Processo al Chapo, orrori e corruzione

| Prime udienze, sotto eccezionali misure di sicurezza, al "Chapo", il narcos messicano più potente del mondo. Un pentito lo attacca: "Godeva ad uccidere i rivali, sparava e smaltiva i corpi". Pistole con diamanti e fucili d'oro

+ Miei preferiti

Il processo in corso a New York di Joaquín "El Chapo" Guzmán Loera si sta trasformando in una galleria degli orrori. La giuria anonima e sotto stretta sorveglianza, ha già ascoltato dichiarazioni che si addicono più a un narco dramma televisivo che alla realtà. Sono emersi infatti dettagli scioccanti sugli assassini in serie dei rivali, sui crimini legati al traffico di armi e sul riciclaggio di denaro, attraverso il testimone chiave del governo: Gesù Zambada Garcia, conosciuto anche come "El Rey" o "Il Re”, ex sodale e complice de il “Chapo”. L’ex boss ha descritto il funzionamento interno del cartello di Sinaloa e delle sue figure centrali, compreso suo fratello, Ismael "El Mayo" Zambada. Guzmán "era il partner di mio fratello", disse Zambada Garcia ai giurati. "Mio fratello e 'Chapo' giunsero ad un accordo per la creazione di un partenariato al 50%”. Zambada Garcia ha ricordato di aver pagato innumerevoli funzionari messicani durante il suo mandato, dal 1987 al 2001, con il cartello di Sinaloa. Una volta, Guzmán gli chiese di consegnare 100 mila dollari ad un generale  messicano per assicurarsi che una spedizione di droga fosse consegnata senza interruzioni, ha detto Zambada Garcia.

Zambada Garcia ha anche testimoniato che ha contribuito a coordinare la fuga di Guzmán nel 2001 da una prigione messicana aiutando a portare un elicottero a Guzmán, ha detto, aggiungendo che era la prima volta che incontrava Guzmán faccia a faccia.

Le testimonianze più drammatiche di Zambada Garcia riguardano la gerla tra narcos. Ha detto di sapere che Guzmán progettava di uccidere un leader del cartello rivale, Ramon Arellano Felix, che si era scontrato con Guzmán per il controllo delle rotte del narcotraffico. Felix è stato ucciso nel 2002, un decennio dopo il fallito attentato alla sua vita durante una sparatoria in un locale notturno messicano. Zambada Garcia ha appreso da suo fratello che la polizia dello stato messicano di Sinaloa aveva fermato Felix e gli ha sparato quando aveva cercato di fuggire, ”Se c'era qualcosa che gli aveva dato piacere (Guzmán), era la morte di Ramon Arellano", ha detto Zambada Garcia in tribunale mentre Guzmán era seduto al tavolo della difesa.

Zambada Garcia, che dovrebbe tornare in tribuna lunedì, attende la sentenza poiché si è dichiarato colpevole di accuse federali per droga e ha accettato di cooperare con il governo.

I pubblici ministeri hanno chiamato altri due testimoni durante la prima settimana del processo di Guzmán: un ex agente dell'Immigration and Customs Enforcement agent statunitense che ha scoperto un tunnel di contrabbando dal Messico all'Arizona nel 1990 e un agente della Drug Enforcement Administration statunitense che aveva sequestrato quasi 200 kg di cocaina scoperta nel tunnel.

L'assistente del procuratore degli Stati Uniti Adam Fels ha indicato  Guzmán come il capo di un impero criminale, una volta in grado di raccogliere 10 milioni di dollari di profitti annuali da affari di cocaina. Guzmán ha comandato un esercito di uomini armati “con una pistola incrostata di diamanti e un fucile placcato d’oro”, ha detto Fels.

"Guzmán stesso ha premuto il grilletto e ha ordinato lo smaltimento dei corpi", ha detto. L'avvocato della difesa Jeffrey Lichtman ha sostenuto che il caso era una manovra per incolpare un uomo per le droghe che si sono infiltrate negli Stati Uniti, anche dopo la cattura di Guzmán. "E' stato in prigione o nascosto dal 1993 al 2017; il flusso di droga non ha mai rallentato", ha detto Lichtman. "Eppure, è accusato di essere il leader". La verità è che era il leader del nulla". Il processo durerà almeno 4 mesi, El Chapo rischia l'ergastolo.

 
Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare