O.J. ricorda Jacko

| In un breve video, Simpson ricorda che nel momento peggiore delle sue vicende giudiziarie, Jackson fu l’unico a offrirgli aiuto e appoggio

+ Miei preferiti
Nel silenzio assoluto che ha avvolto il decimo anniversario della morte di Michael Jackson, ha voluto fare eccezione O.J. Simpson, ex stella del football americano le cui imprese sportive non ricorda quasi più nessuno, preferendo i casi di cronaca di cui è stato protagonista.

Nel giorno dell’anniversario della scomparsa di “Jacko”, O.J. ha voluto rendergli omaggio per ricordare un episodio che secondo lui la dice lunga sulla profonda umanità di Michael. Nei giorni drammatici dell’omicidio della ex moglie, l’unico a tendere una mano alla sua famiglia era stato proprio Jackson, aprendo le porte di Neverland a lui e i suoi figli, assediati giorno e notte da giornalisti e troupe televisive. Nessuno meglio di Michael poteva capire la situazione: qualche anno prima aveva pagato circa 20 milioni di dollari per risolvere una denuncia di molestia, ma l’assedio dei media non mollava.



In un video registrato seduto su una golf-car e diffuso sul suo account Twitter, Simpson non ha indicato date precise, ma è comunque facile capire che le visite della sua famiglia a Neverland risalgano alla metà degli anni ‘90, quando O.J., con un verdetto che ancora oggi fa discutere, fu assolto dall’accusa di aver ucciso la madre dei suoi figli, Nicole Brown e un amico, Ron Goldman.

“La mia casa era sotto assedio da parte dei media: Michael lo venne a sapere, mi chiamò e disse: ‘OJ, devi portare i bambini al Neverland Ranch, gli piacerebbe molto. L’ho fatto, ed è stato meraviglioso”. Appendice doverosa al discorso: “Non sapevo molto della ‘vita privata’ di Jackson. Quello che so è la mia esperienza con lui, un’anima gentile e generosa. Riposa in pace, Michael”.

Come riportato dalla CNN, nel 1996, i genitori di Nicole Brown, Lou e Juditha Brown, si sono presi cura dei figli della coppia, Sydney e Justin, mentre O.J. era sotto processo per gli omicidi del 12 giugno 1994.

Simpson è stato giudicato non colpevole il 3 ottobre 1995, e gli è stato concesso il diritto di vedere i suoi figli nei fine settimana. È l’inizio di una battaglia legale con la famiglia dell’ex moglie per la custodia dei piccoli, vinta da O.J. nel dicembre 1996, quando i suoi figli avevano rispettivamente 11 e 8 anni.

Nel 2007, Simpson è stato condannato a 33 anni per rapina a mano armata e sequestro di persona per aver fatto irruzione armato in una stanza dell’hotel “Palace Station” di Las Vegas: si è difeso affermando che stava tentando di recuperare dei memorabilia sportivi che gli erano stati rubati. È stato rilasciato nel cuore della notte del 1 ottobre 2017.

Galleria fotografica
O.J. ricorda Jacko - immagine 1
Stati Uniti
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”