra donna - se un presidente in carica possa essere citato in tribunale per presunta condotta al di fuori dei suoi doveri ufficiali. “I tribunali sono tenuti a dare deferenza al presidente”, ha detto uno dei suoi avvocati, Christine Montenegro.

L’avvocato della Carroll, Roberta Kaplan, ha proposto di rinviare la richiesta del DNA e l’interrogatorio preprocessuale giurato di Trump fino alla pronuncia dell’alta corte, ma in cambio ha chiesto di permettere la raccolta di altre prove. Gli avvocati di Trump hanno respinto la proposta.

La Carroll chiede un risarcimento dei danni e una ritrattazione delle dichiarazioni di Trump, che secondo lei ha danneggiato la sua reputazione e la sua carriera, culminata con il licenziamento in tronco dalla rivista “Elle”, dove lavorava da 26 anni.

Galleria fotografica
Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump - immagine 1
Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump - immagine 2
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda