O.J. ricorda Jacko

| In un breve video, Simpson ricorda che nel momento peggiore delle sue vicende giudiziarie, Jackson fu l’unico a offrirgli aiuto e appoggio

+ Miei preferiti
Nel silenzio assoluto che ha avvolto il decimo anniversario della morte di Michael Jackson, ha voluto fare eccezione O.J. Simpson, ex stella del football americano le cui imprese sportive non ricorda quasi più nessuno, preferendo i casi di cronaca di cui è stato protagonista.

Nel giorno dell’anniversario della scomparsa di “Jacko”, O.J. ha voluto rendergli omaggio per ricordare un episodio che secondo lui la dice lunga sulla profonda umanità di Michael. Nei giorni drammatici dell’omicidio della ex moglie, l’unico a tendere una mano alla sua famiglia era stato proprio Jackson, aprendo le porte di Neverland a lui e i suoi figli, assediati giorno e notte da giornalisti e troupe televisive. Nessuno meglio di Michael poteva capire la situazione: qualche anno prima aveva pagato circa 20 milioni di dollari per risolvere una denuncia di molestia, ma l’assedio dei media non mollava.



In un video registrato seduto su una golf-car e diffuso sul suo account Twitter, Simpson non ha indicato date precise, ma è comunque facile capire che le visite della sua famiglia a Neverland risalgano alla metà degli anni ‘90, quando O.J., con un verdetto che ancora oggi fa discutere, fu assolto dall’accusa di aver ucciso la madre dei suoi figli, Nicole Brown e un amico, Ron Goldman.

“La mia casa era sotto assedio da parte dei media: Michael lo venne a sapere, mi chiamò e disse: ‘OJ, devi portare i bambini al Neverland Ranch, gli piacerebbe molto. L’ho fatto, ed è stato meraviglioso”. Appendice doverosa al discorso: “Non sapevo molto della ‘vita privata’ di Jackson. Quello che so è la mia esperienza con lui, un’anima gentile e generosa. Riposa in pace, Michael”.

Come riportato dalla CNN, nel 1996, i genitori di Nicole Brown, Lou e Juditha Brown, si sono presi cura dei figli della coppia, Sydney e Justin, mentre O.J. era sotto processo per gli omicidi del 12 giugno 1994.

Simpson è stato giudicato non colpevole il 3 ottobre 1995, e gli è stato concesso il diritto di vedere i suoi figli nei fine settimana. È l’inizio di una battaglia legale con la famiglia dell’ex moglie per la custodia dei piccoli, vinta da O.J. nel dicembre 1996, quando i suoi figli avevano rispettivamente 11 e 8 anni.

Nel 2007, Simpson è stato condannato a 33 anni per rapina a mano armata e sequestro di persona per aver fatto irruzione armato in una stanza dell’hotel “Palace Station” di Las Vegas: si è difeso affermando che stava tentando di recuperare dei memorabilia sportivi che gli erano stati rubati. È stato rilasciato nel cuore della notte del 1 ottobre 2017.

Galleria fotografica
O.J. ricorda Jacko - immagine 1
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti