Processo al Chapo, orrori e corruzione

| Prime udienze, sotto eccezionali misure di sicurezza, al "Chapo", il narcos messicano più potente del mondo. Un pentito lo attacca: "Godeva ad uccidere i rivali, sparava e smaltiva i corpi". Pistole con diamanti e fucili d'oro

+ Miei preferiti

Il processo in corso a New York di Joaquín "El Chapo" Guzmán Loera si sta trasformando in una galleria degli orrori. La giuria anonima e sotto stretta sorveglianza, ha già ascoltato dichiarazioni che si addicono più a un narco dramma televisivo che alla realtà. Sono emersi infatti dettagli scioccanti sugli assassini in serie dei rivali, sui crimini legati al traffico di armi e sul riciclaggio di denaro, attraverso il testimone chiave del governo: Gesù Zambada Garcia, conosciuto anche come "El Rey" o "Il Re”, ex sodale e complice de il “Chapo”. L’ex boss ha descritto il funzionamento interno del cartello di Sinaloa e delle sue figure centrali, compreso suo fratello, Ismael "El Mayo" Zambada. Guzmán "era il partner di mio fratello", disse Zambada Garcia ai giurati. "Mio fratello e 'Chapo' giunsero ad un accordo per la creazione di un partenariato al 50%”. Zambada Garcia ha ricordato di aver pagato innumerevoli funzionari messicani durante il suo mandato, dal 1987 al 2001, con il cartello di Sinaloa. Una volta, Guzmán gli chiese di consegnare 100 mila dollari ad un generale  messicano per assicurarsi che una spedizione di droga fosse consegnata senza interruzioni, ha detto Zambada Garcia.

Zambada Garcia ha anche testimoniato che ha contribuito a coordinare la fuga di Guzmán nel 2001 da una prigione messicana aiutando a portare un elicottero a Guzmán, ha detto, aggiungendo che era la prima volta che incontrava Guzmán faccia a faccia.

Le testimonianze più drammatiche di Zambada Garcia riguardano la gerla tra narcos. Ha detto di sapere che Guzmán progettava di uccidere un leader del cartello rivale, Ramon Arellano Felix, che si era scontrato con Guzmán per il controllo delle rotte del narcotraffico. Felix è stato ucciso nel 2002, un decennio dopo il fallito attentato alla sua vita durante una sparatoria in un locale notturno messicano. Zambada Garcia ha appreso da suo fratello che la polizia dello stato messicano di Sinaloa aveva fermato Felix e gli ha sparato quando aveva cercato di fuggire, ”Se c'era qualcosa che gli aveva dato piacere (Guzmán), era la morte di Ramon Arellano", ha detto Zambada Garcia in tribunale mentre Guzmán era seduto al tavolo della difesa.

Zambada Garcia, che dovrebbe tornare in tribuna lunedì, attende la sentenza poiché si è dichiarato colpevole di accuse federali per droga e ha accettato di cooperare con il governo.

I pubblici ministeri hanno chiamato altri due testimoni durante la prima settimana del processo di Guzmán: un ex agente dell'Immigration and Customs Enforcement agent statunitense che ha scoperto un tunnel di contrabbando dal Messico all'Arizona nel 1990 e un agente della Drug Enforcement Administration statunitense che aveva sequestrato quasi 200 kg di cocaina scoperta nel tunnel.

L'assistente del procuratore degli Stati Uniti Adam Fels ha indicato  Guzmán come il capo di un impero criminale, una volta in grado di raccogliere 10 milioni di dollari di profitti annuali da affari di cocaina. Guzmán ha comandato un esercito di uomini armati “con una pistola incrostata di diamanti e un fucile placcato d’oro”, ha detto Fels.

"Guzmán stesso ha premuto il grilletto e ha ordinato lo smaltimento dei corpi", ha detto. L'avvocato della difesa Jeffrey Lichtman ha sostenuto che il caso era una manovra per incolpare un uomo per le droghe che si sono infiltrate negli Stati Uniti, anche dopo la cattura di Guzmán. "E' stato in prigione o nascosto dal 1993 al 2017; il flusso di droga non ha mai rallentato", ha detto Lichtman. "Eppure, è accusato di essere il leader". La verità è che era il leader del nulla". Il processo durerà almeno 4 mesi, El Chapo rischia l'ergastolo.

 
Stati Uniti
El Chapo nell’inferno dell’ADX Florence
El Chapo nell’inferno dell’ADX Florence
Il giudice aveva accordato altri 60 giorni nel carcere di Brooklyn per permettere al legale di preparare l’appello, ma le autorità carcerarie hanno voluto trasferirlo nell’Alcatraz on the Rocks, prigione da cui non è mai evaso nessuno
Mamma risolve il delitto della figlia, innocente in carcere per 22 anni
Mamma risolve il delitto della figlia, innocente in carcere per 22 anni
Angie Dodge muore 22 anni fa: da allora, sua madre Carol non ha mai smesso di indagare per rintracciare l’omicida. L’ha trovato per caso, scagionando anche un innocente che ha scontato decenni di galera
Trump? Merita l’impeachment
Trump? Merita l’impeachment
Il presidente della Camera dei Rappresentanti è convinto che il rapporto Mueller presenti prove sufficienti per la messa in stato d’accusa del presidente. Il 24 luglio Robert Mueller racconterà all’America cosa ha scoperto
E ora Maduro vuol far la guerra agli USA
E ora Maduro vuol far la guerra agli USA
Jet venezuelano di fabbricazione russa s'è pericolosamente avvicinato a un aereo militare Usa che volava nello spazio aereo internazionale
Troppo caldo, la polizia chiede una tregua ai delinquenti
Troppo caldo, la polizia chiede una tregua ai delinquenti
Il dipartimento di polizia di Braintree, nel Massachusetts, ha chiesto ai propri concittadini di non commettere reati fino al ritorno dell’aria più fresca
Preti e suore arrestati per proteste contro Trump
Preti e suore arrestati per proteste contro Trump
Diversi gruppi cattolici hanno improvvisato un pacifico sit-in di protesta all’interno del senato americano: decine di persone sono state arrestate
Guarda un film porno, uccide un operaio
Guarda un film porno, uccide un operaio
È iniziato il processo a carico di un camionista del Minnesota che guardava video porno mentre guidava: una distrazione che è costata la vita a un uomo di 59 anni
Trump evita l’impeachment
Trump evita l’impeachment
La camera boccia la richiesta di messa in stato d’accusa per i tweet contro le quattro deputate di colore. Entusiasmo del presidente, ma i Dem replicano: è solo rinviata
Ergastolo per El Chapo
Ergastolo per El Chapo
Dopo la condanna dello scorso febbraio, per l’ex boss del cartello di Sinaloa è arrivata la pena da scontare: carcere a vita, più 30 anni aggiuntivi e 12,6 miliardi di dollari di risarcimento. Sarà rinchiuso al “Supermax”
USA: 130 morti al giorno per overdose
USA: 130 morti al giorno per overdose
Una strage quotidiana dovuta agli oppioidi, la nuova frontiera della tossicodipendenza, che sta iniziando a mietere vittime anche in Europa. Alla Scozia il primato peggiore dell’UE