O.J. ricorda Jacko

| In un breve video, Simpson ricorda che nel momento peggiore delle sue vicende giudiziarie, Jackson fu l’unico a offrirgli aiuto e appoggio

+ Miei preferiti
Nel silenzio assoluto che ha avvolto il decimo anniversario della morte di Michael Jackson, ha voluto fare eccezione O.J. Simpson, ex stella del football americano le cui imprese sportive non ricorda quasi più nessuno, preferendo i casi di cronaca di cui è stato protagonista.

Nel giorno dell’anniversario della scomparsa di “Jacko”, O.J. ha voluto rendergli omaggio per ricordare un episodio che secondo lui la dice lunga sulla profonda umanità di Michael. Nei giorni drammatici dell’omicidio della ex moglie, l’unico a tendere una mano alla sua famiglia era stato proprio Jackson, aprendo le porte di Neverland a lui e i suoi figli, assediati giorno e notte da giornalisti e troupe televisive. Nessuno meglio di Michael poteva capire la situazione: qualche anno prima aveva pagato circa 20 milioni di dollari per risolvere una denuncia di molestia, ma l’assedio dei media non mollava.



In un video registrato seduto su una golf-car e diffuso sul suo account Twitter, Simpson non ha indicato date precise, ma è comunque facile capire che le visite della sua famiglia a Neverland risalgano alla metà degli anni ‘90, quando O.J., con un verdetto che ancora oggi fa discutere, fu assolto dall’accusa di aver ucciso la madre dei suoi figli, Nicole Brown e un amico, Ron Goldman.

“La mia casa era sotto assedio da parte dei media: Michael lo venne a sapere, mi chiamò e disse: ‘OJ, devi portare i bambini al Neverland Ranch, gli piacerebbe molto. L’ho fatto, ed è stato meraviglioso”. Appendice doverosa al discorso: “Non sapevo molto della ‘vita privata’ di Jackson. Quello che so è la mia esperienza con lui, un’anima gentile e generosa. Riposa in pace, Michael”.

Come riportato dalla CNN, nel 1996, i genitori di Nicole Brown, Lou e Juditha Brown, si sono presi cura dei figli della coppia, Sydney e Justin, mentre O.J. era sotto processo per gli omicidi del 12 giugno 1994.

Simpson è stato giudicato non colpevole il 3 ottobre 1995, e gli è stato concesso il diritto di vedere i suoi figli nei fine settimana. È l’inizio di una battaglia legale con la famiglia dell’ex moglie per la custodia dei piccoli, vinta da O.J. nel dicembre 1996, quando i suoi figli avevano rispettivamente 11 e 8 anni.

Nel 2007, Simpson è stato condannato a 33 anni per rapina a mano armata e sequestro di persona per aver fatto irruzione armato in una stanza dell’hotel “Palace Station” di Las Vegas: si è difeso affermando che stava tentando di recuperare dei memorabilia sportivi che gli erano stati rubati. È stato rilasciato nel cuore della notte del 1 ottobre 2017.

Galleria fotografica
O.J. ricorda Jacko - immagine 1
Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi