Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo

| Il giovane ucciso lo scorso febbraio a Vallejo, in California, è stato crivellato con 55 colpi d’arma da fuoco. La famiglia chiede giustizia, mentre un consulente giustifica la polizia

+ Miei preferiti
Lo scorso febbraio, il rapper ventenne Willie Bo viene ucciso dalla polizia all’esterno di un fast-food “Taco Bell” di Vallejo, in California. Le ricostruzioni dell’accaduto lasciano aperta qualche perplessità specie nella famiglia, che parla di un’esecuzione in piena regola, dovuta al colore della pelle di Willie McCoy, il vero nome del rapper.

Il procuratore Claudia Quintana ha respinto ogni accusa, affermando che la reazione degli agenti è stata “ragionevole e in linea con la formazione della polizia”. Il riferimento è ad un rapporto del 17 maggio scorso stilato dai consulenti della “Blake Consulting and Training Group” di Brentwood, in cui si analizza l’accaduto affermando che non c’è traccia di violazione degli aspetti costituzionali.

Secondo il rapporto, sei agenti di polizia di Vallejo avrebbero esploso ben 55 colpi in soli 3,5 secondi mentre Willie Bo era all’interno della sua auto. La Blake ha affermato che gli ufficiali avevano intenzione di arrestare McCoy per diversi reati, fra cui il possesso di arma da fuoco sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e la resistenza a pubblico ufficiale.

Uno degli agenti, avvicinandosi alla Mercedes su cui dormiva McCoy, ha riferito ai colleghi di aver visto una pistola in grembo al giovane, indicazione confermata da altri due ufficiali. Le riprese degli impianti di videosorveglianza acquisite, che mostrano la scena da angolazioni diverse, inquadrano McCoy seduto al posto che di colpo muove entrambe le mani in direzione dell’arma. Sono attimi concitati in cui gli agenti ordinano al giovane di mostrare le mani: lui non sembra voler obbedire, e pochi secondi dopo un movimento il braccio sinistro viene interpretato come una minaccia dagli agenti che aprono il fuoco, uccidendolo.

Secondo Blake, i sei ufficiali avevano motivo di credere che McCoy rappresentasse una minaccia, e l’uso della forza era obiettivamente ragionevole e necessario sulla base delle circostanze.

L’avvocato per i diritti civili John Burris, che rappresenta la famiglia di McCoy, ha annunciato di voler intentare una causa contro la città di Vallejo e la polizia locale, accusata di “non essere riuscita a stabilire un piano per far uscire McCoy in sicurezza dall’autovettura”. È inspiegabile, secondo il legale, che gli agenti non abbiano neanche tentato di risolvere la questione senza sparare.

Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare