Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto

| Si alza l’allarme per possibili disordini sociali nel caso il processo per l'omicidio dell'afroamericano si concluda con una sentenza favorevole all’ex agente Chauvin. Ovunque, la polizia annuncia misure di sicurezza straordinarie

+ Miei preferiti
L’America trema: lunedì, dopo le arringhe di accusa e difesa, il processo all’ex agente Derek Chauvin, accusato dell’omicidio di George Floyd, ucciso premendogli un ginocchio sul collo per nove minuti e 29 secondi, si avvia alla conclusione, e Minneapolis e le altre grandi città americane si stanno preparando ad una possibile nuova ondata di proteste e disordini civili.

Il verdetto di uno dei processi sulla brutalità della polizia più seguiti negli ultimi decenni arriva mentre diverse metropoli americane iniziano a riprendersi dalle proteste per i nuovi casi di violenza che hanno nuovamente fatto il giro del mondo: l’uccisione del ventenne Daunte Wright da parte di un agente di Brooklyn Center e la brutale uccisione di Adam Toledo, un 13enne di Chicago.

Il sovrintendente scolastico di Minneapolis Ed Graff ha comunicato a scuole, insegnanti e genitori che a partire da mercoledì e almeno fino al termine della settimana le lezioni passeranno in Dad.

Nel centro di Minneapolis, dove la giuria è chiusa per arrivare alla sentenza, squadre di operai stanno installando barriere con filo spinato intorno a edifici pubblici, a cominciare dalle stazioni di polizia, mentre la Guardia Nazionale è già dispiegate in alcune parti del centro cittadino. Secondo il sindaco Jacob Frey, in città sarebbero presenti 2.000 uomini della Guardia Nazionale pronti a riportare l’ordine insieme a 1.100 agenti delle forze dell’ordine giunte da altre 12 giurisdizioni.

A Los Angeles, secondo il capitano Stacy Spell, la polizia ha intensificato gli sforzi di sensibilizzazione e pianificato di rendere disponibili ulteriori agenti. “Stiamo incoraggiando a protestare pacificamente. Non vogliamo che piccoli gruppi di individui con intenti malevoli dirottino quella che altrimenti sarebbe una manifestazione tranquilla”.

A San Francisco, il dipartimento di polizia ha annullato giorni di ferie e riposo a tutti gli agenti in servizio, e quello di Atlanta ha comunicato di aver coordinato il lavoro delle forze dell’ordine locali, statali e federali. Anche a New York City la polizia si prepara a far fronte alle proteste. “Ovviamente, tutto dipende dall’esito del verdetto”, ha aggiunto il sindaco Bill De Blasio. Dermot Shea, commissario di polizia a New York, ha ammesso che la città è una polveriera: dallo scorso anno, ha una media di 10-20 proteste al giorno. “Non è mai finita. Ma ancora una volta stiamo solo chiedendo a tutti coloro che vogliono esprimere le loro opinioni su questo processo di farlo in modo pacifico, senza danni alla proprietà”.

In una nota, il dipartimento di polizia di Filadelfia ha detto di essere preparato “con personale aggiuntivo per proteggere e pattugliare i luoghi strategici”, mentre a Washington il Dipartimento di Polizia sarà “completamente dispiegato, con personale su turni di 12 ore a partire da lunedì”.

Stati Uniti
Peccati e peccatori
dei servizi segreti americani
Peccati e peccatori<br>dei servizi segreti americani
Un libro scritto dalla plurivincitrice del Pulitzer Carol D. Leonning racconta un’agenzia lacerata da scandali e dolori. Ma svela anche le tresche con gli agenti di Vanessa e Tiffany, ex nuora e figlia di Trump
Strage a Colorado Springs
Strage a Colorado Springs
Otto morti, compreso l’attentatore, ad una festa di compleanno di famiglia in un’area per case mobili. L’attentatore ha risparmiato solo i bambini
Il South Carolina ripristina la fucilazione
Il South Carolina ripristina la fucilazione
La carenza di farmaci letali ha portato al ritorno della pena capitale attraverso il plotone di esecuzione. Per le associazioni umanitarie “un passo indietro verso le barbarie medievali”
Trump lancia un nuovo canale social
Trump lancia un nuovo canale social
Non è ancora quello che aveva in mente, ma più un sito canale diretto fra l’ex presidente e i suoi sostenitori. Nelle stesse ore, Facebook si riunisce per decidere se togliere l’embargo
Bill e Melinda si dicono addio
Bill e Melinda si dicono addio
I Gates, la coppia di miliardari filantropi, si è rotta: l’ha annunciato Bill con poche parole su Twitter. Ignoti i motivi della rottura, anche se si mormora sia stata lei a volere la separazione
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
Affetto da disturbi mentali, per anni è stato costretto a lavorare senza paga, picchiato e maltrattato dal titolare di una caffetteria. Ora la giustizia impone che gli venga restituito più di quanto avrebbe guadagnato
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
L’improvvisa perquisizione da parte dell’FBI dell’appartamento e degli uffici di Rudy Giuliani ha messo in allarme la rete dei collaboratori dell’ex presidente. Secondo molti, è iniziata la resa dei conti
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
Diverse grandi aziende offrono premi in denaro per i propri dipendenti, mentre stati come il West Virginia regala buoni in denaro. L’obiettivo è convincere milioni di no-vax e recalcitranti
I primi 100 giorni di Joe
I primi 100 giorni di Joe
Il presidente Biden parla al Paese promettendo di risollevare gli americani “abbandonati e dimenticati”: getta le basi per un’ambiziosa agenda economica e chiede la riforma della polizia e più divieti sulle armi
Altre due vittime della polizia americana
Altre due vittime della polizia americana
Mario Gonzalez soffocato come George Floyd, Andrew Brown Jr crivellato di colpi mentre tentava di sfuggire all’arresto. Si temono nuove ondate di proteste